laRegione
03.06.22 - 12:41
Aggiornamento: 20:55

Obbligo formativo a 18 anni, 143 i giovani sostenuti in 9 mesi

Il Decs tratta un primo bilancio. 1’500 in tutto i giovani contattati dal servizio GO95, in 16 casi è già stato sottoscritto un contratto di apprendistato

obbligo-formativo-a-18-anni-143-i-giovani-sostenuti-in-9-mesi
Ti-Press

Sono 1’500 i giovani tra i 15 e i 18 anni che, a 9 mesi dall’entrata in vigore dell’obbligo formativo fino ai 18 anni, sono stati contattati dal servizio GO95 in quanto, in base alle informazioni disponibili nell’applicativo di gestione degli allievi nelle scuole cantonali, non risultavano essere inseriti in una formazione postobbligatoria. Questa attività, comunica il Decs, ha permesso di verificare le situazioni individuali di questi giovani, di disporre di una fotografia del fenomeno e, se necessario, di sostenerli nel progetto formativo, coinvolgendo le famiglie.

L’obbligo formativo, che dall’inizio dell’anno scolastico 2021/2022 riguarda per legge tutti i giovani residenti nel Cantone Ticino, non è equivalente all’obbligo scolastico e non impone necessariamente di frequentare una scuola. Richiede, per contro, ad ogni giovane, di avere un progetto formativo concreto, adeguato alle sue capacità e interessi. L’obiettivo è fare tutto il possibile per consentire a ciascuno di ottenere un diploma postobbligatorio, per assicurare un’integrazione professionale e sociale proficua.

La maggior parte dei giovani raggiunti, 1’067 in tutto, sta già seguendo un progetto formativo: 814 frequentano una scuola privata o una scuola in altri cantoni o all’estero, mentre 253 stanno svolgendo uno stage di orientamento o un corso di lingua, sono stati ricollocati presso l’Istituto della transizione e del sostegno o sono seguiti da altri servizi, segnatamente dall’Ufficio dell’assicurazione invalidità, con l’obiettivo di un reinserimento formativo e/o sociale. Per tutti questi/e giovani che hanno già un progetto formativo il servizio GO95 ha predisposto una verifica regolare della loro situazione.

Sono invece 143 i giovani che in questo momento il servizio GO95 sostiene attivamente nel percorso verso la ripresa o l’inizio di una formazione postobbligatoria. In 16 casi è già stata trovata una soluzione con la sottoscrizione di un contratto di apprendistato per il prossimo anno scolastico, mentre altri 139 giovani sono in attesa di ulteriori verifiche prima di validare il progetto formativo o iniziare un accompagnamento.

Dall’attività di verifica sono infine emersi 161 casi da escludere in quanto non disponevano dei requisiti per essere seguiti dal servizio (per trasferimento all’estero o raggiungimento della maggiore età).

Questi dati, osserva il Decs, forniscono un primo quadro completo della situazione dei giovani soggetti all’obbligo formativo in Ticino. I primi risultati confermano l’importanza del monitoraggio predisposto e dell’accompagnamento individuale per assicurare a tutti un progetto concreto e adeguato alle capacità e interessi.

Il servizio GO95

Il servizio GO95 è coordinato dalla Divisione della formazione professionale (DFP) e inserito nella Sezione della formazione del commercio e dei servizi in collaborazione con l’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione. La creazione di questo servizio è una delle misure previste dal piano d’azione "Obiettivo 95%", approvato dal Gran Consiglio nel maggio 2020 e destinato alla prevenzione dell’abbandono scolastico e al reinserimento accompagnato di giovani che hanno abbandonato gli studi prima di aver conseguito un diploma. Il servizio GO95 può riconoscere nel progetto individuale formativo misure diversificate in base agli interessi, alle capacità e alla salute della persona seguita. In generale possono rientrare nel progetto formativo la frequenza di un corso, un periodo dedicato allo studio di una lingua seconda, oppure stage d’orientamento e formativi previsti tramite accordi con scuole, aziende ed enti senza scopo di lucro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Mendrisiotto
2 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
Ticino
3 ore
Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati
Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
3 ore
Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo
Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Ticino
4 ore
‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’
Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
4 ore
Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’
Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
4 ore
Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia
Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
Ticino
7 ore
Il Cantone ricorre a Instagram per favorire il voto dei giovani
La campagna ‘Io faccio la mia parte’ si rivolge soprattutto alle fasce di elettori dai 18 ai 30 anni con un nuovo canale social e un sito rinnovato
Ticino
10 ore
Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie
Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
10 ore
Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche
A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
11 ore
Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno
Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
© Regiopress, All rights reserved