laRegione
Classica
05.09.22 - 20:42

L’Osi si esibisce in Schubert e Bartók, diretta da Holliger

Riprendono la rassegna in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana: il primo appuntamento è per venerdì 16 settembre, alle 20.30

l-osi-si-esibisce-in-schubert-e-bartok-diretta-da-holliger
©Osi
Il direttore d’orchestra Heinz Holliger

I capolavori sinfonici di Franz Schubert e il primo concerto per violino di Bartók saranno i protagonisti del primo appuntamento del nuovo ciclo della rassegna Osi in Auditorio, che si svolgerà venerdì 16 settembre (nell’auditorio Stelio Molo della Rsi) in occasione della Giornata nazionale Srg della musica svizzera. L’Orchestra della Svizzera italiana (Osi) sarà diretta dal grande musicista bernese Heinz Holliger. Il concerto inizierà alle 20.30 e propone un programma incentrato sulle opere di Franz Schubert: in apertura e in chiusura di concerto, Holliger dirigerà due delle più famose sinfonie del compositore austriaco, la Terza e l’Ottava, detta l’Incompiuta. Accanto ad esse, una perla più ricercata del repertorio schubertiano, l’Andante in si minore, orchestrato da Roland Moser sulla base di una serie di frammenti originali di Schubert.

Al centro della serata, il pubblico potrà invece ascoltare il raro e intenso Concerto per violino e orchestra n. 1 di Béla Bartók. Solista, con il suo violino Stradivari soprannominato King Slomo, un altro artista svizzero in ascesa, il 35enne violinista Sebastian Bohren. La serata è un evento dei Concerti Rsi, diffuso in diretta radiofonica su Rsi Rete Due e in Videostreaming Ris. È possibile acquistare i biglietti e gli abbonamenti Osi in Auditorio, sul sito dell’Orchestra della Svizzera italiana (www.osi.swiss), oppure prendendo contatto direttamente con gli uffici dell’Osi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Pensiero
1 ora
La lunga crisi della democrazia
Archiviata l’illusione circa la ‘fine della storia’, avanzano autoritarismo e sovranismo. Se ne parla domani all’Usi
Sogno o son festival
1 ora
Il Festival di Rapallo
Inizia questa sera. Che piaccia oppure no, Sanremo è cambiato. Non ora e nemmeno ieri; comunque, mai quanto quest ’anno.
animazione
2 ore
Gli effetti psichedelici in ‘The Freakouts’ di Bruno Machado
Insieme a una manciata di musicisti, l’illustratore ha realizzato un progetto indipendente che parla del consumo di sostanze attraverso sei facce
Illustrazione
18 ore
Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin
Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
Sanremo
19 ore
Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’
I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
19 ore
La pittura di genere e la sua funzione civile
Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
21 ore
Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo
Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
Musica
1 gior
‘Non ho certezze, ho da darvi solo qualche piccola emozione’
Venticinque anni fa, l’ultimo – meraviglioso – concerto di Fabrizio de André in Ticino, al Palabasket di Bellinzona
Spettacoli
1 gior
L’album dell’anno è di Harry Styles. Måneskin a bocca asciutta
Grammy Awards, Beyoncé inizia bene e diventa la più titolata da sempre della cerimonia, ma ancora una volta per lei niente premi più prestigiosi
Spettacoli
1 gior
Grammy Awards, Beyoncé regina di tutti i tempi
Tre riconoscimenti ancora prima della serata di gala e altri due al suo inizio la consacrano come la più grande in assoluto
© Regiopress, All rights reserved