laRegione
formazione-professionale-borse-di-studio-fino-ai-55-anni
Ti-Press
Presto in parlamento
laR
 
16.05.22 - 18:57
Aggiornamento: 22:03

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no

L’età massima per accedere agli aiuti allo studio, e quindi alla formazione professionale, deve essere alzata dagli attuali 40 anni a 55 anni. A deciderlo, sottoscrivendo all’unanimità il rapporto di Raoul Ghisletta (Ps) e Alessio Ghisla (Ppd) è stata oggi la commissione parlamentare Formazione e cultura, chiudendo – forse, come vedremo – un cerchio apertosi durante il dibattito in Gran Consiglio sul sostegno alla formazione nel settore sociosanitario contenuto nel messaggio governativo ‘Pro San 2021-2024’.

L’aumento a 62 anni per il settore sociosanitario ottenuto dall’Mps balla già

Il dibattito parlamentare andato in scena il 23 febbraio, che ha portato il sostegno unanime del Gran Consiglio a questo potenziamento, ha visto passare anche un emendamento del Movimento per il socialismo che, con 43 favorevoli, 25 contrari e 12 astenuti, chiedeva di alzare a 62 anni l’età massima per ottenere l’assegno di formazione terziaria sociosanitaria. Prima – con il direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport Manuele Bertoli –, durante – con la socialista Biscossa –, e dopo la messa nero su bianco di questa modifica nella Legge sugli aiuti allo studio è parsa lampante la differenza di trattamento tra formazione nel settore sociosanitario e gli altri settori dove il limite è, si diceva, posto a 40 anni. Che fare? In quattro e quattr’otto Anna Biscossa, per il gruppo Ps, ha presentato un’iniziativa parlamentare elaborata con la richiesta di alzare a 60 anni il limite di età per i sostegni alla formazione professionale.

Soglia ritenuta troppo alta dal Consiglio di Stato, che un mese esatto dopo, era il 23 marzo, con un messaggio ha invitato il parlamento ad ‘accontentarsi’ di un innalzamento a 50 anni.

Oggi la commissione Formazione e cultura ha quindi messo il timbro sul più classico dei compromessi: sì ai 55 anni come età massima per ottenere borse di studio per la frequenza di scuole di grado secondario II e istituti di grado terziario; sostegni come assegni di tirocinio, assegni di riqualificazione per formazioni duali, aiuto al perfezionamento professionale; assegni per la formazione sociosanitaria. Facendo tornare così indietro di sette anni il limite a 62 anni votato dal Gran Consiglio con l’emendamento Mps di cui sopra.

Maggiori costi per 750mila franchi annui

Un compromesso che, si legge nel rapporto redatto da Ghisletta e Ghisla, è arrivato dopo che "la commissione ha sentito i gruppi parlamentari, che si sono detti consci della crescente importanza dell’aggiornamento e dello sviluppo professionale nella seconda parte della vita lavorativa delle persone". Ebbene, "alla luce dei responsi dei gruppi parlamentari la commissione ha deciso di proporre al parlamento di portare a 55 anni l’età massima generale per accedere agli aiuti allo studio, senza concedere eccezioni che sarebbero soggettive". Tale innalzamento generale "comporta un maggior costo di 150mila franchi annui rispetto al controprogetto proposto dal Consiglio di Stato". Portando a un totale di 750mila franchi il maggior costo annuo, dal momento che è stato il governo stesso a spiegare nel suo messaggio come per la fascia 40-45 anni si sarebbe trattato di mettere sul piatto ulteriori 350mila franchi, per la fascia 46-50 anni 250mila e per la fascia 51-55 anni 150mila. Per coloro che sono ‘rimasti fuori’ rispetto alla proposta di Biscossa sarebbero dovuti uscire ulteriori 100mila franchi annui, ma in nome del compromesso si è scelta un’altra via.

Quanto sottoscritto oggi dalla ‘Formazione e cultura’ soddisfa la deputata Anna Biscossa, che da noi interpellata spiega che «ho proposto io questa soluzione, che avrebbe avuto il sostegno di tutti al contrario forse di quella iniziale. Dovremo, prima o poi, tornare a discutere di alzare maggiormente la soglia, ma per ora è un buon primo passo».

Pronzini: ‘In parlamento ci faremo sentire’

Per un’iniziativista soddisfatta, c’è un’opposizione sulle barricate: quella dell’Mps. Il granconsigliere Matteo Pronzini, da noi raggiunto per una reazione, tuona: «Per noi questo compromesso rappresenta innanzitutto un peggioramento per la formazione nel settore sociosanitario, perché col nostro emendamento l’età massima era stata alzata a 62 anni e ora la vogliono già abbassare». Ma, ancor di più, «qualcuno mi deve dire cosa vogliono fare con i disoccupati con più di 55 anni a cui nessuno offre un posto di lavoro. Bisogna trovare una soluzione, finché a una persona viene chiesto di lavorare a questa persona deve essere pure offerta la possibilità di formarsi». Sarà (ancora) battaglia in parlamento, quindi? «Molto probabilmente, perché se è stato ritenuto possibile alzare a 62 anni l’età per il sociosanitario perché il mese dopo non vale più per questo settore ed è un’età ritenuta eccessiva per tutte le altre formazioni?».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
borse di studio formazione professionale gran consiglio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
6 sec
Frontale scooter-auto a Corcapolo, ferite gravi per il centauro
L’incidente intorno alle 15.45 sulla strada cantonale all’altezza dell’intersezione per Calezzo. Il ferito portato in ospedale da un elicottero della Rega
Ticino
14 min
Livelli a scuola, ‘usiamoli come indicatori e non come criteri’
È una delle proposte del Consiglio cantonale dei giovani, che chiede anche 5 anni di scuola media e maggiore sensibilizzazione su droghe e alcol
Ticino
2 ore
Legge sulla polizia, al via la consultazione per la revisione
Il nuovo disegno ha come obiettivo di permettere alle autorità di svolgere le proprie attività con maggiore efficacia e chiarezza
Luganese
4 ore
Urc 2022, il bilancio della sicurezza è positivo
Lo Stato Maggiore Urc 2022 sottolinea come i disagi per la popolazione siano stati ridotti al minimo e l’adattabilità del dispositivo approntata
Bellinzonese
5 ore
‘Il canone va comunque pagato’: sconfessata Sa di Cadenazzo
Il Taf respinge il ricorso ribadendo le regole del nuovo sistema di prelievo (imposta, non più tassa) in vigore dal 2019 in Svizzera per le imprese
Bellinzonese
12 ore
Preonzo, residenti sotto la montagna ‘stufi degli allagamenti’
Gli abitanti della via Cadmónn sollecitano il Municipio affinché si trovi una soluzione alla discesa a valle di acqua e detriti in occasione di nubifragi
Mendrisiotto
12 ore
Operatori di prossimità, gli altri Comuni ci sono
Dopo la separazione di Mendrisio, nove enti locali sono pronti a confermare il sostegno al Servizio regionale. Se ne parlerà entro fine luglio
Locarnese
12 ore
Brione Verzasca, luce verde ai semafori
Il legislativo ha accolto il credito per la loro installazione. Permetteranno di assicurare maggior fluidità al traffico nella strettoia del paese
Luganese
18 ore
Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello
Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
19 ore
5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa
Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
© Regiopress, All rights reserved