laRegione
31.03.22 - 11:46
Aggiornamento: 14:43

Parità salariale garantita nell’amministrazione cantonale

L’analisi interna mostra un gap salariale fra uomini e donne dell’1,9%, al di sotto della soglia del 5% che indica una disparità salariale sistematica

a cura de laRegione
parita-salariale-garantita-nell-amministrazione-cantonale
Ti-Press

Nell’Amministrazione cantonale la parità salariale fra donne e uomini è garantita. Lo conferma l’analisi interna, il cui risultato mostra una differenza salariale fra i due generi pari all’1,9%, valore che si colloca al di sotto della soglia di tolleranza del 5% prevista dal metodo di analisi applicato.

La parità salariale, scrive l’esecutivo cantonale, "è una preoccupazione importante per il Consiglio di Stato". Un’analisi interna al riguardo è già stata svolta nel 2014 e nel 2016 il Cantone Ticino è stato tra i primi cantoni firmatari della "Carta per la parità salariale nel settore pubblico". L’analisi è stata ripetuta dal Consiglio di Stato in quanto la modifica della Legge federale sulla parità dei sessi (art. 13a - 13i, LPar), in vigore dallo scorso 1° luglio 2020, l’ha resa obbligatoria per i datori e le datrici di lavoro con almeno 100 dipendenti, che sono altresì tenuti a comunicare i risultati entro giugno 2023.

Il risultato, validato dal Controllo cantonale delle finanze in qualità di organo esterno di revisione accreditato dalla Confederazione, mostra, come detto, che le donne guadagnano mediamente l’1,9% in meno degli uomini. Valore che, collocandosi al di sotto della soglia di tolleranza del 5% prevista dallo strumento di analisi, dimostra che non è stata individuata alcuna disparità salariale sistematica. Sul risultato incidono le indennità per picchetti, lavoro notturno e festivo che sono versate per attività in cui gli uomini sono maggiormente rappresentati (in particolare per quanto concerne gli operai e gli agenti di polizia). L’inclusione di queste indennità incide per lo 0,7% (sul valore complessivo dell’1,9%) ciò che non è tanto dovuto a una disparità salariale, ma piuttosto a una diversa propensione dei due generi a occupare posizioni in attività che danno diritto a delle indennità.

La verifica si è svolta tramite lo strumento di analisi standardizzato Logib, messo a disposizione dalla Confederazione e riconosciuto quale metodo scientifico e conforme al diritto. Tramite una regressione statistica il metodo consente di individuare eventuali disparità salariali non imputabili a caratteristiche individuali (livello di formazione, anzianità di servizio, potenziale esperienza professionale) o relative al posto di lavoro (livello di competenza e posizione professionale) e quindi potenzialmente discriminanti.

Quanto emerso, conclude il Consiglio di Stato, dimostra che il modello salariale e la sua applicazione ai dipendenti dello Stato non comporta delle discriminazioni sistematiche basate sul genere e conferma che lo Stato garantisce il principio costituzionale per cui donne e uomini hanno diritto a un salario uguale per un lavoro di uguale valore (art. 8 cpv. 3 Costituzione).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
43 sec
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
1 ora
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
3 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Ticino
6 ore
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
7 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
7 ore
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
10 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
10 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
10 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
10 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
© Regiopress, All rights reserved