laRegione
buon-anno-ruggente-nei-venti-con-marco-santilli-rossi
La copertina
Musica
01.01.22 - 18:04

Buon anno ruggente: nei Venti con Marco Santilli Rossi

San Silvestro con l’electro-swing ‘The Twenties are roaring again’, salto indietro (e avanti) nel tempo che celebra un’epoca d’oro. L’autore racconta...

Di decennio in decennio. Dal buio dei Trenta allo stordimento dei Quaranta, oltre i Cinquanta e i Sessanta tra conflitti e politica fino ai tumultuosi Settanta; poi gli Ottanta dell’azzardo, i Novanta dei computer games, gli Zero e Dieci “mainly virtual fame”, tutti chiacchiere e distintivo. Quanta nostalgia dei Venti, “il tempo migliore per ballare, vivere e amare”, gli anni del charleston e tutto il resto.

Ieri, su queste pagine, era Nostradamus a parlare. Oggi, a poche ore dal 2022, è Marco Santilli Rossi, che non mostra alcuna pretesa di preveggenza ma ha semplicemente realizzato un personale riassunto di epoche e col clarinetto al posto della De Lorean ci porta nei meravigliosi Anni Venti con un electro-swing che sa di antico e di moderno. Perché gli anni cantati in ‘The Twenties are roaring again’ (detto in svizzero-italiano, ‘I Venti ruggiscono ancora’) si estendono anche al futuro. Basta aggiungere un Duemila davanti e aggiungerci della fantascienza. Citando qua e là: i Trenta in cui si estenderà il dibattito ambientalista, i Quaranta della scoperta della forza sovrumana, i Cinquanta in cui le foreste puliranno l’aria, gli Ottanta in cui la cassa malati sarà gratis per dodici mesi, ma soprattutto il 2070, la decade che sancirà i musicisti come la categoria più pagata in assoluto al mondo.

Il divertissement diverte, al netto della rigorosità con la quale il musicista, che quando ha il doppio cognome canta, sempre approccia ogni fase della sua vita artistica. Il team di lavoro che ha portato a ‘The Twenties are roaring again’ – negli stores digitali da oggi – ha i medesimi punti cardine, gente come Urs Wiesendanger a produrre, per esempio, ma anche estratti dalla olandese Metropole Orkest (ensemble già nei dischi di Joe Jackson e dal vivo con Al Jarreau) e altri compagni di viaggio (nel tempo).

Marco Santilli Rossi, dal new prog di ‘Love all, trust a few, do wrong to none’, tributo a William Shakespeare, all’electro swing: quali altri generi
ci attendono?

Non saprei. Come per i brani natalizi di due anni fa, mi sono concesso un divertissement, rifacendomi di nuovo a un genere da me praticato in passato (impara l’arte…). Se allora mi cimentai con la Big Band, stavolta ho fatto ancora un passo indietro nel tempo, con tanto di Dixieland nel finale. Pur omaggiando un’epoca musicale, credo comunque di avere inevitabilmente conferito un tocco molto personale a musica e testi.

In nome del reality show, o della tv verità: qualche gustoso dettaglio tecnico sulla registrazione del brano?

Ci eravamo accorti, io e Urs Wiesendanger, che mancava un non so che a livello ritmico. Abbiamo quindi reperito un’asse per lavare i panni (washboard) di seconda mano e sudicia di polvere originale degli anni 20, io a tenerla ferma e lui a suonarla coi ditali, come un tempo. Emozionante poi avere nel ritornello finale, laddove regna un’atmosfera di festa casalinga, una ventina di amici, dagli stonati alla soprano lirica, che hanno registrato sul cellulare la loro parte. Io ho invece aggiunto tanti clarinetti, sfruttandone i vari registri, raggiunti nel finale da Cees Trappenburg (tromba) e da Martijn Sohier (trombone) della Metropole Orchestra. Il tutto condito con qualche effettino elettronico, per tornare un po’ ai giorni nostri.

Miriam Dee dà piena certificazione alla ricreazione sonora di un’epoca: come nasce la collaborazione?

