laRegione
22.09.22 - 19:15
Aggiornamento: 19:31

Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno

Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti

Ats, a cura di Red.Web
bye-bye-estate-nella-notte-l-equinozio-d-autunno
Keystone
Ci saranno anche loro

Conto alla rovescia per l’equinozio d’autunno: scatterà nella notte, alle ore 3.04, salutato dalle stelle cadenti: soprattutto quelle provenienti dalle costellazioni dell’Auriga e di Perseo sono visibili con una frequenza di 10-20 ogni ora, osserva l’Unione Astrofili Italiani (Uai).

Da domani, nell’emisfero nord le ore di luce cominciano gradualmente a diminuire, portando a un accorciamento delle ore di luce di circa 1 ora e 21 minuti nel corso del mese.

L’equinozio avviene quando il Sole, a causa dell’orbita seguita dal nostro pianeta, si trova allo zenit dell’equatore: questo vuol dire che i suoi raggi risultano esattamente perpendicolari, illuminando metà del pianeta e lasciando l’altra metà al buio.

L’equinozio d’autunno non si verifica sempre lo stesso giorno, come indica solitamente la tradizione, ma in un periodo compreso tra il 21 e il 24 settembre. Questo accade perché la durata di un anno solare (365 giorni) non corrisponde esattamente all’anno siderale, cioè al tempo impiegato dalla Terra per compiere un giro completo intorno alla sua stella, che è di circa 6 ore più lungo. Per compensare questa discrepanza sono stati introdotti gli anni bisestili: in questo modo le stagioni rimangono coerenti, ma le date degli equinozi non sono fisse.

L’equinozio d’autunno, in particolare, cade più spesso il 22 o il 23 settembre, mentre gli altri due giorni sono piuttosto rari. L’ultima volta che l’equinozio d’autunno si è verificato il 21 settembre risale a oltre mille anni fa, mentre è avvenuto il 24 nel 1931. In questo secolo, tuttavia, l’equinozio autunnale cadrà il 21 settembre per due volte: nel 2092 e nel 2096.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
1 ora
Da Catania al Ticino, oggi è il giorno di Sant’Agata
Ricorre oggi la festa della giovanissima martire catanese, morta nel 252 d.C. e venerata, fra l’altro, come protettrice delle donne con patologie al seno
recensione
2 ore
L’Osi in Auditorio per una splendida ‘Ramifications’
Il concerto dell’Orchestra della Svizzera italiana diretta per l’occasione dal violoncellista Jean-Guihen Queyras ha registrato il sold out
Scienze
23 ore
Giove fa il record di lune: altre 12 scoperte, ora sono 92
Il grande pianeta strappa il primato a Saturno che ne ha 83. I nuovi satelliti hanno un diametro compreso fra 1 e 3 chilometri
Culture
1 gior
A Bologna come a Pompei, anzi meglio
Una grande mostra al Museo di archeologia dedicata alla pittura romana, dalla ‘più grande pinacoteca dell’antichità al mondo’
Società
1 gior
Diabolik, Eva Kant compie 60 anni
L’esordio dell’affascinante compagna del protagonista nel terzo numero del fumetto nel ’63. La Zecca italiana emetterà una moneta da collezione
Microcosmi/Microcinema
1 gior
Cinelario. Esserci, è la parola.
A Menaggio, la sala animata da ‘cineD’AUTORE’ è un valore per una comunità piuttosto povera di iniziative culturali, uno spazio per creare relazioni
La recensione
1 gior
Accorsi e Finzi Pasca, gioie e dolori del calcio
Sala Teatro piena, giovedì sera al Lac, per la prima luganese di ‘Azul’
Culture
1 gior
La tensione verso l’infinito del testardo Anton Bruckner
A colloquio col Maestro Francesco Angelico, che dirigerà l’Ottava sinfonia del compositore austriaco con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Lugano
Scienze
2 gior
La Terra ha un suo sosia. Si chiama Wolf 1069 b
Il pianeta, scoperto grazie al progetto Carmenes (attivo dal 2016) dista 31 anni luce dal nostro e verosimilmente potrebbe essere abitabile
Culture
2 gior
Addio a Paco Rabanne
Lo stilista spagnolo è morto all’età di 88 anni a Portsall, in Francia. Era ribelle e provocatorio.
© Regiopress, All rights reserved