laRegione
05.07.21 - 08:57
Aggiornamento: 19:33

Ticino preso d'assalto dai turisti: la miglior primavera da anni

Boom degli ospiti svizzeri, quasi raddoppiati rispetto al 2019, prima della pandemia. Fanno furore gli hotel 5 stelle (+ 90%).

Ats, a cura de laRegione
ticino-preso-d-assalto-dai-turisti-la-miglior-primavera-da-anni
Ti-Press

La domanda di turismo nel canton Ticino ha registrato, nel corso della primavera 2021, 335'573 arrivi e 811'277 presenze. I dati provvisori forniti dall’Ufficio federale di statistica (Ust) – scrive l'Osservatorio ticinese del turismo in una nota stampa – sono impressionanti, se si considera che gli arrivi e i pernottamenti medi dal 2010 al 2019, sempre con riferimento al trimestre primaverile, sono stati 271'407 e 580'926. Quelli del 2021 sono perciò, valori che superano del 23.6% e del 39.7% le medie del periodo degli ultimi anni.

In Svizzera la situazione della domanda di turismo alberghiero è in via di miglioramento rispetto al 2020, per quanto vi siano ancora alcune regioni in cui arrivi e pernottamenti rimangono notevolmente al di sotto degli standard pre-Covid. Il Ticino è l’unica regione turistica che nel corso del 2021 ha fatto registrare valori superiori rispetto al 2019.

Per quanto riguarda le Organizzazioni turistiche regionali ticinesi, i dati della primavera sono confortanti per tutte e quattro. A Bellinzona e nell’Alto Ticino si sono registrati 46'761 presenze (+ 14.3% rispetto al 2019), mentre nell’OTR del Lago Maggiore e Valli i pernottamenti sono stati 444'353 (+58.4% rispetto al 2019). Nel Luganese i pernottamenti del trimestre marzo-maggio hanno raggiunto quota 286'448 (+ 26.7%) e nella regione Mendrisiotto e Basso Ceresio le presenze alberghiere sono state 33'715, corrispondenti (+ 37.2%).

Nelle diverse categorie alberghiere, il dato che più colpisce è quello dei 5 stelle, i quali nell’ultimo trimestre hanno generato 78'649 pernottamenti, per un incremento del 90.6% rispetto al 2019. La domanda nelle basse categorie è stata pari a 219'224 pernottamenti (+29.0%) mentre nei 3 e 4 stelle sono stati toccati valori pari a 312'931 e 200'473 presenze (+41.2% e + 44.1% rispetto al 2019).

L’exploit vissuto dal settore nel corso della primavera è certamente da imputare alla domanda interna, elemento che sta caratterizzando i trend del settore turistico in Ticino da svariati mesi a questa parte. I pernottamenti confederati in primavera sono stati 756'563, quasi raddoppiati rispetto al 2019 (+93.7%) mentre rimangono al palo gli arrivi da parte dei turisti stranieri. In particolare, il totale della domanda straniera ha sommato 84'714 presenze in primavera, in calo del 57.0% rispetto al 2019. A parte quello confederato, nessuno dei mercati principali a cui guarda il settore alberghiero ticinese è ancora riuscito a tornare ai livelli pre-Covid: i turisti tedeschi hanno generato 30'582 pernottamenti (- 46.4% rispetto alla primavera 2019) e quelli italiani 21'911 (-40.5%).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
16 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
16 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Bellinzonese
1 gior
Stazione di Biasca senza biglietteria, per il CdS va bene così
Sportelli fisici usati solo dal 5% dei viaggiatori: il governo non entra nel merito della decisione adottata dalle Ffs
Bellinzonese
1 gior
Nuove scuole a Lodrino entro il 2028
Il progetto Meta si è aggiudicato il concorso per la progettazione del comparto scolastico. Investimento complessivo di 38 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved