laRegione
cellule-di-pesce-evitano-le-sperimentazioni-sull-animale
Oncorhynchus mykiss, comunemente indicata come trota iridea (Wikipedia)
24.06.21 - 18:12
Aggiornamento: 19:37

Cellule di pesce evitano le sperimentazioni sull'animale

Il metodo, svizzero, è basato sulle cellule delle branchie della trota iridea: data la loro grande superficie, sono le prime che entrano in contatto con le sostanze chimiche

I ricercatori dell'Istituto federale per l'approvvigionamento, la depurazione e la protezione delle acque (Eawag) hanno sviluppato una linea di cellule di pesce che permette di valutare la tossicità delle sostanze chimiche senza l'uso dei pinnati vivi. Il processo è appena stato approvato dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) come la più recente linea guida nel campo della tossicologia ambientale, indica un comunicato odierno dell'Eawag. Il metodo sviluppato da Kristin Schirmer e Melanie Fischer è basato sulle cellule delle branchie della trota iridea, scelte perché, data la loro grande superficie, sono le prime che entrano in contatto con le sostanze chimiche. E se qualche sostanza le danneggia alcune funzioni vitali per il pesce, come l'apporto di ossigeno, non funzionano più. “Quindi, osservando gli effetti di una sostanza chimica sulle cellule branchiali, siamo in grado di prevedere l'impatto su un pesce vivo”, spiegano le ricercatrici.

Uno studio del 2013 aveva mostrato che il test con la linee di cellule arrivava agli stessi risultati di quelli sui pesci vivi per almeno 30 sostanze chimiche. Nel 2019 il metodo ha ricevuto la certificazione Iso (Organizzazione internazionale per la normazione). E adesso, con la raccomandazione dell'Ocse, secondo l'Eawag è aperta la strada per una procedura di approvazione delle sostanze chimiche senza test sugli animali vivi. Finora, le linee guida normative dell'Ocse richiedevano ancora esperimenti con pesci vivi.

Nel 2019, quasi 8000 pesci vivi sono stati utilizzati in Svizzera per test ecotossicologici, ma questo dovrebbe essere presto un ricordo del passato, auspica l'Istituto federale delle acque.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
pesce sperimentazioni trota iridea
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Castellinaria
5 ore
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
11 ore
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
13 ore
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
13 ore
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
23 ore
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
1 gior
In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua
Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
1 gior
‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita
I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Estate giallo-nera
1 gior
‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca
‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
Open Doors
1 gior
Poetica dell’eterogeneo: Caraibi e America Latina
Narrazioni, contesti, storie, generi differenti mappano contesti cinematografici unici. A colloquio con Zsuzsi Bànkuti, responsabile Open Doors.
Locarno 75
1 gior
Daisy Edgar-Jones: ‘C’è un po’ di Kya in ognuno di noi’
La 24enne attrice britannica, protagonista di ‘Where the Crawdads Sing’ (La ragazza della palude), si è raccontata prima della proiezione in Piazza Grande
© Regiopress, All rights reserved