laRegione
23.12.20 - 17:04
Aggiornamento: 18:59

Covid, un manifesto per difendere gli indipendenti della cultura

Non escludeteci dalla società: gli operatori culturali presentano un manifesto a Parlamento e al Consiglio federale

Ats, a cura de laRegione
covid-un-manifesto-per-difendere-gli-indipendenti-della-cultura
Manifestazione per la cultura a Losanna a inizio dicembre (Keystone)

Gli attori culturali indipendenti si sentono ingiustamente esclusi dalla società a mano a mano che vengono adottati a livello federale o cantonale provvedimenti per arginare il coronavirus. Un manifesto inviato alle autorità federali, sostenuto da grandi festival e personalità politiche, ricorda l'importanza di questo settore per la società.

Circa 450 protagonisti della scena culturale elvetica hanno firmato un manifesto indirizzato al Parlamento e al Consiglio federale in cui chiedono che i lavoratori autonomi attivi nella cultura vengano difesi almeno con lo stesso zelo profuso per quelli di altri settori dell'economia, sottolinea il collettivo che ha dato il "la" all'iniziativa.

La gamma di artisti coinvolti è ampia: cantanti lirici, cineasti, pianisti, scrittori, comici e tecnici. Si tratta di profili professionali che si lasciano alle spalle un anno estremamente difficile a causa delle restrizioni legate all'epidemia.

Il manifesto sottolinea che le persone che lavorano nella cultura in senso lato rappresentano il 6,3% della popolazione attiva in Svizzera. Nel 2018, il valore aggiunto generato dall'economia culturale ammontava a 15,2 miliardi di franchi. Gli attori culturali indipendenti rappresentano il 28% di coloro che operano in questo campo. Poiché non sono in grado di lavorare sono quelli che hanno sofferto di più a causa della crisi pandemica.

Gli attori culturali si sentono discriminati quando constatano che eventi religiosi, sportivi o politici sono invece permessi a determinate condizioni, mentre quelli culturali sono vietati, benché anch'essi possano essere sottoposti agli stessi piani di protezione.

Per questo chi opera nella cultura da indipendente rivendica un indennizzo alla stessa stregua delle istituzioni culturali e di altri settori economici.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Arte
6 ore
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
10 ore
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Cinema
11 ore
James Bond e il cinema, la morte può attendere
Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
11 ore
Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica
La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Scienze
15 ore
Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale
Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
L’intervista
20 ore
Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni
Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior
Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp
Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior
È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda
Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
1 gior
Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna
Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
© Regiopress, All rights reserved