laRegione
16.07.22 - 17:50

Un successone il primo Montreux Jazz Festival dopo la pandemia

Ben 250mila i visitatori che hanno frequentato la manifestazione. Che stasera vivrà il suo gran finale

un-successone-il-primo-montreux-jazz-festival-dopo-la-pandemia
Pienone d’entusiasmo e di pubblico

Il Montreux Jazz Festival è tornato ad accogliere le grandi folle dell’era pre-Covid. La 56esima edizione che terminerà questa sera ha contato più di 250’000 visitatori. Complici del successo la qualità del programma e la meteo favorevole.

"Gli dei dello spettacolo e la meteo erano dalla nostra quest’anno", si è rallegrato ieri davanti alla stampa il direttore del Montreux Jazz Festival Mathieu Jaton. "Sono entusiasta, radioso, al settimo cielo. Ci sono talmente tante emozioni in me dopo due anni" di pandemia e incertezze, ha dichiarato sul palco del nuovo club Memphis nella Lake House nuova di zecca, prima di essere sopraffatto dalle emozioni.

Un’edizione 2022 che ha definito come "fuori dalla norma". Con un totale di più di 250’000 visitatori durante 16 giorni di sole l’affluenza si situa nella "fascia alta, molto vicina ai record", ha affermato Jaton.

Con 17 concerti sold-out – dieci all’Auditorium Stravinski (4’000 posti) e sette al Montreux Jazz Lab (2’000 posti) – e un tasso di occupazione "eccezionale" dell’85%, questa edizione ha "registrato uno dei migliori dati di affluenza per le sedi a pagamento degli ultimi dieci anni", ha dichiarato Jaton.

Un cartellone con 550 concerti

Dal 1° luglio fino a quest’oggi, la kermesse ha accolto una settantina di artisti nelle due sale a pagamento, fra cui a-ha, Nick Cave, Björk, Paolo Nutini, Gregory Porter, Jacques e Thomas Dutronc, Diana Ross, Woodkid, Maneskin, The Smile, Robert Plant e Alison Krauss, Ibrahim Maalouf, Jeff Beck con Johnny Depp o ancora Herbie Hancock che chiuderà la manifestazione questa sera.

I favoriti di questa edizione per il direttore? "Spontaneamente, i concerti della romanda Emilie Zoé, dell’americano Marc Rebillet e dell’israeliano Asaf Avidan".

In totale, sono stati programmati circa 550 concerti e attività musicali con non meno di 3’000 musicisti sui palchi a pagamento e gratuiti. Trenta concerti sono stati trasmessi in diretta su Internet (live streaming). Nel suo nuovo formato, Il Montreux Jazz ha offerto undici palchi gratuiti, tra cui il nuovo Ipanema, una discoteca electro all’aperto.

Scommessa riuscita per la Lake House

Grande novità di quest’anno, la Lake House, situata nel Petit Palais, ha dato grandi soddisfazioni agli organizzatori, giocando alla perfezione il suo ruolo di luogo centrale di incontri del programma gratuito, hanno indicato.

Incubatrice di cultura e arte, la Lake House ospitava otto stanze, tra cui una biblioteca, un cinema, una galleria e un salottino. Animandosi solitamente a partire dalle 17 e diventando "the place to be" dalla tarda serata fino alle 5 del mattino. Il Memphis con i suoi concerti di giovani artisti jazz e La Coupole con le sue jam session sono stati un successo.

In futuro, questo sito dovrebbe diventare emblematico del Montreux Jazz, soprattutto perché il Centro Congressi 2m2c, verrà rinnovato nel 2024 e nel 2025. Jaton ha promesso "sorprese e meraviglie" per l’edizione del 2024, che farà quindi a meno dello Stravinski e del Lab, assicurando che la kermesse "rimarrà a Montreux".

La 57a edizione del Montreux Jazz Festival si svolgerà dal 30 giugno al 15 luglio 2023.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Distopie
7 ore
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Otium
17 ore
Il Forum per l’italiano in Svizzera
Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Spettacoli
19 ore
Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano
‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
L’intervista
1 gior
Silvio Orlando, un Momò a Locarno
Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Culture
2 gior
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
2 gior
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
2 gior
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
2 gior
‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour
Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
Libri
2 gior
Le ciliege della costa del Mar Nero
Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
2 gior
Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®
Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica
© Regiopress, All rights reserved