laRegione
osi-il-31-omaggio-a-bernstein-poi-i-concerti-in-auditorio
Kristin Hoebermann
San Silvestro con il direttore d’orchestra norvegese Rune Bergmann
21.12.21 - 17:42
Aggiornamento : 18:06

Osi, il 31 omaggio a Bernstein, poi i concerti in Auditorio

In attesa del Concerto di San Silvestro al Lac, l’Orchestra della Svizzera italiana apre la prevendita dei primi quattro appuntamenti del 2022

Si avvicina l’appuntamento con il Concerto di San Silvestro dell’Orchestra della Svizzera italiana: il 31 dicembre alle 18 al Lac (e alle 20 in differita su Rete Due) l’Osi sarà accompagnata dal direttore d’orchestra norvegese Rune Bergmann per un programma americano idealmente dedicato al celebre compositore, direttore d’orchestra, pianista ed educatore Leonard Bernstein. Il programma vedrà infatti estratti da due musical che Bernstein scrisse con un geniale gruppo di collaboratori: ‘On the Town’ (di cui verranno proposte Tre danze) e ‘West Side Story’ (con le Danze sinfoniche) che, sfidando la tradizione di intrattenimento leggero di Broadway, portò non solo lo spessore e la poliedricità della sua educazione musicale, ma anche una forte sensibilità sociale e politica. Il concerto sarà invece aperto dall’ultima sinfonia di Antonín Dvořák, la Nona sinfonia detta Dal Nuovo Mondo in quanto influenzata dalla cultura americana della frontiera e dall’interesse del compositore boemo per gli spirituals, i canti delle piantagioni che provenivano dalla comunità afroamericana in cammino verso la propria liberazione.

La stagione riprenderà poi giovedì 13 gennaio con il primo appuntamento Osi in Auditorio, quattro concerti – la cui prevendita si è aperta ieri – con protagonisti il Konzertmeister dell’Osi Robert Kowalski, il direttore d’orchestra Riccardo Minasi, il controtenore Bejun Mehta e il celebre violinista Ilya Gringolts.

Il concerto d’apertura, il 13 gennaio alle 20.30 all’Auditorio Stelio Molo di Lugano Besso, è come detto affidato a Robert Kowalski che – come affermato dal direttore artistico-amministrativo dell’Osi Christian Weidmann – sarà protagonista «in un ruolo inedito: per la prima volta all’interno di una stagione guiderà i ‘suoi’ archi dal podio, oltre che come solista», in un programma suddiviso fra autori ben noti (Šostakovič e Schubert) e compositori tutti da scoprire (Weinberg e Bacewicz).

Nell’appuntamento successivo (giovedì 20 gennaio 2022) il pubblico farà la conoscenza del direttore d’orchestra italiano Riccardo Minasi, poliedrico barocchista che presenta un programma dove tre ouverture di alcuni tra i maggiori compositori del primo romanticismo tedesco (Weber, Hoffmann, Schubert) conducono alla Sinfonia Eroica di Beethoven.

Gli ultimi due appuntamenti riprendono la formula Play&Conduct, permettendo al pubblico di conoscere un artista sia come solista sia come direttore ospite. Il 27 gennaio protagonista sarà il controtenore Bejun Mehta (il padre, anch’egli musicista, è cugino del direttore d’orchestra Zubin Mehta) che dopo tre arie di Händel affronterà il classicismo sinfonico di Haydn e Mozart. Giovedì 3 febbraio tornerà il violinista russo Ilya Gringolts che come direttore proporrà la Nuova Musica di Luigi Nono e la sinfonia Tragica di Schubert, per imbracciare nel mezzo della serata violino e archetto, nel virtuosistico Concerto in sol minore di Jean-Marie Leclair.

Info su www.osi.swiss.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
musica osi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
6 ore
I pianeti con due soli ospitali per la vita
Lo indica uno studio pubblicato su Nature dal gruppo dell’Università di Copenaghen guidato da Jes Kristian Joergensen
Spettacoli
9 ore
Fedez e J-Ax fanno pace e lanciano un festival gratuito a Milano
Una lunga chiamata fra i due ha risolto una serie di dissidi ed è sfociata nella proposta di tenere un evento di beneficenza il 28 giugno in piazza Duomo
Società
15 ore
Un cinema itinerante per i bimbi ucraini
In collaborazione con il Border Crossing Children’s Film Festival, Castellinaria presenta tre giornate di proiezioni
Società
15 ore
Il cinema svizzero parla quattro lingue, ma ride in due
La ‘settima arte’ oltre Gottardo vista con gli occhi, e la cinepresa, di un regista ticinese. Fulvio Bernasconi, da Lugano alla fama internazionale
Culture
16 ore
Quando il cinema racconta la storia e toglie le speranze
Solo a Cannes può succedere che un film, con la franchezza che esiste solo nel grande Cinema, chiuda tragici episodi di Storia o li apra
Spettacoli
1 gior
Cyrille Aimée: ‘Vivo il momento presente, come gli zingari’
La cantante jazz si esibirà domani sera alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
1 gior
Fedez e J-Ax hanno fatto pace: ‘Domani vi raccontiamo tutto’
I due cantanti avevano smesso di parlarsi quattro anni fa. Ora sono tornati insieme per un’iniziativa benefica
Spettacoli
1 gior
Cannes, contro i femminicidi protesta sul tappeto rosso
Un lenzuolo bianco è stato srotolato a sorpresa: su di esso i nomi di 129 donne uccise da mariti e compagni
Arte
2 gior
‘Una raccolta d’arte moderna italiana’ al Masi
Carrà, Campigli, Manzù, Rosai, Scipione e Sironi in mostra a Lugano da domenica 22 maggio al 29 gennaio 2023
Culture
2 gior
Fabio Andina vince il Prix du public Rts
L’autore ticinese è stato insignito per il suo romanzo ‘Jours à Leontica’ (’La pozza del Felice’ in italiano)
© Regiopress, All rights reserved