laRegione
24.06.21 - 18:12
Aggiornamento: 19:37

Cellule di pesce evitano le sperimentazioni sull'animale

Il metodo, svizzero, è basato sulle cellule delle branchie della trota iridea: data la loro grande superficie, sono le prime che entrano in contatto con le sostanze chimiche

cellule-di-pesce-evitano-le-sperimentazioni-sull-animale
Oncorhynchus mykiss, comunemente indicata come trota iridea (Wikipedia)

I ricercatori dell'Istituto federale per l'approvvigionamento, la depurazione e la protezione delle acque (Eawag) hanno sviluppato una linea di cellule di pesce che permette di valutare la tossicità delle sostanze chimiche senza l'uso dei pinnati vivi. Il processo è appena stato approvato dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) come la più recente linea guida nel campo della tossicologia ambientale, indica un comunicato odierno dell'Eawag. Il metodo sviluppato da Kristin Schirmer e Melanie Fischer è basato sulle cellule delle branchie della trota iridea, scelte perché, data la loro grande superficie, sono le prime che entrano in contatto con le sostanze chimiche. E se qualche sostanza le danneggia alcune funzioni vitali per il pesce, come l'apporto di ossigeno, non funzionano più. “Quindi, osservando gli effetti di una sostanza chimica sulle cellule branchiali, siamo in grado di prevedere l'impatto su un pesce vivo”, spiegano le ricercatrici.

Uno studio del 2013 aveva mostrato che il test con la linee di cellule arrivava agli stessi risultati di quelli sui pesci vivi per almeno 30 sostanze chimiche. Nel 2019 il metodo ha ricevuto la certificazione Iso (Organizzazione internazionale per la normazione). E adesso, con la raccomandazione dell'Ocse, secondo l'Eawag è aperta la strada per una procedura di approvazione delle sostanze chimiche senza test sugli animali vivi. Finora, le linee guida normative dell'Ocse richiedevano ancora esperimenti con pesci vivi.

Nel 2019, quasi 8000 pesci vivi sono stati utilizzati in Svizzera per test ecotossicologici, ma questo dovrebbe essere presto un ricordo del passato, auspica l'Istituto federale delle acque.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Illustrazione
10 ore
Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin
Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
Sanremo
11 ore
Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’
I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
12 ore
La pittura di genere e la sua funzione civile
Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
13 ore
Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo
Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
Musica
16 ore
‘Non ho certezze, ho da darvi solo qualche piccola emozione’
Venticinque anni fa, l’ultimo – meraviglioso – concerto di Fabrizio de André in Ticino, al Palabasket di Bellinzona
Spettacoli
18 ore
L’album dell’anno è di Harry Styles. Måneskin a bocca asciutta
Grammy Awards, Beyoncé inizia bene e diventa la più titolata da sempre della cerimonia, ma ancora una volta per lei niente premi più prestigiosi
Spettacoli
18 ore
Grammy Awards, Beyoncé regina di tutti i tempi
Tre riconoscimenti ancora prima della serata di gala e altri due al suo inizio la consacrano come la più grande in assoluto
recensione
1 gior
La mafia? Va spiegata ai più giovani
Ottavia Piccolo è Elda Pucci sul palco del Teatro di Locarno dove, nel fine settimana, è andato in scena lo spettacolo ‘Cosa Nostra spiegata ai bambini’
Scienze
1 gior
È la notte della Miniluna, la più piccola dell’anno
In questo caso la Luna piena è vicina al punto della sua orbita più distante dalla Terra (apogeo) e appare leggermente più piccola rispetto al solito
Società
1 gior
Da Catania al Ticino, oggi è il giorno di Sant’Agata
Ricorre oggi la festa della giovanissima martire catanese, morta nel 252 d.C. e venerata, fra l’altro, come protettrice delle donne con patologie al seno
© Regiopress, All rights reserved