laRegione
sanremo-fulminacci-l-amore-a-roma-citta-di-mare
Fulminacci (foto: Filiberto Signorello)
Sogno o son Festival
laR
 
03.03.21 - 06:00
Aggiornamento : 14:50

Sanremo: Fulminacci, l'amore a Roma, città di mare

In gara con ‘Santa Marinella’, canzone d'amore via terzi. Dal Tenco all'Ariston, il palco quello è. ‘Ma qui la scenografia ti travolge’. Intervista esclusiva

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Canta questa sera, Fulminacci. Un nome d’arte tra il rétro e il nostalgico, tra il Grande Splendini del Woody Allen di ‘Scoop’, o direttamente Supergiovane. Classe 1997, scrive le sue cose, le arrangia e se le canta, come nella migliore delle autogestioni musicali. ‘Borghese in borghese’, anno 2019, è carta moschicida per i cacciatori di cantautori. Il fatto che ‘La vita veramente’, anche singolo (“Odio gli artisti, i narcisisti, ma sono pazzo di me”) e miglior videoclip dell’anno, vinca di lì a poco la Targa Tenco per la migliore Opera prima, non è un caso. Anche perché prima del Tenco, Fulminacci – che aveva aperto per Gazzelle al Forum di Assago – al Concertone del Primo Maggio ci era andato in prima persona. È tornato a settembre 2020, il cantautore, con ‘Canguro’, e due mesi dopo con ‘Un fatto tuo personale’ – versione ‘Evolution’ – che finiranno nel nuovo album ‘Tante care cose’ in uscita il 12 marzo. Con dentro ‘Santa Marinella’, in gara a Sanremo. Il suo primo Sanremo.

Buongiorno Filippo: per parlare di Fulminacci partiamo dal nome?

Sì, ma la genesi del mio nome non è così interessante, in realtà. L’ho scelto perché mi diverte e ricorda il mio nome e il mio cognome mischiati. Mi chiamo Filippo Uttinacci e Fulminacci è, in qualche modo, una crasi delle due cose. In più, quello che mi ha fatto divertire, è stato scoprire che ‘fulminacci!’ è un’esclamazione dei fumetti degli anni '60 come Braccio di Ferro o Tex, che dicono ‘fulminacci!’ invece di ‘accidenti!’.

Sei una Targa Tenco che canta al Festival di Sanremo. Il teatro è lo stesso, l’Ariston, ma le dinamiche sono molto diverse…

Hanno in comune il fatto che esistono nello stesso luogo, e da un punto di vista prettamente estetico, che fa la sua parte, durante il Tenco il teatro è molto più spoglio ed essenziale. Ora c’è una scenografia pazzesca che ti travolge quando la guardi, che percepisci. Effettivamente c’è un’emozione superiore, che si sente. Però, devo dire che quando ho vinto il Tenco ero veramente all’inizio della mia carriera, per cui sono stato travolto anche quella volta, sebbene non ci fosse la scenografia del Festival. Il fatto di essere su quel palco, che era tutto arrosto e niente fumo, è stato molto importante, anche se più semplice.

Parti avvantaggiato. Non posso chiederti com’è Sanremo senza pubblico, ma provo a farti la domanda lo stesso, ipotizzando che il palco sia un altro…

Ho avuto la fortuna di fare parecchi concerti, con davanti molte persone, ed effettivamente sarà strano esibirmi di fronte a una platea vuota. In realtà, sappiamo benissimo che Sanremo sarà guardato da milioni di persone e anzi, questa cosa, direi, preoccupa molto di più che avere mille persone davanti. La pressione e l’adrenalina che dà il pubblico esiste lo stesso, se soltanto pensi a quanta gente ti guarda da casa, Comunque stiamo facendo televisione, non un concerto, la maggior parte delle persone sarebbe stata comunque nelle proprie case. In questo senso, Sanremo è il miglior format per non avere il pubblico.

Vengo alla canzone in gara partendo da un estratto: “Roma, che è città di mare”, che in qualche modo corrisponde al vero…

Premetto che l’intera canzone ‘Santa Marinella’ l’ho scritta io ma non riguarda qualcosa che mi è successo. L’ho scritta dopo che un amico mi ha raccontato una sua storia d’amore. Questo amico non è di Roma, ma del Nord Italia, e un giorno mi disse proprio: “Roma è una città di mare”. E in effetti io, romano, non ci avevo mai pensato, c’è una brezza marina per la quale, anche se Roma non sta esattamente al mare, anche se il mare non lo vedi, comunque lo percepisci, lo senti.

‘Santa Marinella’: come, dove, quando e perché.

