laRegione
04.06.21 - 10:31
Aggiornamento: 18:26

Assicurati morosi, ‘abolire le liste nere di 5 Cantoni’

Ticino compreso. Lo chiede Caritas Svizzera al Consiglio degli Stati che discuterà lunedì della Legge federale sull'assicurazione malattie

Ats, a cura de laRegione
assicurati-morosi-abolire-le-liste-nere-di-5-cantoni

Cinque cantoni, fra i quali il Ticino, tengono una lista nera di persone che non pagando i premi delle casse malati ricevono soltanto cure in caso di emergenza. Secondo Caritas Svizzera, tali liste non hanno l'effetto auspicato, anzi hanno conseguenze fatali per i soggetti interessati. Perciò l'organizzazione umanitaria chiede al Consiglio degli Stati, che si occuperà lunedì della Legge federale sull'assicurazione malattie, di reinserire l'abolizione delle liste nere nella revisione legislativa e consentire nuovamente a tutti l'accesso alle prestazioni medico-sanitarie. Chi non paga i premi della cassa malati rischia solleciti di pagamento, procedure esecutive e persino il pignoramento dello stipendio, scrive Caritas in una nota odierna. I cantoni di Argovia, Lucerna, Ticino, Turgovia e Zugo tengono inoltre una lista nera degli assicurati morosi. Chi finisce su questa lista riceve cure soltanto in caso di emergenza. Così facendo s'intende aumentare la pressione sulle persone per pagare puntualmente i premi. A circa dieci anni dall'introduzione, l'idea delle liste nere è da considerarsi fallita, precisa l'organizzazione.

Chi l'ha abolita

Da varie analisi, aggiunge Caritas, è emerso che nei cantoni con una lista nera il numero di persone con premi scoperti non è inferiore a quello nei cantoni che non ce l'hanno. Lo conferma anche il rapporto esplicativo della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati. I cantoni Grigioni, Soletta, San Gallo e Sciaffusa l'hanno capito e hanno abolito nuovamente le liste poiché generavano soltanto costi senza produrre alcun vantaggio, ricorda Caritas, rilevando come cinque cantoni ne sono invece tuttora convinti e sono noncuranti delle sofferenze umane causate.

Gravi ripercussioni sulla salute

Nelle liste nere figurano principalmente persone con un reddito basso. I premi scoperti non sono da ricondurre a una scarsa morale di pagamento, bensì al mancato potenziamento politico-sociale della riduzione dei premi, precisa l'organizzazione umanitaria. Le liste nere sono una politica simbolica, distolgono - a suo dire - infatti lo sguardo dal vero problema, ossia dai premi troppo elevati. Anche l'associazione di settore degli assicuratori malattia Santésuisse ne approva l'abolizione. Tali liste sono fonte di grandi sofferenze e costituiscono un rischio per la salute delle persone con un reddito basso. La limitazione delle cure alle situazioni di emergenza ha gravi ripercussioni, deplora Caritas.

La revisione dell'articolo 64a della legge federale sull'assicurazione malattia sarà discussa lunedì dal Consiglio degli Stati. La Commissione della sicurezza sociale e della sanità, che aveva originariamente previsto l'abolizione delle liste nere, ha tuttavia cancellato questo punto dopo la procedura di consultazione. Caritas Svizzera deplora questa scelta ed esorta il Consiglio degli Stati a ridiscutere l'abolizione di queste liste. L'accesso alle prestazioni medico-sanitarie in Svizzera deve essere garantito per tutti, indipendentemente dalla situazione finanziaria e dal Cantone di domicilio, conclude la nota.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Si barrica in casa per una notte, la Polizia interviene
Si è conclusa verso mezzogiorno l’operazione di Polizia, scattata in via delle Aie nel quartiere luganese di Molino Nuovo a seguito di una segnalazione
Ticino
1 ora
Una ticinese, prima donna, eletta giudice del Tribunale federale
La professoressa dell’Usi Federica De Rossa è stata nominata a Berna dalle Camere federali riunite con 212 voti su 217 schede valide
Video
Ticino
1 ora
Un meno 40% alle pensioni che non va proprio giù
Entra nel vivo in mattinata la giornata indetta per mercoledì al fine di protestare contro il taglio delle rendite dei dipendenti statali e parastatali
Ticino
2 ore
79,5 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2023
Inserita anche una spesa di 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro. Il deficit totale ammonta a 164,4 milioni.
Mendrisiotto
5 ore
Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino
L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
5 ore
Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità
Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Ticino
6 ore
Orari, si va verso negozi più aperti
Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
8 ore
Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’
Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
8 ore
‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’
Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
14 ore
‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’
Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
© Regiopress, All rights reserved