laRegione
08.06.21 - 14:10
Aggiornamento: 19:48

Taskforce Cultura: il certificato Covid non sia obbligatorio

L'associazione degli operatori culturali chiede che l'utilizzo del certificato Covid per gli eventi sia una soluzione temporanea, e che ci siano delle alternative

taskforce-cultura-il-certificato-covid-non-sia-obbligatorio
Piazza Grande a Locarno durante il Festival del cinema del 2016 (Keystone)

La Taskforce Cultura si mostra critica nella propria presa di posizione odierna sul certificato Covid e il suo utilizzo nel quadro della ripresa dei grandi eventi. Da una parte, viene riconosciuto che esso gioca "un ruolo importante per quel che concerne i viaggi interazionali, soprattutto per le professioniste e i professionisti della cultura". Al riguardo si puntualizza come, secondo gli operatori culturali, se messo in atto "in modo pragmatico e per una fase transitoria breve e ben definita nel tempo", può facilitare la ripresa di alcuni tipi di manifestazioni culturali pubbliche, come per esempio i grandi eventi o le manifestazioni di danza nei club. Dall'altra parte, però, si chiede che non vengano svantaggiati economicamente quei settori della cultura che rifiutano l'idea di manifestazioni destinate unicamente a un pubblico certificato. "Sulla base di queste considerazioni non sarà possibile trovare una soluzione completamente uniforme per tutti i settori e tutti i tipi di eventi, e questo deve essere rispettato dalle autorità" osserva la Taskforce Cultura, dichiarando di prendere "in parola" le dichiarazioni del Consiglio federale secondo il quale, non appena si raggiungerà la terza delle tre fasi del modello previsto dall'esecutivo (presumibilmente nel settembre 2021), verranno progressivamente abbandonati tutti i requisiti per la realizzazione di eventi. Fino ad allora, la Taskforce chiede che si possa continuare a organizzare manifestazioni culturali sulla base di piani di protezione convenzionali escludendo l'obbligatorietà del certificato.

Nessuna esclusione – accesso alla cultura per tutti

Il certificato Covid, nell'opinione della Taskforce, non deve portare all' «esclusione culturale» di determinate categorie di persone, ad esempio dei giovani che non possono ancora essere vaccinati. "Occorre pertanto garantire fin dall'inizio che tutte le categorie di persone possano ottenere un certificato senza difficoltà, indipendentemente da determinate caratteristiche o dal loro status (per esempio accettando anche documenti d'identità non ufficiali)", prosegue il comunicato. I firmatari della presa di posizione chiedono inoltre un accesso gratuito e a bassa soglia ai test qualificati,  compresi i test sierologici per il rilevamento del livello degli anticorpi, e che i Cantoni garantiscano la capacità di testare per far fronte a un aumento della richiesta, ad esempio in previsione di un grande evento.

Libertà di scelta sul metodo

"Per le stesse ragioni, gli organizzatori di eventi devono essere liberi di scegliere se vogliono utilizzare il certificato, o se invece preferiscono mantenere i concetti di protezione convenzionali", osserva la Taskforce Cultura, secondo cui l'utilizzo del certificato Covid da parte di un organizzatore di eventi dovrebbe esonerare dalla messa in atto di ulteriori misure come le mascherine obbligatorie, il distanziamento, le restrizioni sulla capienza o il consumo unicamente presso i posti a sedere. A titolo di esempio, viene riportato  l'Eurovision Song Contest 2021 con 3.500 persone senza mascherine in una sala di 3.500 posti. Regola, questa, da applicare uniformemente a tutti gli eventi, indipendentemente dal numero di persone che vi partecipano.

Mantenimento delle misure di compensazione

La Taskforce Cultura postula inoltre che rimanga comunque in vigore, senza esclusioni, il diritto alle misure di compensazione su cui fanno affidamento gli organizzatori di eventi e gli operatori culturali, dato che "in ogni caso, ci vorranno diversi mesi prima che il settore culturale torni a «regime normale»".

Limite di tempo chiaro e più breve possibile

Viene ribadita, dal punto di vista del settore culturale, la necessaria transitorietà e temporaneità, fino alla fase di normalizzazione, della soluzione basata sul certificato Covid, che "non ha spazio in un prevedibile ritorno alla normalità, così come non lo ha nessuna delle altre misure".

Altre questioni aperte

Infine, vengono citate altre questioni aperte di natura pratica, come: "l’approvazione di autotest affidabili; la presa in considerazione e la copertura dei costi dei test per il rilevamento del livello degli anticorpi; l’effettiva capacità dei Cantoni di fornire una quantità di test sufficienti per far fronte all’affluenza prima dei grandi eventi (anche per evitare che le persone debbano essere testate più volte durante gli eventi che durano diversi giorni, così come il personale che lavora all'evento)". Dal punto di vista del settore culturale, "nel caso in cui si utilizzi il certificato Covid eventuali costi per infrastrutture e personale supplementari o per l’esecuzione dei test devono essere coperti dalla Confederazione e/o dai Cantoni". Si chiede infine che gli organizzatori vengano sollevati da ogni responsabilità nel caso in cui un/un’ospite dovesse presentare un certificato Covid falso e/o se dovessero verificarsi infezioni durante l’evento.

 

 

  • Il certificato Covid è un documento che avrà importanza soprattutto come base per consentire i viaggi internazionali, cosa che vale anche per lavoratrici e lavoratori del settore culturale.
  • Il suo utilizzo nel settore culturale in Svizzera è accettabile al massimo in una fase transitoria molto breve e chiaramente definita, e non può in nessun caso essere l'unica soluzione per l‘organizzazione e la partecipazione a manifestazioni culturali.
  • Se implementato in modo pragmatico il certificato Covid può rendere di nuovo possibile in tempi rapidi la realizzazione di grandi eventi e di manifestazioni di danza nei club.
  • Per gli organizzatori di manifestazioni culturali deve rimanere in vigore la possibilità di organizzare eventi utilizzando piani di protezione convenzionali, sull’utilizzo del certificato Covid non vi deve essere alcun’obbligatorietà.
  • Un’eventuale decisione di non utilizzare il certificato Covid non deve far perdere agli organizzatori la possibilità di accedere alle misure di compensazione.
  • Nel caso in cui si utilizzi il certificato Covid non devono essere imposti ulteriori requisiti come limiti di capienza, possibilità di consumare unicamente da seduti e obbligatorietà delle mascherine igieniche.
  • L’emissione del certificato Covid dev’essere facile e rapida (anche con poco preavviso).

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
2 ore
Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni
L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
22 ore
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
1 gior
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
2 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
2 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Scienze
2 gior
Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno
Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
Scienze
2 gior
Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati
Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense
Culture
2 gior
Bellinzona è pronta a ‘Sconfinare’ (il Festival)
In programma dal 30 settembre al 2 ottobre nella tensostruttura trasparente di Piazza del Sole
Libri
2 gior
Dalla malattia della figlia nasce un libro. ‘Una promessa a lei’
Intervista a Michela Maiocchi, autrice di ‘Storia di Pino’: una fiaba a metà, uscita dal cassetto grazie ad allievi della Scuola speciale di Biasca
Spettacoli
3 gior
Il Premio Palmira è una cosa per giovani
Non bisogna avere più di 30 anni per scrivere il prossimo spettacolo della Compagnia Comica di Mendrisio. Del concorso (e non solo) parla Lucia Crivelli
© Regiopress, All rights reserved