laRegione
certificato-covid-dove-sara-obbligatorio-e-dove-no
Keystone
Dal prossimo lunedì quasi ovunque nei luoghi chiusi
08.09.21 - 17:33
Aggiornamento: 20:01

Certificato Covid, dove sarà obbligatorio e dove no

Il Consiglio federale estende l’obbligo a quasi tutti i luoghi chiusi a partire dal prossimo lunedì. Le principali domande e risposte

Cos’è il certificato Covid e a cosa serve?

Un ‘documento’ (disponibile sottoforma di pdf, in una app o in versione cartacea) che attesta una vaccinazione anti-Covid-19, la guarigione dalla malattia o il risultato negativo di un test. Il suo impiego riduce il rischio di trasmissione, perché s’incontrano fra loro soltanto persone non contagiose o con un basso rischio di contagio. Permette inoltre di evitare misure più drastiche, come la chiusura di strutture o il divieto di determinate attività. Dal 1° luglio è obbligatorio per le manifestazioni con oltre mille persone nonché in club, discoteche e sale da ballo.

A partire da quale età si deve esibirlo?

L’obbligo del certificato vale dai 16 anni in su.

Chi assume i costi dei test necessari per ottenerlo?

In agosto il Consiglio federale ha deciso che, dal 1° ottobre, chi si sottopone al test per ottenere un certificato dovrà pagarlo di tasca propria.

Dove sarà obbligatorio a partire da lunedì?

  • luoghi chiusi di bar e ristoranti (compresi quelli degli alberghi);
  • strutture sportive, ricreative e per il tempo libero: teatri, sale cinematografiche, sale da gioco, piscine, musei, zoo, ecc.;
  • manifestazioni in luoghi chiusi: concerti, manifestazioni sportive, eventi di associazioni, eventi privati come matrimoni al di fuori di locali privati;
  • manifestazioni con oltre mille persone, club, discoteche e sale da ballo (come finora);
  • università, scuole universitarie e scuole professionali (ma la decisione spetta al Cantone o alla singola struttura)

Fino a quando sarà obbligatorio?

In linea di massima fino al 24 gennaio 2022. Ma la misura potrà essere revocata a dipendenza dell’evolversi della situazione epidemiologica.

Con l’obbligo di certificato cadono le altre misure di protezione (mascherina, distanziamento, ecc.)?

Sì, se il gestore della struttura interessata o gli organizzatori di una manifestazione lo riterranno opportuno.

Cosa succede in caso di inosservanza dell’obbligo?

Gli ospiti senza certificato di strutture o manifestazioni per le quali il certificato è obbligatorio saranno passibili di una multa di 100 franchi. Alle strutture e alle manifestazioni che non osservano l’obbligo potranno essere applicate sanzioni che vanno dalla multa alla chiusura dell’esercizio. Per il controllo sono responsabili i Cantoni.

Dove non sarà obbligatorio?

  • trasporti pubblici, commercio al dettaglio e zone di transito degli aeroporti;
  • manifestazioni private in spazi privati con al massimo 30 persone (es. allenamenti sportivi o prove musicali);
  • manifestazioni religiose, funerali e manifestazioni per la formazione dell’opinione politica con al massimo 50 persone;
  • sessioni parlamentari e assemblee comunali;
  • prestazioni delle autorità nonché servizi alla persona come saloni di parrucchieri, offerte terapeutiche e di consulenza, offerte gastronomiche in centri di consulenza (p. es. mensa per i poveri in un luogo chiuso);
  • luoghi di lavoro e centri di formazione (comprese le mense).
  • aree esterne (eccetto nel caso in cui i visitatori di strutture sportive, ricreative e per il tempo libero facciano la spola tra le aree interne e quelle esterne);
  • visite a familiari in ospedali e case di riposo (ma alcune strutture lo hanno già introdotto di propria iniziativa)

Anche i collaboratori di una struttura con obbligo di certificato devono esserne provvisti?

No. Un datore di lavoro può però esigere dai lavoratori, nel quadro del proprio obbligo di tutela, che siano provvisti di un certificato (es. negli ospedali). I datori di lavoro sono autorizzati a verificare se i loro lavoratori possiedono un certificato, se questo serve a stabilire misure di protezione opportune (es. mascherina, barriere di plexiglas) o all’attuazione del piano di test.

Quali regole valgono nei Paesi confinanti?

Anche loro hanno introdotto quest’estate un sistema di certificato Covid-19. In Italia, ad esempio, il ‘Green pass’ è obbligatorio da inizio agosto per mangiare al chiuso nei ristoranti, accedere ai musei o alle palestre, così come per gli operatori sanitari. Dal 1° settembre l’obbligo è stato esteso ai docenti così come ai passeggeri di treni, navi, aerei e autobus a lunga percorrenza. L’obbligo potrebbe essere esteso ad altri settori.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato covid consiglio federale obbligo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 min
Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi
È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz.
Svizzera
28 min
Detenuto evade dal carcere bernese di Witzwil
L’uomo, un cittadino algerino di 41 anni, non è considerato pericoloso. Stava scontando la pena in regime aperto
Svizzera
1 ora
L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’
Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
2 ore
Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago
Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
2 ore
‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’
Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
3 ore
Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’
Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
3 ore
Corpo recuperato nelle acque dell’Aare
Si tratta di un 44enne georgiano. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella dell’incidente
Svizzera
4 ore
Travail.Suisse esige aumenti salariali fra il 3 e il 5%
L’organizzazione sindacale chiede l’incremento per compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende
Svizzera
4 ore
Il futuro sistema di voto online alla prova degli hacker etici
La Posta ha chiesto di effettuare dei test di intrusione pubblici per scovare falle sul sistema che dal 2023 dovrebbe essere a disposizione dei Cantoni
Svizzera
7 ore
‘Sulla cybersicurezza servono regole più forti’
Secondo lo specialista Stéphane Koch, le aziende andrebbero obbligate a garantire la propria sicurezza pena essere ritenute responsabili per gli attacchi
© Regiopress, All rights reserved