laRegione
laR
 
26.03.22 - 05:30

‘Si crei un fondo per apprendisti in difficoltà e in emergenza’

A chiederlo con una mozione sono i Ppd Ermotti-Lepori e Fonio: ‘Non si tratta di grandi cifre, ma di forte empatia verso i giovani in formazione’

si-crei-un-fondo-per-apprendisti-in-difficolta-e-in-emergenza
Ti-Press
‘Una proposta da rendere concreta quanto prima’

Creare un fondo per aiutare gli apprendisti con comprovate difficoltà finanziarie e in situazione di emergenza. È quanto chiedono con una mozione inoltrata al Consiglio di Stato i deputati del Ppd Maddalena Ermotti-Lepori e Giorgio Fonio, i quali partono da tre pilastri.

Il primo è che "le autorità cantonali, con la recente modifica della Legge della scuola per estendere l’obbligo formativo fino al compimento dei 18 anni, hanno chiaramente dichiarato l’intento di aiutare i giovani a ottenere un diploma e di ridurre i casi di abbandono scolastico". Il secondo dato di partenza di Ermotti-Lepori e Fonio è che la situazione di difficoltà di alcuni apprendisti "è ormai nota da tempo sia alla Divisione della formazione professionale sia al Dipartimento educazione, cultura e sport" mentre uno sprazzo di fiducia sull’iter di questa mozione per i due granconsiglieri popolari democratici consiste nel fatto che "il capo dipartimento (Manuele Bertoli, ndr) ha già espresso, a suo tempo, un parere favorevole in relazione alla creazione di un fondo con queste finalità".

‘Da rendere concreto quanto prima’

Questa possibilità, vale a dire l’istituzione di questo credito, deve "essere resa concreta quanto prima – scrivono Ermotti-Lepori e Fonio –, in modo che le sedi scolastiche del settore professionale possano far fronte con tempismo alle richieste di aiuto da parte degli studenti in difficoltà".

Finora sono ‘diversi insegnanti’ ad aiutare

Anche perché la situazione non è sempre rosea. "Da tempo nell’ambito della formazione professionale – si legge nel testo della mozione – diversi insegnanti aiutano, attingendo a risorse personali, apprendisti che si trovano in difficoltà finanziarie a causa di situazioni impreviste o dovute al deterioramento repentino di una situazione già precaria". Si tratta "di aiuti necessari nell’immediato, nell’attesa che la situazione si assesti e/o che i vari organi di sostegno presenti sul territorio si attivino, e che coprano piccole spese di vario tipo: acquisto di libri e altro materiale scolastico, tassa scolastica, biglietto del treno per andare a scuola e tornare a casa, pranzo in mensa e altro ancora". Aiuti che, sottolineano Ermotti-Lepori e Fonio "sono mirati per situazioni transitorie dovute all’allontanamento dalle famiglie, la morte di un genitore, ricorsi contro l’Ufficio della migrazione, eccetera".

Con la volontà di non perdere nessun giovane per strada

Gesti solidali da non dare per scontati, che "hanno alla base la relazione umana di prossimità tra allievi e docenti, nonché la volontà di non perdere nessuno per strada; la stessa volontà che negli ultimi anni anche la politica ha voluto sottolineare con l’estensione dell’obbligo formativo fino al compimento dei 18 anni".

Complessivamente, si continua a leggere nel testo, "non si tratta di grandi cifre". Ma per gli apprendisti che si trovano a dover fronteggiare una situazione emergenziale e improvvisa "questi aiuti immediati e di forte impatto empatico significano spesso la possibilità di poter continuare l’apprendistato o comunque di poterlo fare con maggior serenità e in ogni caso di sentirsi un po’ meno soli".

Da un Istituto è già arrivata una richiesta

Il tema è noto ai vertici del Decs, si diceva. I due deputati popolari democratici infatti affermano: "Ci è stato riportato che, circa un anno fa, alcuni docenti di un Istituto scolastico del settore professionale abbiano fatto richiesta esplicita alla Divisione della formazione professionale e, tramite questa, al Dipartimento educazione, cultura e sport per la creazione di un fondo dal quale le sedi scolastiche possano attingere in caso di comprovate difficoltà finanziarie dei propri studenti". Ebbene, "a distanza di un anno, nonostante i solleciti tramite la direzione dell’Istituto scolastico, poche o nulle sono state le comunicazioni e soprattutto non è stato creato alcun fondo". Quindi, con questa mozione, il Ppd prova ad accelerare l’iter facendo arrivare, materialmente, il dossier sul tavolo del Consiglio di Stato.

Cosa è l’obbligo formativo

Proposto con un messaggio governativo il 7 gennaio 2020 e approvato dal Gran Consiglio il 27 maggio dello stesso anno, l’obbligo formativo fino a 18 anni fa parte di una delle sei misure che hanno composto il pacchetto ‘Obiettivo 95%’, attraverso il quale si vuole aumentare il numero di giovani con un titolo secondario II entro i 25 anni. L’obbligo formativo, è stato rimarcato più volte da Bertoli, non è da confondersi con l’obbligo scolastico. Che non cambia. Semmai, per usare le parole del Decs, "è un sostanziale divieto di non formarsi fino al raggiungimento della maggiore età".

Leggi anche:

Scuola, ‘sfuggono ai nostri radar 300 giovani all’anno’

Ticinesi 'obbligati a formarsi fino a 18 anni’

L'obbligo formativo fino ai 18 anni è legge

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
21 min
Truffa sulle tessere bancomat, due arresti a Brogeda
Il raggiro in due fasi: prima l’appropriazione indebita delle tessere, poi l’inganno per carpire il Pin ed eseguire prelievi di denaro illegalmente
Bellinzonese
4 ore
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
6 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
9 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
9 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
9 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
15 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
16 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
18 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
19 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
© Regiopress, All rights reserved