laRegione
covid-circa-quindicimila-in-isolamento-o-quarantena
Ti-Press
29.12.21 - 18:30
Aggiornamento : 26.03.22 - 15:53

Covid, circa quindicimila in isolamento o quarantena

Bertoli sulle scuole: ‘Non è previsto un prolungamento delle vacanze’. Bianchi (Dss): ‘Entro fine anno circa 100mila col booster’

In vista dei festeggiamenti di Capodanno, il Consiglio di Stato raccomanda alla popolazione prudenza per limitare il propagarsi del coronavirus e scrive ai Comuni invitandoli a evitare attività che possano creare assembramenti. «Non sono i provvedimenti che vengono dallo Stato a risolvere miracolosamente il problema, ma è il comportamento dei singoli», afferma il presidente del governo Manuele Bertoli. Circa gli ospedali la situazione attuale è gestibile, ma c’è molta preoccupazione. Per quanto concerne i test, il Cantone sta lavorando per potenziare l’offerta. Tutto il sistema è comunque sotto pressione e le attese per ottenere un appuntamento o l’esito dell’esame si allungano. A Manuele Bertoli abbiamo pure chiesto se si prospetta un prolungamento delle vacanze scolastiche: «No. Produrrebbe più problemi che soluzioni».

Circa 15mila persone chiuse in casa

Coloro che in Ticino devono rimanere in casa sono attualmente circa 15mila: «I dati precisi non li abbiamo, poiché sono condizionati dal ritardo di qualche giorno del contact tracing», ci spiega Paolo Bianchi, direttore della Divisione della salute pubblica. «Le persone in isolamento, quindi positive al Covid, sono circa cinquemila. Statisticamente ognuna di esse provoca due quarantene, quindi stimiamo che queste ultime siano 10mila. Tengo a precisare che esse sono legate a contatti molto stretti, familiari, oltre a situazioni di convivialità prolungata e accresciuta. Spesso succede che chi è posto in quarantena nel giro di qualche giorno diventi anch’esso positivo».

Sulla durata di isolamento e quarantena ‘l’autorità federale potrebbe fare degli adeguamenti’

Avere molte persone costrette a casa può essere un problema per il funzionamento della società e dell’economia. «Le regole federali attuali su isolamenti e quarantene portano a situazioni difficilmente gestibili a fronte di un numero di contagi così elevato», sostiene Bertoli. «È dunque necessario rivedere le norme, ma dobbiamo aspettare che Berna ci dia qualche indicazione. Credo che settimana prossima dall’autorità federale potrebbero arrivare degli adeguamenti».

Circa la recente decisione di obbligo di quarantena in Ticino anche per i vaccinati, non si è pensato prima che potesse essere un problema? «È una decisione limitata nel tempo che, a fronte della nuova variante, intendeva contribuire a contenere il problema del contagio dilagante – risponde il presidente del governo –. Purtroppo stiamo osservando che anche con provvedimenti particolarmente severi Omicron continua a diffondersi velocemente».

Il sistema è sotto pressione, ma durante l’attesa ‘rispettate l’isolamento’

L’apparato volto a effettuare i test è sotto pressione, con conseguenti attese per ottenere un appuntamento e ricevere i risultati. «Il prelievo ora viene fissato spesso a oltre un giorno di distanza dalla presa di contatto», dice Bianchi. I laboratori devono anche loro effettuare molti esami Pcr: «Non ho dati sugli altri, ma so che l’Eolab, che gestisce anche i campioni che arrivano dai check point, riesce ancora a dare un responso entro le 24 ore». A essere meno tempestivo nella comunicazione «c’è forzatamente anche il contact tracing. Il servizio è stato potenziato e le procedure snellite, ma con l’esplosione dei casi il lavoro è comunque molto». Per quanto concerne la hotline «a parte qualche attesa in più dopo il weekend festivo, non mi risulta che sia inaccessibile, seppur fortemente sollecitata. Occorre un po’ di pazienza e ricordo che è possibile contattarla pure tramite e-mail o messaggio WhatsApp». Tutto si ritarda, ma l’appello di Bianchi è quello di rispettare comunque l’autoisolamento durante l’attesa. Il governo ha però comunicato che verrà presto potenziata l’offerta dei test.

