laRegione
che-anche-i-docenti-sopra-il-50-possano-diventare-deputati
Ti-Press
Gran Consiglio
24.05.22 - 18:01

‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’

Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni

Una modifica di cui "non bisogna certo esagerare la portata", ma che permetterebbe di "arricchire di competenze ed esperienza le discussioni in Gran Consiglio e nelle commissioni sui temi della scuola", oltreché di "eliminare una disparità di trattamento, dal punto di vista dei diritti, di cui sono vittime alcune migliaia di cittadine e cittadini del cantone". Sono gli effetti che secondo i tre deputati Mps avrebbe l’abolizione dell’articolo di legge che sancisce l’incompatibilità tra la funzione di docente con grado d’attività superiore al 50% e quella di membro del Gran Consiglio. Proposta avanzata dal Movimento in un’iniziativa parlamentare elaborata.

"L’attuale articolo 83a della Legge sull’ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti (Lord) – si legge nell’atto parlamentare – prevede espressamente l’incompatibilità tra la carica di membro del Gran Consiglio e l’attività di docente, superiore al 50%, nelle scuole cantonali". Una questione "che ritorna ed è ritornata a più riprese nella discussione politica", anche perché, scrivono gli iniziativisti, "come noto, questa incompatibilità riguarda solo pochi cantoni. Gli anni più recenti, tuttavia, hanno visto acuirsi il problema della rappresentanza degli insegnanti e della possibilità che persone appartenenti a questa categoria possano partecipare attivamente, direttamente e a pieno titolo alle attività legislative cantonali". I docenti, prosegue il testo, hanno lamentato la scarsa attenzione che la classe politica riserva loro, alle loro prese di posizione, alle loro proposte, e questo "in particolare nelle diverse discussioni sulle riforme della scuola (pensiamo al progetto di riforma ‘La scuola che verrà’, ma anche alla recente discussione sulla proposta di sperimentazione di insegnamento senza livelli)".

L’attuale articolo 83a "permette di risolvere individualmente la questione rinunciando a metà della propria occupazione", concedono i tre granconsiglieri, "ma si tratterebbe di rinunce definitive che non tutte e tutti – anche per le rispettive condizioni familiari – possono sopportare". Il fatto che diversi docenti siano diventati membri del Gran Consiglio solo in fase di prepensionamento, o dopo il pensionamento completo, secondo l’Mps "testimonia delle difficoltà che questa soluzione comporta". Alla luce di tali considerazioni, gli iniziativisti propongono di abrogare il citato articolo di legge che recita: "La funzione di docente di una scuola cantonale con un grado di occupazione fino al cinquanta per cento è compatibile con la carica di deputato al Gran Consiglio".

Sostegno alla possibilità di formarsi

"Finché a una persona viene chiesto di lavorare, a questa persona deve essere pure offerta la possibilità di formarsi", aveva detto su queste colonne la scorsa settimana il deputato Mps Matteo Pronzini, contestando il compromesso a cui è giunto il rapporto sottoscritto all’unanimità dalla Commissione parlamentare formazione e cultura che chiede di alzare l’età massima per accedere agli aiuti allo studio, e quindi alla formazione professionale, dagli attuali 40 anni ai 55. La discussione si era aperta in parlamento nell’ambito del dibattito sul messaggio governativo Pro San 2021-2024 lo scorso 23 febbraio, dove era passato un emendamento Mps che proponeva di alzare l’età massima a 62 anni nel settore sociosanitario. A seguito di un’iniziativa parlamentare del Ps che chiedeva un innalzamento in tutti i settori a 60 anni, e un successivo messaggio del governo che invece auspicava di limitarsi ai 50, la ‘Formazione e cultura’ è giunta appunto al compromesso dei 55 anni. Ma l’Mps non ci sta e ha quindi elaborato cinque emendamenti che saranno discussi nella seduta di lunedì in Gran Consiglio. Emendamenti che intendono modificare la legge sugli aiuti allo studio (Last) in modo che le borse di studio, i sostegni alla formazione professionale, l’aiuto al perfezionamento linguistico, l’assegno di formazione terziaria possano essere richiesti da coloro che "nel corso dell’anno civile d’inizio della formazione non hanno ancora compiuto o non compiono il sessantesimo anno d’età", e non "il cinquantacinquesimo", come propone il rapporto commissionale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
formazione gran consiglio mps scuola
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
46 min
Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum
Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Ticino
12 ore
‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’
La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Ticino
13 ore
Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’
L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
13 ore
Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura
Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Locarnese
14 ore
‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’
Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Ticino
14 ore
‘Alla guida nessuna distrazione!’
Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Luganese
15 ore
Zelensky a Lugano non ci sarà. Ma arriverà il premier Shmyhal
L’ambasciatore ucraino a Berna fa chiarezza sui delegati che arriveranno in riva al Ceresio in occasione della conferenza Urc 2022
Ticino
19 ore
Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni
Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
19 ore
‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina
Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Ticino
20 ore
Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio
Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
© Regiopress, All rights reserved