laRegione
20.05.21 - 17:56
Aggiornamento: 21.05.21 - 15:57

Verso il via libera all'iniziativa 'Per la qualità delle cure'

Sì unanime della commissione Sanità e sicurezza sociale al rapporto di Alberti (Lega) e Cedraschi (Plr) sul controprogetto del governo. Promotori soddisfatti

verso-il-via-libera-all-iniziativa-per-la-qualita-delle-cure
Ti-Press

È un sì unanime quello uscito dalla commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale per il controprogetto che il Consiglio di Stato ha proposto per l'iniziativa popolare legislativa ‘Per la qualità e sicurezza delle cure ospedaliere’, inoltrata nel 2017 con primo firmatario il direttore dell'Obv Brenno Balestra. Aderendo al rapporto stilato da Eolo Alberti (Lega) e Alessandro Cedraschi (Plr), la commissione dà il proprio via libera quindi a una serie di modifiche. Quelle legislative, innanzitutto: nella Legge di applicazione della Lamal troverà spazio “il concetto di riconoscimento d'interesse pubblico, nel senso di istituto necessario alla copertura del fabbisogno di cure della popolazione residente nel Cantone” e ”la definizione di ‘appropriatezza’ in aggiunta a ‘qualità’ ed ’economicità’ nella valutazione degli istituti da inserire sulla lista ospedaliera”. Ma non solo, perché figura anche “l'obbligo di disporre di strumenti e procedure che garantiscano la sicurezza dei pazienti”. A livello del Decreto legislativo che concerne l'elenco degli istituti autorizzati a esercitare a carico della Lamal, invece, viene inserito “il riferimento al modello sviluppato dal Cantone di Zurigo in merito ai gruppi di prestazione della pianificazione ospedaliera, corredato dai rispettivi requisiti” e ”la possibilità data al Consiglio di Stato di adeguare i mandati e i requisiti alla realtà cantonale, ogni qualvolta il Canton Zurigo attualizza il modello, nella misura in cui si tratti di adeguamenti formali e di lieve entità”.

I promotori pronti a ritirare l'iniziativa se passerà il controprogetto

Le audizioni, si legge nel rapporto di Alberti e Cedraschi, “hanno evidenziato una diversa percezione della necessità di regolamentazione da parte degli istituti privati rispetto ai rappresentanti dell'Ente cantonale ospedaliero. I primi sostengono di disporre di sufficienti organismi di controllo interni che garantiscono l'erogazione di prestazioni appropriate, di qualità e in sicurezza e individuano nella regolamentazione proposta una complicazione di procedura non proporzionale ai risultati attesi”. Tant'è. Ad ogni modo, “la commissione ritiene importante che questo il regolamento sia posto in consultazione presso tutti gli attori interessati prima della formale adozione, in modo da appianare per quanto possibile eventuali criticità, scongiurando possibili ricorsi”.

I promotori dell'iniziativa “sono disposti a ritirare l'iniziativa qualora il Gran Consiglio accettasse le proposte del Consiglio di Stato”. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
5 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
6 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
7 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
9 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
9 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
9 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
10 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
11 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
13 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
© Regiopress, All rights reserved