laRegione
13.02.22 - 17:14

Media, Bertoli: Un peccato il no, ora le Camere tornino sul tema

Il presidente del governo esclude un piano cantonale di aiuti dopo lo stop al pacchetto, ma ‘si rifletta sugli aspetti non contestati dal referendum’

media-bertoli-un-peccato-il-no-ora-le-camere-tornino-sul-tema
Ti-Press

«È un peccato che sia uscito questo risultato, anche se tutti gli esiti delle votazioni popolari vanno evidentemente accettati». Commenta così alla ‘Regione’ il Presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli l’esito del referendum che ha bocciato il pacchetto di aiuti per i media. Presidente di un governo che si era espresso all’unanimità a favore del pacchetto a sostegno dei media, nella convinzione che si trattasse, si leggeva nel comunicato stampa dell’Esecutivo, “di un intervento giustificato per assicurare al sistema dei media la necessaria pluralità di voci, che – accanto all’essenziale ruolo dell’emittente pubblica – contribuiscono al buon funzionamento della nostra democrazia diretta. Il progetto assume una rilevanza particolare per il Ticino – e per l’intera Svizzera italiana – perché permetterebbe di rafforzare realtà commerciali che attualmente soffrono, a causa dell’esiguità numerica del loro pubblico di riferimento, e che grazie alle nuove sovvenzioni potranno garantirsi un futuro a lungo termine”.

‘Un grosso tema era il sostegno ai grandi editori, che non riguarda il Ticino’

Un appello inascoltato, anche in Ticino. «Lo scopo di questo pacchetto era garantire la pluralità dell’informazione abbinata alla qualità dell’informazione – riprende Bertoli –, a questo punto credo che sia necessario che le Camere federali tornino sul concetto per vedere se è possibile recuperare elementi che non erano contestati». Nel senso che, prosegue il presidente del governo, «un grosso tema per i referendisti era l’aiuto destinato anche ai grandi gruppi editoriali della Svizzera tedesca, che chiaramente non tocca realtà come quella del Canton Ticino. Quindi occorre trovare più consenso all’interno del parlamento federale, estendendo la legge attuale e i sostegni attuali sugli aspetti non contestati di questo referendum».

‘Il tema è federale’

La politica federale ha tempi a volte lunghi. Nel frattempo, considerata l’emergenza, è ipotizzabile una soluzione con un piano cantonale, come è stato annunciato accadrà nel Giura, a Vaud e nei Grigioni? Bertoli è netto: «Non credo sia immaginabile. Primo, perché noi in Ticino abbiamo già problemi finanziari non da poco, e il 15 maggio si voterà un referendum finanziario sul rientro verso il pareggio di bilancio, a seconda di cosa dirà il popolo, tagliando le spese od operando su più fronti. Secondo, bisogna tenere conto del dato ticinese, che a stretta maggioranza si è comunque dichiarato contrario». Anche perché, afferma ancora il direttore del Decs, «il tema è federale, le particolarità regionali sono un elemento svizzero, non dei soli cantoni. Anzi, un intervento cantonale darebbe fiato a chi a Berna non vuol far niente». Manuele Bertoli è anche presidente del Forum per l’italiano in Svizzera, «e in questa funzione ho sempre evitato di dar voce a chi ragionava in termini di problemi di italianità che vanno risolti in Svizzera italiana. Il problema delle lingue nazionali è un problema nazionale, non bisogna rintanarci nel cantone».

Leggi anche:

Aiuti ai media respinti dal 54,6% dei votanti

Il Consiglio di Stato sostiene il pacchetto di aiuti ai media

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 min
Lavizzara, il marmo è più vivo che mai e va riorientato
Municipio, enti pubblici e sponsor pronti a sostenere la Fondazione per la scultura e il suo braccio operativo per affinare nuove strategie promozionali
Luganese
37 min
Prostituzione illegale nei centri massaggi, due gli arresti
In stato di fermo una 50enne cittadina ungherese residente in Italia e un 47enne cittadino italiano residente nel Luganese
Locarnese
4 ore
Sbanda e centra la Giudicatura di pace
Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
4 ore
Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’
La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
6 ore
Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri
Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
9 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull’ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ‘Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
9 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
9 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
17 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
17 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
© Regiopress, All rights reserved