laRegione
brasile-la-scultura-a-forma-di-vulva-crea-polemiche
(Twitter)
06.01.21 - 08:42
Aggiornamento: 10:12

Brasile, la scultura a forma di vulva crea polemiche

Realizzata in cemento armato, è la provocatoria creazione dell'artista Notari che intende denunciare il maschilismo e la cultura fallocentrica occidentale

Un' enorme vulva di cemento armato e resina rossa che spunta dal terreno. È la provocatoria opera dell'artista brasiliana Juliana Notari contro il "maschilismo e la cultura fallocentrica della società occidentale". Appena postato foto dell'opera, intitolata "Diva", sui propri profili social, l'artista è stata inondata di critiche e insulti sessisti.

"Questi attacchi dimostrano il maschilismo, i pregiudizi e la misoginia presenti nella società occidentale. Un patriarcato millenario. Quando si espone un simbolo femminile, la vulva, immagine che va oltre il sesso per arrivare a una dimensione sacra, si genera paura e fascino", ha dichiarato l'artista.

"Diva" è stata scolpita nel parco di Land Art "Usina de Arte" di Agua Preta , nello stato del Nordest brasiliano di Pernambuco, con l'intento - secondo l'artista - "di permettere all'arte di dialogare su questioni di genere, a partire da una prospettiva femminile".

‘Una denuncia della cultura patriarcale e schiavista del Paese’

L'opera, realizzata a mano e senza escavatrice in 11 mesi dall'artista e da 20 operai, misura 33 metri di lunghezza, 16 di larghezza e cinque di profondità. L'artista ha pubblicato anche alcune foto scattate durante la lavorazione, che le hanno attirato ulteriori critiche e insulti, in quanto gli operai erano tutti afro-brasiliani.

"Mi piaceva esteticamente l'idea di una donna bianca e ricca in mezzo a uomini neri che lavorano. La questione dei lavoratori neri, che sono la maggioranza nel settore delle costruzioni, rappresenta la cultura patriarcale e schiavista del nostro Paese", ha scritto sul suo profilo Twitter Juliana Notari, 45 anni.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
artista brasile cultura cultura fallocentrica maschilismo notari vulva
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
37 min
A proposito di Robert Walser
Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
3 ore
Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’
Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Musica
10 ore
Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul
Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
10 ore
In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’
Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
14 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
17 ore
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
20 ore
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
22 ore
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
22 ore
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
Locarno 75
23 ore
Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso
Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
© Regiopress, All rights reserved