L’amico, che per un lungo periodo mi ha intrattenuto con la sua storia d’amore, mi trasmetteva le sue emozioni. Dopo un annetto, addirittura a storia finita, mi sono messo lì, un giorno, a casa, e mi è venuto naturale buttare giù tutto il testo, di getto. Mi è sembrato naturale scriverla così, ed è stata una cosa molto bella perché durante la scrittura, nonostante io facessi finta di essere un altro, ci trovavo molto di me. E alla fine, quello che dico, la sensazione liberatoria che provo cantando il ritornello, è veramente come fosse qualcosa che è successo a me. È stato un esperimento d’immedesimazione che non escludo di riutilizzare in futuro, perché non ha niente da invidiare a un’esperienza vissuta in prima persona.

Fulminacci si può definire rappresentante della scuola romana, a partire dal fatto che è romano. Eppure, per la sera delle cover hai scelto uno che sì, è nato a Roma, ma è cresciuto ad Arezzo e ha vissuto tanto al Nord…

Ho scelto ‘Penso positivo’ di Jovanotti perché è un pezzo opposto al mio, allegro, ritmato, veloce, con sonorità funky. Ho scelto di regalare al pubblico un momento di spensieratezza, di leggerezza, divertimento, anche perché in generale, sia nel primo disco che nel secondo, ho una doppia anima: mi piace scrivere ballad e cose più spensierate e ironiche. E siccome questa è un’occasione per farmi conoscere a un pubblico più vasto, ho deciso di sfruttarla per mostrare i miei due modi diversi di essere.

Ho origliato tra i tuoi ascolti. Singole cose, i Beatles tutti, e poi Elton John e Billy Joel, pianisti anche se sei chitarrista…

Tantissimo. È vero, nasco chitarrista, suono e scrivo con la chitarra, credo comunque sia bello usare entrambi e ho intenzione d’imparare a suonare il pianoforte, e di suonarlo bene. Qualcosa ho scritto al piano per il secondo disco e mi sono reso conto che cambia molto. Billy Joel ed Elton John hanno un modo di suonarlo che mi fa impazzire, il pop di quegli anni, con tanto pianoforte e quegli arrangiamenti, è qualcosa di meraviglioso. È un tipo di pop che ho ascoltato molto per la scrittura del secondo disco. Ci metto dentro anche la Electric Light Orchestra. E Jackson Browne, che si accompagna con entrambi…

Hai 23 anni, se mi dici il tuo primo ricordo di Sanremo è sicuro che me lo ricordo anche io…

Non ho una prima immagine. Ricordo una settimana bianca fatta coi miei genitori in Abruzzo, da bambino, a Rivisondoli. Alloggiavamo in un albergo e abbiamo visto un’edizione di Sanremo presentata da Paolo Bonolis. Non mi ricordo nemmeno il contenuto di quell’edizione, ma ricordo con emozione questo quadretto familiare di vacanza, per andare a sciare. Il Festival l’avevamo visto dalla stanza d’albergo. E non è molto diverso da quel che succede quest’anno…

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
festival festival di sanremo fulminacci roma sanremo santa marinella
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
5 ore
I pianeti con due soli ospitali per la vita
Lo indica uno studio pubblicato su Nature dal gruppo dell’Università di Copenaghen guidato da Jes Kristian Joergensen
Spettacoli
7 ore
Fedez e J-Ax fanno pace e lanciano un festival gratuito a Milano
Una lunga chiamata fra i due ha risolto una serie di dissidi ed è sfociata nella proposta di tenere un evento di beneficenza il 28 giugno in piazza Duomo
Società
13 ore
Un cinema itinerante per i bimbi ucraini
In collaborazione con il Border Crossing Children’s Film Festival, Castellinaria presenta tre giornate di proiezioni
Società
13 ore
Il cinema svizzero parla quattro lingue, ma ride in due
La ‘settima arte’ oltre Gottardo vista con gli occhi, e la cinepresa, di un regista ticinese. Fulvio Bernasconi, da Lugano alla fama internazionale
Culture
14 ore
Quando il cinema racconta la storia e toglie le speranze
Solo a Cannes può succedere che un film, con la franchezza che esiste solo nel grande Cinema, chiuda tragici episodi di Storia o li apra
Spettacoli
23 ore
Cyrille Aimée: ‘Vivo il momento presente, come gli zingari’
La cantante jazz si esibirà domani sera alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
1 gior
Fedez e J-Ax hanno fatto pace: ‘Domani vi raccontiamo tutto’
I due cantanti avevano smesso di parlarsi quattro anni fa. Ora sono tornati insieme per un’iniziativa benefica
Spettacoli
1 gior
Cannes, contro i femminicidi protesta sul tappeto rosso
Un lenzuolo bianco è stato srotolato a sorpresa: su di esso i nomi di 129 donne uccise da mariti e compagni
Arte
2 gior
‘Una raccolta d’arte moderna italiana’ al Masi
Carrà, Campigli, Manzù, Rosai, Scipione e Sironi in mostra a Lugano da domenica 22 maggio al 29 gennaio 2023
Culture
2 gior
Fabio Andina vince il Prix du public Rts
L’autore ticinese è stato insignito per il suo romanzo ‘Jours à Leontica’ (’La pozza del Felice’ in italiano)
© Regiopress, All rights reserved