laRegione
13.04.22 - 15:09
Aggiornamento: 18:35

Nick Cave, Björk, a-ha, Diana Ross e Måneskin al Montreux Jazz

Grandi nomi per la 56esima edizione del festival, fra leggende del jazz e del rock e nuove leve

Ats, a cura di Marco Narzisi
nick-cave-bjork-a-ha-diana-ross-e-maneskin-al-montreux-jazz
Keystone

La 56esima edizione del Montreux Jazz Festival, che si terrà dal 1° al 16 luglio, accoglierà numerosi artisti tra cui Nick Cave, Björk, a-ha, Diana Ross, Robert Plant, Jeff Beck, Van Morrison, Herbie Hancock, Måneskin e Paolo Nutini.

Lo hanno annunciato oggi gli organizzatori. Anni 60, 70, 80, 90 e 2000, leggende del jazz, rocker mitici, vecchie e nuove icone della musica pop, crooner, rapper, cantanti francesi e latini, artisti emergenti, duo a sorpresa e progetti speciali: questo il cartellone dell’edizione 2022 del Montreux Jazz Festival che, annullato nel 2020 e in formato ridotto nel 2021, torna alla riscossa dopo due anni di pandemia.

"Denso e colorato. Un panorama sonoro vertiginoso", così il direttore del festival vodese Mathieu Jaton riassume il programma di quest’estate. Dopo due edizioni di silenzio forzato "le due sale iconiche" del Montreux Jazz, l’Auditorium Stravinsky (4’000 posti) e il Montreux Jazz Lab (2’000 posti), potranno ridare al pubblico e agli artisti le emozioni della musica dal vivo. Sono circa 70 gli artisti che calcheranno il palco delle due sale a pagamento.

Serata d’apertura anni 80

Ad aprire la 56esima edizione, venerdì 1° luglio, ci penserà un gruppo culto degli anni 80, il trio norvegese di pop sintetica a-ha e le sue numerose hit, fra cui "Take on Me". Il primo fine settimana di musica sulle rive del Lemano ospiterà Nick Cave e i suoi Bad Seeds nonché Björk, che fa ritorno al Montreux Jazz Festival dopo ben 24 anni. La cantante islandese salirà sul palco con la Sinfonietta de Lausanne per una domenica sera orchestrale fra pop e elettronica.

Fra gli eventi chiave l’arrivo della diva del rhythm’n’blues degli anni sessanta, ma anche del soul e della disco, Diana Ross. L’icona di Detroit ed ex cantante delle Supremes sarà sulla Riviera per la prima volta. Tra "Baby Love" e "Upside Down", il suo concerto sarà sicuramente uno dei punti forti del festival.

Da notare anche l’arrivo di diversi duo d’eccezione: l’ex cantante dei Led Zeppelin Robert Plant suonerà con la regina del bluegrass Alison Krauss, il francese Jacques Dutronc verrà per la prima volta al festival, con suo figlio Thomas, mentre la leggenda britannica degli anni sessanta Jeff Beck promette la presenza di un ospite a sorpresa di sua scelta. Quest’ultimo si esibirà la stessa sera di Van Morrison, 76 anni e 21 inviti a Montreux.

Jazz eclettico e ibrido

Non mancherà la musica jazz. Herbie Hancock (30esima apparizione) e Jamie Cullum chiuderanno il Montreux Jazz con un gran finale sabato 16 luglio. In cartellone anche due grandi voci del jazz americano attuale, Melody Gardot e Gregory Porter. Ci sarà un omaggio agli anni settanta con la presenza di John McLaughlin e Alan Parsons Live Project, tra jazz fusion e rock progressivo.

Il trombettista Ibrahim Maalouf e il cantante Asaf Avidan completano questo programma jazz eclettico. Nubya Garcia e Lady Blackbird rappresenteranno la prossima generazione di musicisti.

L’Auditorium Stravinsky ospiterà anche i Måneskin, quartetto rock italiano vincitore dell’Eurovision Song Contest 2021, il crooner americano John Legend e quello scozzese Paolo Nutini, l’artista poliedrico Woodkid, la star colombiana Juanes e il duo di chitarre messicano Rodrigo Y Gabriela.

Nuove tendenze e sorprese

Uno dei grandi appuntamenti del Montreux Jazz Lab è fissato per martedì 12 luglio con la venuta dei due membri principali dei Radiohead, Thom Yorke e Johnny Greenwood. Diciannove anni dopo il concerto del gruppo britannico al Montreux Jazz, i due musicisti presenteranno il loro nuovo e originale progetto The Smile.

Su questo palco di artisti indipendenti, nuove tendenze e stelle attuali e future ci saranno anche Sophie Hunger, Years & Years, Phoebe Bridgers, Celeste, Stormzy, Black Pumas, Girl in Red, Arlo Parks e Mitski.

La biglietteria aprirà giovedì a mezzogiorno. Il programma dei concerti gratuiti verrà svelato il 1° giugno. Secondo gli organizzatori, il budget di questa edizione 2022 ammonta a 26 milioni di franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
2 ore
Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo
In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
7 ore
Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij
La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
13 ore
Perché il fascismo è nato in Italia
È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
21 ore
Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti
Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Scienze
1 gior
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
1 gior
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
1 gior
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
1 gior
Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?
A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Illustrazione
2 gior
Cesare Lombroso e la fissa per il cranio
La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
2 gior
Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre
Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
© Regiopress, All rights reserved