Volevo un coro femminile a tre voci stile Boswell Sisters, che cominciarono negli anni 20 e in seguito influenzarono le più celebri Andrew Sisters, e il Trio Lescano in Italia. Urs conosce Miriam, che tra l’altro è cresciuta tra le mura dei Powerplay Studios, in quanto suo padre ne fu l’ideatore. Viste le frasi ritmicamente serrate, era indispensabile avere una cantante di lingua madre, senti chi parla (ride, ndr). Miriam ha proprio dato quel tocco in più.

In quale delle epoche citate, passate e future, ti saresti sentito a tuo agio?

Senza dubbio gli anni 60 a Londra, quindi non “Roaring Twenties”, bensì “Swinging Sixties”. E non solo per la musica pop/rock, che in quegli anni ha vissuto incredibili mutamenti come forse mai più.

E quei lontani Anni Venti?

Usciti da una guerra, Stati Uniti ed Europa vivevano un periodo di prosperità economica, dinamismo sociale, artistico e culturale, che si percepisce nella musica spensierata e sfrenata del jazz e del Charleston. Fu allora la nascita ‘ufficiale’ del jazz, grazie pure al primo film sonoro ‘The Jazz Singer’ (1927) e all’affermarsi della sua prima grande figura popolare: Louis Armstrong. Sentivo la necessità di fare rivivere una certa positività con spensierata leggerezza, persino con delle previsioni fantasiose per il futuro. Spero sia di buon auspicio per gli attuali anni 20 e il prosieguo.

Un ultimo cenno al 2070, quando – è sottinteso nel testo – i musicisti saranno meglio pagati dei calciatori e dei finanzieri...

Ovviamente non mi riferisco ai soliti noti al grande pubblico, ma a quei musicisti creativi di nicchia (e ne conosco tanti), che senza compromessi stilistici portano avanti la propria (e sottolineo ‘propria’) musica rimanendo autentici a ogni costo. È una cosa alla quale però io stesso stento a credere, per questo l’ho ‘prevista’ in un periodo nel quale sicuramente sarò altrove… (www.marcosantillirossi.com).

Leggi anche:

Moltiplicato per venti, Marco Santilli Rossi goes Shakespeare

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anni venti electro swing marco santilli rossi musica twenties
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
7 ore
Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs
Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
11 ore
Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano
‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Spettacoli
21 ore
Eurovision, provaci ancora Marius
Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Spettacoli
1 gior
Netflix prepara il suo ingresso nelle trasmissioni ‘live’
Diversi i progetti nel cassetto del colosso dello streaming, che dovrebbe iniziare con un reality show con comici dal vivo
Scienze
1 gior
Appuntamento con l’eclissi. Ma sarà una levataccia per vederla
Domani in cielo ci sarà la ‘Superluna’ rossa: il fenomeno inizierà alle 5.29 e raggiungerà il suo apice alle 6.14
Video
Spettacoli
1 gior
Eurovision, Kalush: ‘Ci vediamo nel 2023, nell’Ucraina libera’
All’alba, dopo la vittoria, la conferenza stampa. Oleh, il leader: ‘Pronto a tornare a combattere’. Zelensky su Telegram: ‘L’anno prossimo a Mariupol’
Spettacoli
2 gior
L’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022
Straripante il televoto per la Kalush Orchestra di ‘Stefania’. Gran Bretagna al secondo posto. Poi la Spagna
Video
Spettacoli
2 gior
Madonna dell’Eurovision pensaci tu (la scaletta della finale)
C’è Sanremo, ci sarà anche una santa protettrice dell’Eurosong. Che stasera ci faccia vincere Marius (attenzione: contiene video di Cristiano Malgioglio)
Società
2 gior
Carola Rackete è tornata, ed è a Chiasso
Il dopo-Salvini, l’attivismo ambientale al nord e il ‘no’ a Frontex al centro del dibattito prima di ChiassoLetteraria
Spettacoli
2 gior
Eurovision: al Museo della Rai, aspettando la finale
Dopo giorni e giorni di canzoni, pensieri divagatori e nostalgiche visioni da un luogo (interattivo) per audiofili e nostalgici del tubo catodico
© Regiopress, All rights reserved