laRegione
potenziare-i-sostegni-a-domicilio-rapporto-in-consultazione
Depositphotos
01.07.21 - 20:30
Aggiornamento : 26.03.22 - 15:05

Potenziare i sostegni a domicilio: rapporto in consultazione

Tra gli obiettivi della Pianificazione integrata: oltre mille posti letto nelle case anziani e potenziamento dei servizi d’appoggio

"L’evoluzione demografica indica che la popolazione sta invecchiando rapidamente". Lo ribadisce il rapporto finale sul progetto di ‘Pianificazione integrata anziani e cure a domicilio 2021–2030’ messo a punto dal Dipartimento sanità e socialità. Le cifre sono eloquenti: stando allo scenario tratteggiato dall’Ufficio cantonale di statistica, nel 2030 in Ticino gli over 65 saranno più di 100mila, il 31 per cento in più rispetto al 2018.

La Pianificazione propone quindi vari interventi: 1’180 nuovi posti letto nelle case anziani, 290mila ore in più di cure a domicilio e il potenziamento del "105 per cento" dei servizi d’appoggio. Il rapporto è stato posto in consultazione dal Dipartimento presso gli enti interessati. Una consultazione (scadrà a fine settembre) per "affinare" il documento, che sarà "oggetto del messaggio che il Consiglio di Stato trasmetterà al parlamento", per approvazione, "entro la fine del 2021", segnala ancora il Dss.

Nella pre-consultazione, durante i mesi di febbraio e marzo, "tutti gli interpellati hanno manifestato un parere favorevole sull’orientamento verso il mantenimento al domicilio", si legge ancora nella nota del Dipartimento. Non si parla solo di anziani, ma di "ogni persona che a causa di malattia, infortunio, disabilità, maternità, vecchiaia o difficoltà socio-familiari necessita di un auto", cita il secondo articolo della Legge sull’assistenza e cura a domicilio (Lacd). La Pianificazione è volta fra l’altro "a una migliore comunicazione e collaborazione" tra i vari attori. Con essa inoltre, si sostiene nel rapporto, "si prevede di attenuare il disincentivo per la frequenza dei diversi tipi di centri diurni che costituiscono un importante tassello nel favorire il mantenimento a domicilio, un principio base della Pianificazione". Un altro obiettivo consiste "nell’esaminare in dettaglio le procedure di accesso agli aiuti diretti finalizzati al mantenimento a domicilio, sia in termini finanziari – mirando alla riduzione dell’effetto soglia – che di complessità amministrativa". Secondo uno studio della Supsi, vi è "una scarsa informazione sull’esistenza degli aiuti diretti", che insieme alla già citata complessità amministrativa "rischia di creare una discriminazione nell’accesso o un ingresso tardivo alle prestazioni".

‘Un documento che dà risposte concrete’

La Pianificazione dunque. «Si tratta di un documento molto importante per almeno due motivi – sottolinea, contattato dalla ‘Regione’, il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa –. Per la prima volta si propone una pianificazione integrata dei tre settori – strutture stazionarie (le case per anziani), assistenza e cure a domicilio e servizi d’appoggio – che in precedenza erano pianificati in maniera separata, con tempistiche non allineate e che quindi si sovrapponevano. Il documento consente di avere così una visione complessiva di questo fondamentale ambito della politica sociale del Canton Ticino». Il secondo motivo, prosegue De Rosa, «è che questo documento permette di dare delle risposte molto concrete alla grande sfida rappresentata dell’evoluzione demografica e ai mutamenti della società cui si accompagnano nuovi bisogni, sempre più complessi, della popolazione anziana e delle famiglie». Con la Pianificazione «si portano diversi elementi sia di tipo quantitativo sia di tipo qualitativo, penso per esempio allo studio della Supsi sulla figura dell’anziano nel 2040». Il capo del Dss tiene poi a ricordare «i pilastri» su cui poggia il documento: «Mettiamo i bisogni della persona anziana e delle famiglie al centro della nostra attenzione per poter dare risposte adeguate e concrete, confermiamo e rafforziamo la presa a carico domiciliare, nel rispetto comunque della libertà di scelta della persona anziana (restare a domicilio o andare in casa anziani), rafforziamo la qualità delle cure e valorizziamo le reti di cure integrate. Il rafforzamento di quest’ultime, dunque le collaborazioni orizzontali, per esempio fra case anziani e tra servizi di assistenza e cure a domicilio, e le collaborazioni verticali, permette anche di creare sinergie e nel contempo di contenere i costi».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
case anziani consultazione cure cure domicilio progetto raffaele de rosa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 min
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
14 min
PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria
Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
25 min
Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’
Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
29 min
Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo
Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Luganese
1 ora
Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?
Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
1 ora
Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola
L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Bellinzonese
4 ore
‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio
Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina
Ticino
4 ore
Maggio va agli archivi, ma non... i controlli della velocità
Da Airolo a Ligornetto, attenzione a non premere troppo sull’acceleratore sulle strade ticinesi: ce n’è per tutti
Bellinzonese
5 ore
Alta Leventina: Prato e Quinto vogliono unirsi
Nei prossimi giorni sarà inviata una lettera al Consiglio di Stato per avviare la procedura di aggregazione. Airolo, Bedretto e Dalpe hanno rifiutato
Ticino
6 ore
In piazza contro l’aumento delle spese militari
Il comitato di solidarietà Ucraina Ticino è contrario all’aumento del bilancio per la difesa e alla politica di avvicinamento alla Nato
© Regiopress, All rights reserved