laRegione
07.05.22 - 10:28
Aggiornamento: 11:43

Giorgio Fieschi, note di una vita da cronista innamorato

La musica (degli anni ’60) e un suo grande cultore protagonisti del documentario di Paolo Vandoni, domenica per Storie alla Rsi

giorgio-fieschi-note-di-una-vita-da-cronista-innamorato
Massimo Pacciorini
Fieschi con Dall’Aglio e Celentano ad Asiago

Con Mal a Fognano Olona, ricordando l’incredibile successo ottenuto con la sigla di ‘Furia’, che gli costò però una partecipazione a Sanremo ‘77, vinto tra l’altro dagli Homo Sapiens con la sua canzone, ‘Bella da morire’. Con Mario Totaro, dei Dik Dik, nel suo podere sul Piano di Magadino. E poi con Gianni Dall’Aglio, ex batterista di Adriano Celentano e dei Ribelli, raggiunto a Mantova e "sfidato" alle percussioni con il solito sorriso da "baloss" sulle labbra. Inconfondibile.

Ci sono tante pietre miliari, nel curriculum di Giorgio Fieschi: la principale è aver potuto e poi soprattutto saputo realizzare l’ultima intervista in assoluto concessa da Lucio Battisti. Era il 18 maggio 1979, a Zurigo. Fu l’incontro in cui Battisti «si mise a nudo», e lo fece confidandosi con un giornalista – ticinese, anziché italiano – che lo colpì «per la sua grande umiltà». Parole con cui lo stesso Dall’Aglio traccia di Giorgio il più semplice e preciso degli "identikit": umile, e capace d’indagare l’interlocutore andando oltre il personaggio. Probabilmente perché personaggio, a suo modo, è sempre stato anche lui.

«Umile ma anche simpatico», come ebbe a dire lo stesso Celentano, che con Giorgio Fieschi ha sviluppato un rapporto particolare, tanto da includerlo in pratica nel suo clan per omaggiarlo (e forse anche un po’ prenderlo in giro) quando in una delle interviste, ad Asiago, dichiara: «Io penso che gli svizzeri siano un pubblico… fresco!». E giù a ridere, con Fieschi accanto, sprofondato nel divano, nella solita modalità della chiacchierata amichevole-che-è-anche-intervista, cui non è estraneo il bicchiere di bianco, presumibilmente un vicentino di qualità.

Poi si sente una specie di morbida mitragliata: sono gli scatti di Massimo Pacciorini, l’amico fotografo di sempre: memorabili certi primi piani di un Vasco giovanissimo, 1987, che a Giorgio Fieschi, abbracciandolo, parlava, invece di dichiarare parole musicali di circostanza.

Dai Monks a Les Sautrelles, dai Ribelli ai Nightbirds

In fondo, è anche una lezione di giornalismo, l’intenso e intimo ‘Giorgio Fieschi - La musica che gira intorno’, documentario che il regista Paolo Vandoni ha realizzato per Storie e che sarà presentato alla Rsi domani, domenica 8 maggio, con Mal ospite in studio.

Costruito sugli incontri con i personaggi di un’epoca musicale impareggiabile come gli anni 60 – dai Monks a Les Sautrelles, dai Ribelli agli Yarbirds di Eric Clapton, giunti in concerto all’Innovazione di Locarno (reparto giocattoli) e capaci d’ispirare a Eliano Galbiati la nascita dei Nightbirds – il film propone una serie di ritratti evocativi.

Quello di Fieschi tutti li valorizza perché offre immagini di amicizia, prima che meramente professionali. C’è il Giorgio che cammina per la sua Arbedo, quello che porta i panni da lavare alla cugina Franca. C’è il Giorgio che affida a Mario Del Don la geometria dei quadri appesi in salotto. Quello che allo stesso Del Don affida un modellino di VW T1 ancora da montare: ne uscirà un furgoncino tale e quale al mito, con cui tornare, per un attimo, a viaggiare con la mente sulle note degli amatissimi Who.

E poi la carrellata su Zucchero, Pupo, Ramazzotti, Venditti, Amanda Lear e molti altri. Spicchi di carriera e di vita, presi in prestito dagli archivi Rsi, che il montatore Mauro Filipponi ha reso poetico mosaico. Cui manca una tessera, che lo spettatore, per 57’, tiene in mano. Vi è idealmente scritta una propria risposta alla domanda: "Chi è Giorgio Fieschi?". Ognuno la posizioni dove meglio crede.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
2 ore
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
5 ore
È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda
Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
8 ore
Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna
Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Spettacoli
15 ore
‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’
Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
23 ore
Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione
Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
1 gior
Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev
La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior
Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall
Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
2 gior
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Culture
3 gior
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
© Regiopress, All rights reserved