laRegione
trascorrere-la-terza-eta-a-casa-un-programma
Ti-Press
19.02.21 - 13:14
Aggiornamento : 26.03.22 - 11:27

Trascorrere la terza età a casa: un programma

Previsto un raddoppiamento dei servizi d’appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio

Quali saranno le esigenze degli anziani nel 2030? È la domanda da cui è partita la pianificazione integrata della presa a carico della terza e quarta età per il periodo 2021–2030. Sul documento il Dipartimento sanità e socialità ha avviato ieri la pre–consultazione con le istituzioni e gli enti interessati. L’obiettivo del programma è di permettere agli anziani di poter essere seguiti in maniera adeguata nelle proprie case: un desiderio espresso da molti di loro. Questo valorizzando e sviluppando i servizi d’appoggio, spiega il direttore del Dss Raffaele De Rosa.

Basato sulle previsioni demografiche, sui dati epidemiologici e del progresso tecnico, il piano prevede un potenziamento delle case di riposo con 1’180 posti letto in più, un rafforzamento del 62 per cento delle ore di assistenza e cura a domicilio, come pure un raddoppio dei servizi d’appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio. Un aumento dei letti nelle case anziani che però, tenendo conto dell’incremento della popolazione, si traduce in una diminuzione di posti a disposizione rispetto al numero di cittadini e cittadine. Questo a dimostrazione di un impegno maggiore nell’aumento delle ore di assistenza e cura a domicilio come pure del volume dei servizi d’appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio, che compenseranno la diminuzione di offerta pro capite nelle case anziani. Nel 2030, rispetto al 2019, avremo il 50 per cento in più di over 80, riferisce Eva Gschwend, collaboratrice scientifica dell’Ufficio degli anziani e delle cure a domicilio. Coloro che avranno più di 65 anni saranno invece il 41 per cento in più. «Si tratta di previsioni piuttosto solide, poiché in queste due fasce non ci sono tanti flussi migratori», ha spiegato Gschwend.

Oltre agli aspetti quantitativi, la pianificazione integrata punta alla creazione di nuovi sportelli 65+ per orientare e accompagnare utenti e familiari, come pure alla valorizzazione e allo sgravio dei familiari curanti. Questo con un potenziamento dei servizi di appoggio come centri diurni e la possibilità di poter includere dei weekend liberi dall’accudimento. Inoltre è previsto un aumento della formazione e della promozione del personale socio-assistenziale e infermieristico. Professione, quella dell’infermiera/e, che registra oggi un alto tasso d’abbandono.

più soggette alla degradazione della salute

«Le caratteristiche, i bisogni e le risorse della terza e quarta età mutano nel tempo», illustra Stefano Cavalli, responsabile del Centro competenze anziani della Supsi. «In questa fascia è presente una grande eterogeneità e disuguaglianza sociale soprattutto per quanto riguarda la salute. Nonostante le condizioni di vita della popolazione anziana dovrebbero continuare a migliorare anche in futuro, è stato dimostrato che le persone meno formate sono maggiormente soggette a una degradazione della salute. Per loro potrebbe addirittura verificarsi un declino di quest’ultima rispetto alle generazioni precedenti» spiega Cavalli. Ciò può essere spiegato con «lavori più usuranti, traiettorie professionali caratterizzate da più interruzioni, reddito inferiore e stili di vita malsani. Sappiamo che certi comportamenti a rischio non sono egualmente distribuiti nella popolazione, come pure quelli preventivi in materia di salute che sono più frequenti in alcune fasce più privilegiate della società».

Tornando all’approccio integrato, il direttore del Dss De Rosa sottolinea che si tratta della prima pianificazione che «unisce il settore stazionario delle case anziani, la parte ambulatoriale legata ai servizi di aiuto e cure a domicilio e quello di tutti i servizi di appoggio attivi nell’ambito dei trasporti, dei pasti a domicilio, dei centri diurni. Questo con l’obiettivo di rafforzare e stimolare le cure integrate e la collaborazione fra i vari attori». Trattandosi di un orizzonte ampio, quello del 2030, il programma sarà soggetto a un «monitoraggio costante delle scelte pianificatorie per adattare l’offerta al bisogno e alla domanda». Ciò anche in prospettiva dei cambiamenti che potrebbero derivare dalla pandemia. «I principi guida di questa pianificazione sono quelli dell’orientamento all’utente, quindi di mettere la persona al centro dell’interesse con i suoi bisogni ma anche con la sua libertà di scelta, con la possibilità dell’autodeterminazione – prosegue De Rosa –. Come pure l’importanza di rafforzare e promuovere ulteriormente la qualità e l’inclusione sociale e dando preferenza alla presa a carico domiciliare». «Non bisogna vedere gli anziani come un mero costo. Sono fondamentali per la società e un’importante risorsa», gli fa eco Cavalli.

Necessari 140 milioni in più

L’impatto finanziario delle proposte vede un incremento della spesa di 140 milioni di franchi per il periodo 2018-2030. Due terzi dei contributi di gestione annui serviranno per il potenziamento delle case anziani, il 19 per cento per l’assistenza e la cura a domicilio e il 16 per i servizi d’appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio. Gli oneri finanziari saranno distribuiti fra Cantone e Comuni, rispettivamente nella misura del 20 e dell’80 per cento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuti a domicilio anziani case per anziani terza età
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app
Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Mendrisiotto
2 ore
‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’
Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Ticino
12 ore
Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio
Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Ticino
12 ore
Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto
Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Bellinzonese
12 ore
Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli
Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Ticino
14 ore
Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio
Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Luganese
14 ore
Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare
Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
18 ore
Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord
Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
20 ore
Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’
L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
1 gior
Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’
Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
© Regiopress, All rights reserved