laRegione
coronavirus-giocando-a-calcio-il-contagio-e-improbabile
Per i ricercatori, ‘le attività sportive all’aperto con contatti minimi rappresentano un pericolo di contagio molto scarso’
02.11.21 - 15:190

Coronavirus, giocando a calcio il contagio è improbabile

Lo dice una ricerca commissionata dalla Federazione calcistica tedesca, condotta dall’Università del Saarland in collaborazione con l’Ateneo di Basilea

Un primo studio sui rischi di contagio di coronavirus sui campi da calcio rassicura gli appassionati: i contatti fisici rilevanti per una trasmissione sono troppo rari e brevi. In pratica “un contagio col Covid-19 è molto poco probabile”. La ricerca è stata commissionata dalla Federazione calcistica tedesca (Dfb) e pubblicata sulla rivista British Journal of Sports Medicine. È stata condotta dall’Università del Saarland, in collaborazione con l’Ateneo di Basilea.

Dopo aver studiato nel dettaglio i video di 21 partite di calcio, sono stati valutati 1’300 casi fra agosto 2020 e marzo 2021. Fra questi ne sono stati selezionati 104 in cui era certa la partecipazione a una partita o a un allenamento di un giocatore infetto. Solamente in due situazioni i ricercatori non hanno potuto escludere completamente che il contagio sia avvenuto sul campo.

In generale, i ricercatori giungono alla conclusione che le attività sportive all’aperto con contatti minimi rappresentano un pericolo di contagio molto scarso. Nonostante questo, invitano alla prudenza: la ricerca è stata fatta quando la variante Delta del virus non era ancora maggioritaria.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
19 ore
‘Traditi dagli ebrei’, disse Otto Frank: un libro lo conferma
Il padre di Anna lo affermò nel 1948. In ‘Chi ha tradito Anne Frank’ di Rosemary Sullivan, l’indagine che ha portato a questa conclusione
Società
1 gior
È morto Monsieur Pigeon, clochard dal grande cuore
Il senzatetto Giuseppe Belvedere, protagonsita del bel documentario di Antonio Prata, è stato trovato senza vita a Parigi
La recensione
1 gior
‘Una famiglia vincente’, Will Smith nel regno di King Richard
Alla ricerca dell’Oscar, imbolsito quel che serve, è il megapapà di Venus e Serena in un film in cui tutti (o quasi) sanno tenere in mano una racchetta
Spettacoli
1 gior
L’Osi, Kowalski e la musica dalla Polonia bigotta
Primo concerto della stagione in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana. Alla guida dell’Osi, il Konzertmeister Robert Kowalski
Spettacoli
3 gior
Le canzoni di Sanremo: tanto amore, tanto ballo e una poesia
Le abbiamo ascoltate a Milano. Su ‘Lettera di là dal mare’ di Massimo Ranieri parte l’applauso; il resto (Morandi, Elisa, Mahmood) dignitosamente segue
Spettacoli
3 gior
Grigioni, il lungo addio alla torre rossa di Origen
La struttura continuerà a ospitare eventi culturali fino al 2023. In programma uno spettacolo sull’imperatrice Irene di Bisanzio e il Requiem di Brahms
Culture
4 gior
Bari: è morta Chiara Samugheo, la fotografa delle dive
Nella sua lunga carriera, immortalò donne famose: da Liz Taylor a Monica Vitti, da Shirley MacLane a Sophia Loren, Claudia Cardinale, Gina Lollobrigida
Spettacoli
4 gior
Cocciante: ‘Non credevano in Notre Dame de Paris e sono 20 anni’
Presentata a Milano l’edizione del 20esimo, con l’autore delle musiche a raccontare la genesi di un’opera da 15 milioni di spettatori. A giugno al Lac
L’intervista
4 gior
E nella confusione, Balasso fa Ruzante
Due parole (anche tre) sul caos mediatico e un balzo nella campagna pavana del Cinquecento di Angelo Beolco, domani a Chiasso, sabato e domenica a Locarno
Spettacoli
5 gior
È morta Ronnie Spector, icona anni ’60 con le Ronettes
Fra i successi del gruppo formato con la sorella maggiore Estelle Bennett e la cugina Nedra Talley, ‘Be My Baby’, colonna sonora del film ‘Dirty Dancing’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile