laRegione
moltiplicato-per-venti-marco-santilli-rossi-goes-shakespeare
In copertina e su www.marcosantillirossi.com
Musica
02.12.21 - 18:11

Moltiplicato per venti, Marco Santilli Rossi goes Shakespeare

Aspettando un ricco 2022, ‘Love all, trust a few, do wrong to none’ è la nuova canzone, per una versione ‘new prog’ del musicista

di B.D.

Il camaleontico Marco Santilli torna in versione canzone e dunque lo dobbiamo chiamare Marco Santilli Rossi. Si cimenta con William Shakespeare e un telegrafico estratto dall’opera teatrale ‘Tutto è bene quel che finisce bene’ (‘All’s Well that End’s Well’), quel ‘Love all, trust a few, do wrong to none’ (Ama tutti, credi a pochi, non fare del male a nessuno) ora titolo di un singolo nel quale a voce solista, clarinetto (marchio di fabbrica), percussioni, tastiere e chitarre si aggiungono altre voci, ‘gregoriane’, grazie a un ensemble ironicamente denominato (dall’autore) ‘The Monks of St.Illi’: «È stata un’idea di Urs quella di registrarmi 20 volte all’unisono per dare al messaggio un tono ‘sacrale’, a mo’ di sentenza. Il tutto con la dovuta ironia: non mi prendo mai troppo sul serio, trovo che già tanti lo facciano egregiamente, ma pure a loro voglio bene (è lo shakespeariano “love all”, ndr). Importante è che la musica la si faccia sul serio, per rispetto della stessa e del pubblico». Urs è Wiesendanger, fido produttore e amico che ha suonato le tastiere e scelto con Santilli i suoni: «Abbiamo registrato quest’autunno, come di consueto ai Powerplaystudios di Maur (Zh), con le chitarre di Claudio Cervino. Io ho cantato le parti del coro a 4 voci, per poi moltiplicarmi per venti. E ho aggiunto i miei clarinetti».

Perché William Shakespeare? «L’embrione di questo brano risale al 2016, quando mi venne commissionata una composizione per coro e clarinetto basso nel 400esimo della morte dello scrittore. Come testo scelsi questa massima di Shakespeare, poiché sempre attuale e metricamente ben malleabile». Su www.marcosantillirossi.com, ‘Love all, trust a few, do wrong to none’ va sotto la sezione ‘new prog’: «Nessuna conversione, può capitarti pure il prog se spazi tra vari stili. Sono restio alle classificazioni, poiché spesso imprecise (talvolta capita di leggere una categoria e poi senti tutt’altro...). Avendo dovuto sceglierne però una per la ditta di distribuzione di musica online, Urs mi ha consigliato questa. Il progressive di per sé mi intriga, seppure non l’abbia ascoltato molto non è escluso che sia un po’ in me, ma “indirettamente”, avendo suonato pure musica classica moderna dalle strutture e armonie complesse, cui il prog è debitore».

Lo Shakespeare santilliano, o il Santilli Rossi shakesperiano, ci porterà sino all’anno nuovo, da festeggiarsi con «una canzone omaggio ai ruggenti anni 20, spensierata e speranzosa». Poi il secondo album art pop, quello nuovo del nonetto (in coproduzione con Srf2 Kultur) e un Ep di musica elettronica con il musicista Simone Menozzi. Il tutto, confidando nelle date del primo trimestre dell’anno, che includono anche il suo primo accompagnamento di un film muto. «Mentre Shakespeare continuerà a ‘perseguitarmi’ (ride, ndr): in primavera, all’Operahaus di Zurigo, dovrò suonare nella musica di scena di Macbeth».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
marco santilli rossi prog william shakespeare
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Letteratura
1 ora
Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller
Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Società
15 ore
Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’
Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
16 ore
Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate
Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
Spettacoli
16 ore
Eminem torna a sorpresa con un singolo insieme a Snoop Dogg
Si intitola ‘From the D 2 The LBC’ l’ultima collaborazione fra le due superstar del rap a stelle e strisce
Arte
1 gior
Come filo di Arianna, l’opera di Marcel Dupertuis
Il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto propone una mostra monografica e retrospettiva dedicata al poliedrico artista. Inaugurazione: 26 giugno alle 11.
L'intervista
1 gior
JazzAscona incorona Nolan Quinn, Swiss Jazz Award 2022
Il trombettista si esibisce sabato 25 giugno: “Se la mia musica può essere un piacere per chi l’ascolta, questo è ragione sufficiente per suonarla”
Scienze
1 gior
Le tartarughe possono frenare e spegnere l’invecchiamento
Lo dimostrano due studi indipendenti, danese e statunitense, pubblicati su Science
Scienze
1 gior
Scoperto un batterio gigante: è visibile a occhio nudo
Si chiama Thiomargarita magnifica, ed è stato individuato nell’arcipelago di Guadalupa: è lungo un centimetro e sfida le leggi della biologia
Scienze
1 gior
Animali domestici non tradizionali, rischio aumentato di zoonosi
Virus e batteri sono più facilitati a spostarsi dagli animali alle persone. Vari focolai negli Usa sono riconducibili a roditori, rettili, furetti e altri
Spettacoli
1 gior
È morto James Rado, fra gli autori dello storico musical ‘Hair’
Aveva 90 anni. Lo show manifesto della generazione hippie spianò anche la strada a Broadway ad altri musical rock come ‘Jesus Christ Superstar’
© Regiopress, All rights reserved