laRegione
la-scuola-e-l-erosione-dell-autorita-un-convegno-per-parlarne
laR
 
25.11.21 - 18:05
Aggiornamento : 18:27

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Tra autorità e libertà, si terrà domani il primo convegno di Essere a scuola, un’associazione di recente fondazione che ha come scopo promuovere una visione non settoriale della scuola, rivolgendosi non solo agli “addetti ai lavori” ma alla società in generale.
L’appuntamento di sabato all’Auditorium dell’Usi a Lugano sarà strutturato in due momenti: al mattino a partire dalle 9.30, dopo l’introduzione dei membri di comitato Claudio Mésoniat e Fabio Camponovo, vi saranno gli interventi di due studiosi: Eirick Prairat, professore di filosofia dell’educazione all’Università della Lorena e lo psicoanalista Umberto Galimberti. Nel pomeriggio, invece, vi saranno gli interventi di alcuni docenti e di un rappresentante dei genitori che presenteranno la loro esperienza.
Abbiamo posto alcune domande a Eirick Prairat, il cui intervento si intitola ‘L’autorità dell’insegnante oggi’.

Professor Prairat, il suo discorso è incentrato sul concetto di autorità che, oggi, ha una connotazione parzialmente negativa, rimandando all’autoritarismo, all’abuso di potere. Lei che cosa intende?

L’autorità è un’arte di guidare, di accompagnare. Quella dell’educatore, del professore è una autorità – con la a minuscola – che è lì per aiutare l’allievo, il “nuovo arrivato” come diceva la filosofa Hannah Arendt, a domare quelle Autorità – con la A maiuscola – che sono la Cultura, le Opere, il Saper Fare, la Conoscenza... Mi piace quanto afferma il filosofo inglese John Locke: l’insegnante è colui che “apre delicatamente la scena del mondo”. E se c’è una parola da sottolineare in questa bella frase è il piccolo avverbio “delicatamente”: delicatamente l’insegnante rende la cultura accessibile; delicatamente rende i codici e le usanze familiari; delicatamente, rende il mondo vicino e leggibile. L’autorità è l’iniziazione, l’autorità è un invito a entrare nel mondo. In questo senso, l’autorità ha poco a che fare con l’autoritarismo.

Questo modello dell’autorità è compatibile con una pedagogia incentrata sullo studente e sull’attività pratica?

Certamente, perché non c’è insegnamento, non c’è educazione senza l’esercizio di una qualche forma di autorità. Educare è autorizzare. Autorizzare a crescere, a imparare, a sbagliare, a sperimentare, a scoprire… E crescere è sentirsi autorizzati, sentirsi gradualmente e progressivamente autorizzati. Ciò che i moderni detrattori dell’autorità dimenticano è questa verità antropologica essenziale e decisiva: non ci autorizziamo mai da soli a essere contemporanei al mondo. La questione pro o contro l’autorità è un falso dibattito.
Quello che dobbiamo capire è che l’autorità dell’insegnante sta cambiando. In passato, era sufficiente avere il titolo di professore per essere riconosciuto come un’autorità. Oggi l’appartenenza istituzionale conta ancora, certo, ma non è più sufficiente. Sono anche necessarie la competenza nell’arte dell’insegnamento e la capacità di farsi valere dal punto di vista etico. L’autorità di domani sarà un’autorità etica. Nei miei lavori affermo che l’etica dell’insegnamento deve basarsi su tre virtù: la giustizia, la benevolenza e il tatto. Sì, il tatto: è una piccola virtù, quasi invisibile, ma è essenziale. Avere tatto significa sapersi adattare alla situazione particolare in cui si vive. Il tatto è la virtù di come si fanno le cose, di come si dicono. È la preoccupazione di non danneggiare la relazione. L’autorità non è dunque un modo di comandare, ma un’arte di mettere in moto, di coinvolgimento nel senso dello psicologo americano Jerome Bruner.

Un tempo a educare erano solo famiglia e scuola. Oggi, con vecchi e nuovi media, la situazione è più complessa: questo “pluralismo educativo” gioca un ruolo in quello che lei chiama “erosione dell’autorità”?

Effettivamente penso che vi sia un’erosione dell’autorità dei professori. Preferisco parlare di erosione piuttosto che di crisi perché quest’ultima rimanda a una dimensione di urgenza mentre l’idea di erosione fa riferimento a una temporalità più lenta. E l’erosione dell’autorità degli insegnanti si sta svolgendo lentamente, da tre o quattro decenni a questa parte. È importante capire che non viviamo in società in cui l’autorità tende a scomparire ma, al contrario, in società in cui le forme di autorità si moltiplicano. Autorità della moda, del consumo, delle reti sociali, della pubblicità… Come si vede, la scuola è esposta a una concorrenza formidabile che spesso è una concorrenza sleale perché queste autorità sono autorità senza volto. Non parlerei tuttavia di “pluralismo educativo” perché spesso si tratta di autorità che spacciano anche falsità.

In questo nuovo contesto, quale pensa sia il ruolo della scuola?

La scuola ha tre missioni principali, tutte alla pari: non si può dire che una sia più importante delle altre. La prima è quella di trasmettere la conoscenza e la cultura. Trasmettere un patrimonio, potremmo dire. La seconda missione è quella di formare un cittadino, un ‘homo politicus’, colui che metterà il suo grano di sale nei dibattiti pubblici e politici. Da qui l’importanza del pensiero critico in un’epoca di fake news e teorie della cospirazione. Già da diversi decenni, negli Stati Uniti degli psicologi cognitivi di rilievo (R. Ammirati, M. Bond, G. Gigerenzer, K. Landfield, S.O. Lilienfeld, B.A. Mellers…) insistono perché nelle scuole si introducano dei programmi di pensiero critico. Perché le nostre società sono tanto società della conoscenza quanto società della disinformazione. Lo vediamo ogni giorno con la crisi sanitaria che stiamo vivendo.
Infine, le scuole devono preparare gli studenti a entrare in un mondo del lavoro che cambia, che è in ogni caso molto più instabile di quanto non fosse fino a poco tempo fa. Le scuole non sono mai state così importanti e noi dobbiamo proteggerle e dar loro i mezzi per compiere le loro missioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autorità scuola
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
3 ore
Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’
Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Spettacoli
11 ore
È morto il batterista degli Yes Alan White
Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
14 ore
La ‘Danger zone’ di Top Gun
Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
22 ore
Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher
Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Sulla croisette
23 ore
Cannes, Elvis e gli altri
Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
23 ore
Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu
Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
1 gior
Il massimo di diversità nel minimo spazio
‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
1 gior
È morto l’attore Ray Liotta
Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Musica
1 gior
Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards
Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Spettacoli
2 gior
Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith
Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
© Regiopress, All rights reserved