laRegione
Musica
29.01.22 - 22:08
Aggiornamento: 30.01.22 - 16:31

I Night Birds perdono Roby Wezel, ‘uomo educato e modesto’

Il primo chitarrista dei ‘Night’, storia del rock ticinese, nel ricordo dell’amico e cofondatore Eliano Galbiati e in quello di Giorgio Fieschi

i-night-birds-perdono-roby-wezel-uomo-educato-e-modesto
Roby Wezel (© Eliano Galbiati)

«Io e lui siamo stati i primi Night Birds. Per cinquant’anni ho suonato a fianco di una persona incredibilmente educata e modesta». Eliano Galbiati, batterista e cofondatore della storica band locarnese, ricorda l’amico Roby Wezel, spentosi dopo lunga malattia. Con Galbiati e Charlie De Marco (basso), nei Jolly Rogers, diventati Night Birds con Guido Margaroli (chitarra ritmica) e William Mazzoni (canto e armonica), Wezel è stato parte della prima band professionista del Ticino, nata dalla folgorazione di Galbiati per i britannici Yarbirds, in concerto nel Locarnese nell’estate del 1964. Ai Night Birds – o ‘Beatles del Ticino’ – si sarebbero uniti poi Mario Del Don (chitarra e poi basso), il defunto Chris Ackermann (chitarra solista) e Corry Knobel (chitarra solista e voce). «Uno dei primi ricordi di musica suonata insieme a Roby, quando ancora non avevamo un cantante – dice Galbiati – è una versione di ‘Apache’ degli Shadows, riproposta per i cinquant’anni festeggiati al Teatro di Locarno». Era il settembre del 2014. «Con l’arrivo di Del Don – ricorda il batterista – Wezel passò alla chitarra ritmica, un segno di grande umiltà, la dimostrazione dell’essere musicisti».

Giorgio Fieschi, dei Night Birds (e non solo dei Night Birds) è archivio vivente. «Ho conosciuto Wezel dopo gli altri componenti. Di lui sapevo che aveva trascritto un pezzo dei Byrds per Les Sauterelles, in gara al Cantagiro nel 1967 con ‘Senza te’. Persona adorabile, discreta, riservata. A casa sua, tempo fa, mi mostrò le tante lettere e le cartoline spedite dai fan, tenendomi d’occhio come si tengono d’occhio tutti i collezionisti che mettono le mani nei ricordi dei musicisti». Gli ultimi incontri sotto i portici di Locarno, prima di sapere della malattia. Il resto è nel ‘Ciao Roby’ sulla pagina di facebook, con Wezel, Galbiati e gli altri alle spalle di un vecchio Transporter, segno distintivo di un’epoca e di una generazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Illustrazione
6 ore
Cesare Lombroso e la fissa per il cranio
La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
16 ore
Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre
Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
20 ore
Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online
Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
20 ore
Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)
Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
Libri
21 ore
‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali
Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
1 gior
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
1 gior
A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok
Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
2 gior
Il cinema, la Valle, la Finlandia
Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
2 gior
Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole
La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Culture
2 gior
Addio a Vittorio Barino
Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
© Regiopress, All rights reserved