No al prolungamento delle vacanze scolastiche

Prima si è parlato di giovani, si sta pensando di prolungare le vacanze scolastiche? «No. Produrrebbe più problemi che soluzioni – risponde Bertoli –, perché i ragazzi, i bambini, non scompaiono. Stanno a casa, in famiglia, luogo di contagio per antonomasia, come dicono i dati. Inoltre probabilmente si incontrerebbero comunque fuori casa, in contesti non controllati. Inoltre molte persone non potrebbero andare al lavoro perché occupate ad accudire i figli, specialmente i più piccoli. Quindi oltre alle assenze per quarantene ci sarebbero anche quelle dovute all’accudimento».

La situazione negli ospedali è gestibile, ma si resta in allerta

A creare allarme sono principalmente i ricoveri in ospedale. «La pressione sulle strutture sanitarie è costante – rende attenti Bianchi –. Stiamo notando che fra i contagiati la percentuale di chi viene ricoverato è minore rispetto a prima. In parte sarà dovuto all’efficacia della dose di richiamo, in parte alla variante Omicron che sembra essere meno aggressiva. In ogni caso resta molta preoccupazione in quanto i casi hanno cominciato a salire vertiginosamente una settimana fa e l’effetto sulle ospedalizzazioni si vede circa dieci giorni dopo il contagio». La curva dei positivi sta infatti crescendo esponenzialmente e in una settimana le persone infettate sono triplicate. L’opzione di istituire nuovamente due ospedali Covid è sul tavolo: «La concentrazione dei pazienti, in particolare di cure intense, è uno scenario a cui le strutture si stanno preparando, ma c’è ancora margine per una gestione più ordinaria».

‘Entro fine anno circa 100mila le persone col booster’

Una difesa dalla variante Omicron sembra darla la dose di richiamo. La somministrazione in Ticino «sta andando molto bene», ci dice Bianchi. «Con grande sforzo si è riusciti ad ampliare l’offerta anche durante le festività. Ricordo che la pianificazione iniziale prevedeva di aprire i grandi centri a tutta la popolazione solo da metà gennaio. Anche farmacie e studi medici stanno facendo molto ed entro fine anno saremo poco distanti dalle 100mila persone che avranno ottenuto il booster».

Leggi anche:

Il governo: ‘Per Capodanno contatti limitati, protezione e test’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus test covid vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
10 min
Corsia per i Tir, ‘non si accettano compromessi’
Il Consiglio comunale di Novazzano mette nero su bianco la sua ‘ferma opposizione’ al progetto firmato dall’Ustra
Ticino
1 ora
Refezione scuola infanzia, facoltativa per alcuni allievi
La maggioranza commissionale con il rapporto di Ghisletta
Ticino
2 ore
Ermotti-Lepori: ‘Calcoli fuorvianti’. Filippini: ‘No, legittimi’
È polemica per il rapporto sull’iniziativa che chiede al Cantone un abbonamento Arcobaleno per i deputati che rinunciano al rimborso spese per trasferte
Ticino
2 ore
Preture di protezione, sì al voto preliminare dei cittadini
Riorganizzazione tutorie: la commissione parlamentare firma il rapporto stilato da Luca Pagani e Sabrina Aldi. Sei i correlatori
Ticino
3 ore
‘La lotta al riciclaggio è pane quotidiano per i fiduciari’
Cristina Maderni, presidente della Ftaf, ricorda che la legge è vincolante per chi opera nella gestione dei patrimoni. ‘Ma il tema è di tutta l’economia’
Bellinzonese
4 ore
Bellinzona, Castles & Go pronta a scattare
Domenica 29 maggio si terrà la prima edizione della corsa podistico-culturale in stile medievale
Mendrisiotto
4 ore
Marito violento condannato anche in Appello
La Corte riduce, però, la pena di tre anni e infligge tre anni e sei mesi. Caduta l’accusa di tentato omicidio
Ticino
5 ore
Allerta temporale, da Russo a Malvaglia (e a Nord del Gottardo)
Il fronte del maltempo dovrebbe portare con sé grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Allarme di intensità rossa
Luganese
5 ore
‘Il-rispetto-non-ha-età’: la polizia di Lugano gioca d’anticipo
Presentata la campagna di sensibilizzazione ‘mirata a promuovere una serena convivenza tra chi ha il diritto di divertirsi e chi di riposare’
Mendrisiotto
6 ore
Cade il carcere per il cacciatore che uccise per sbaglio l’amico
I giudici della Corte di appello hanno ridotto e sospeso a 2 anni la condanna per omicidio colposo all’autore, un 53enne del Mendrisiotto
© Regiopress, All rights reserved