laRegione
in-quarantena-non-c-e-obbligo-di-lavoro
Depositphotos
28.12.21 - 05:10
Aggiornamento : 26.03.22 - 15:52

‘In quarantena non c’è obbligo di lavoro’

Lo sostiene il sindacato. Per il padronato: ‘Senza sintomi è sensato pretendere che si lavori’.

Aziende che richiamano persone dalle ferie, colleghi che fanno gli straordinari per coprire gli assenti. Da quando è stato decretato anche in Ticino l’obbligo di quarantena per i vaccinati – in caso di contatto stretto con una persona positiva al Covid e in assenza del booster – mancano sempre più lavoratori all’appello. Stando alla Rsi, ieri erano più di cinquemila le persone in quarantena e oltre 3’800 quelle in isolamento. Nel caso in cui il tipo di professione permetta di lavorare da casa e non si abbiano sintomi, il datore di lavoro può obbligare il dipendente a lavorare? «No, perché dal momento in cui quarantena o isolamento sono decretati da un’autorità sanitaria non possono non essere riconosciuti dal datore di lavoro», afferma Giangiorgio Gargantini, segretario cantonale del sindacato Unia. «Ciò detto, in caso di quarantena o isolamento asintomatici, si possono eventualmente svolgere alcuni compiti, ma esclusivamente su base volontaria». Inoltre, fa notare il sindacalista, è possibile che i sintomi si sviluppino nel corso della quarantena o dell’isolamento e quindi la situazione cambi da un giorno all’altro: «Le condizioni di salute della persona restano l’aspetto più importante».

Secondo Luca Albertoni, direttore della Camera di commercio ticinese (Cc-Ti), a farla da padrone in questa situazione è il buon senso. «Essendo una situazione nuova non c’è una giurisprudenza consolidata. A mio avviso se il dipendente sta bene è sensato pretendere che lavori, quando l’attività lo permette, da casa. Credo sia necessario usare il buon senso da entrambe le parti. Penso che nella maggior parte dei casi esso ci sia e non vedo grandi problemi».

Possibili problemi di produttività

Lavoratori costretti a casa significano anche difficoltà a mantenere prestazioni e produttività al 100%. In Ticino ci sono aziende in cui il tasso di personale in quarantena o isolamento sta rendendo difficile lo svolgimento delle attività? «È ancora presto per tirare le somme, in quanto molte ditte sono chiuse per il periodo natalizio. Si tratta più che altro di timori. La situazione è sotto osservazione», risponde Albertoni. «In ogni caso, visto il rapido evolversi dei contagi, è probabile che sia imminente una problematica più diffusa. Soprattutto una volta terminate le vacanze». In generale chi può virare sul telelavoro «riesce a gestire la situazione, ma vi sono attività che richiedono la presenza dei dipendenti, come per esempio il commercio al dettaglio e i trasporti. In alcuni casi i lavori sono di squadra o ci sono procedure di fabbricazione che richiedono determinati ruoli e non sempre si trovano sostituti». Secondo il direttore della Cc-Ti non sono da escludere ritardi in alcuni settori: «C’è il rischio che qualche processo si interrompa o venga rallentato negli ambiti come industria, artigianato, edilizia, logistica. Ciò potrebbe capitare come conseguenza di eventuali ‘quarantene di massa’».

Ospedali: ‘Presto la maggior parte del personale avrà il booster’

Crescita esponenziale di contagi e quarantene mettono sotto pressione anche i servizi essenziali come gli ospedali. «Al momento a livello di personale la situazione è buona, ma restiamo in allerta», ci dice Matteo Tessarollo, portavoce dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc). A livello di vaccinazione «stiamo proseguendo in maniera celere con i booster, per i quali c’è un’ottima adesione. Prevedo che velocemente arriveremo all’80% di personale vaccinato con la dose di richiamo». Qual è la percentuale dei non è immunizzati? «Fra qualche settimana la situazione sarà più chiara. Alcuni collaboratori che erano restii hanno deciso recentemente di ricevere prima e seconda dose».

Nonostante queste previsioni rassicuranti la situazione viene valutata giorno per giorno. «Ogni mattina facciamo il punto della situazione. Questo permette anche un’ottimizzazione della turnistica tra reparti. Se sarà necessario, dunque in caso di scarsità di risorse, verrà poi valutata la gestione delle cure elettive». Per il momento le ospedalizzazioni in Ticino e presso l’Ente restano piuttosto costanti e questo aiuta a non aumentare ulteriormente il carico di lavoro del personale sanitario, menziona il portavoce.

Le quarantene sembrano dunque un rischio limitato per i servizi ospedalieri, ma in caso di necessità «è possibile richiedere delle deroghe all’Ufficio del medico cantonale per permettere a determinati presidi sanitari di lavorare anche se entrati in contatto con persone positive. Cosa che è capitata nelle prime ondate. Questo rispettando alcune condizioni come effettuare test ripetuti ed essere vaccinati con due dosi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
29 min
Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli
Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Ticino
1 ora
Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio
Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm)
Luganese
2 ore
Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare
Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Luganese
3 ore
Liceo 1, nel 170° della fondazione sono 249 i neo maturati
Riportiamo tutti i nomi dei giovani studenti che hanno ottenuto a Lugano la licenza di scuola media superiore per l’anno 2021/2022
Bellinzonese
6 ore
Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord
Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
8 ore
Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’
L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
12 ore
Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’
Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
12 ore
Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’
I divieti all’uso dell’acqua – già rientrati – non toccavano due importanti ditte
Ticino
23 ore
Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’
Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
1 gior
Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci
Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
© Regiopress, All rights reserved