laRegione
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
3. tempo
(0-0 : 0-1 : 1-1)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
3. tempo
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
4
ARI Coyotes
1
2. tempo
(1-1 : 3-0)
NAS Predators
5
COB Jackets
0
2. tempo
(3-0 : 2-0)
STL Blues
2
TB Lightning
3
2. tempo
(0-3 : 2-0)
DAL Stars
1
CAR Hurricanes
0
1. tempo
(1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
divieto-di-punizioni-corporali-sui-bimbi-nel-codice-civile
Ti-Press
Ticino
10.05.21 - 18:050

'Divieto di punizioni corporali sui bimbi nel Codice civile'

Il Consiglio di Stato risponde a una mozione dei popolari democratici Imelli e Dadò, ritenendola evasa, che chiede l'adesione all'Appello di Berna. E agirà

“Il Consiglio di Stato intende lanciare una segnale inequivocabile contro ogni forma di punizione corporale, confermando la volontà di profilarsi come Cantone particolarmente attento alla tematica dei diritti del bambino e del pieno rispetto della Convenzione Onu sui diritti del fanciullo”. Un impegno importante, messo nero su bianco dal governo in risposta a una mozione inoltrata nel dicembre scorso dai deputati del Ppd Sara Imelli e Fiorenzo Dadò. Un impegno che porterà lo stesso Consiglio di Stato “a comunicare la propria posizione al Consiglio federale e invitandolo a promulgare un messaggio che proponga alle Camere federali di iscrivere nel Codice civile svizzero il divieto delle punizioni corporali”. 

La mozione in pillole

Le richieste nella mozione Imelli-Dadò erano tre: inoltrare a Berna la richiesta da parte del Canton Ticino di adesione all'Appello di Berna, promosso dal Centre interfacultaire en droits de l'enfant (Cide), che ha lo scopo “di sensibilizzare le autorità federali e la società civile affinché il divieto delle punizioni corporali venga, appunto, iscritto nel Codice civile; creare un gruppo di lavoro interpartitico che possa aiutare il Ticino ad abolire le punizioni corporali su ogni bambino e a collaborare con una rete fitta di enti e associazioni; compiere concrete azioni sul territorio per sensibilizzare, promuovere e informare la popolazione per prevenire le punizioni corporali e ogni forma di educazione violenta contro i bambini. Il Consiglio di Stato, nel proprio messaggio in risposta a questa mozione, chiede di ritenere evaso l'atto poiché “ritiene di aver ottemperato alle richieste formulate”. Perché se si è pronti a chiedere al Consiglio federale dei passi decisi verso l'interruzioni delle punizioni corporali, sugli altri due punti della mozione c'è “un distinguo argomentato”. Ma non da poco.

Un Programma cantonale quadriennale

Perché dopo aver informato della propria intenzione di attivarsi con forza a livello federale, il governo cantonale - si legge nel rapporto - “parimenti dimostra la sua volontà di agire anche sul territorio cantonale con l'istituzione del ‘Programma cantonale di promozione dei diritti dei bambini, di prevenzione della violenza e di protezione di infanzia e gioventù (0-25 anni) 2021-2024’”. L'elaborazione di questo Programma, spiega il Consiglio di Stato, “prevede il coinvolgimento propositivo degli enti attivi sul territorio nell'ambito delle politiche per le famiglie, l'infanzia e la gioventù, sia per fornire utili spunti (attraverso audizioni) sia per sviluppare progetti di prevenzione o di formazione”. In particolare, è previsto il coinvolgimento della Commissione cantonale per le colonie, della Commissione cantonale per la gioventù, del Forum genitorialità, della Piattaforma infanzia coordinata dalla Supsi, dell'Osservatorio cantonale della politica familiare, della Piattaforma politiche giovanili, del Forum per la promozione della salute nella scuola ed del Forum 20 novembre. Oltre questa ricca partecipazione, si specifica che “in tutte le sue fasi il Programma prevede anche il coinvolgimento dei giovani e delle famiglie”. La creazione di un gruppo interpartitico per affrontare il tema, quindi, per il governo non c'è.

Esattamente come viene ritenuto evaso perché superato dai fatti l'invito a compiere azioni concrete anche di sensibilizzazione sul territorio. Questo Programma cantonale, infatti, “avrà tra i suoi principi faro la sensibilizzazione all'educazione senza ricorso ad alcuna forma di violenza e impostata sul buon trattamento. Di conseguenza - continua il governo nel proprio messaggio - sul tema verranno promosse iniziative e misure a carattere informativo, formativo, educativo e preventivo”. Gli ambiti d'intervento saranno cinque: famiglie, scuola, spazio sociale, settore socio-sanitario e settore socio-educativo.

Tra le sfide principali che si pone il Programma 2021-2024 ci sono “il rafforzamento della partecipazione dei bambini e dei giovani alle decisioni che li riguardano, la promozione delle politiche giovanili, la prevenzione del disagio giovanile e la prevenzione della violenza che coinvolge i giovani”.

Il Consiglio di Stato, come detto, ritiene evaso l'atto parlamentare. Ma stando a nostre informazioni, l'orientamento dei mozionanti sarebbe quello di andare comunque sia in Commissione sia in Gran Consiglio per ribadire l'importanza del tema e chiedere ulteriori passi avanti. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
8 ore
‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’
Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Ticino
9 ore
Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’
Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti
Ticino
10 ore
Molestie al Dss, l’audit passerà dal voto in Gran Consiglio
La Sottocommissione della gestione suggerisce di conferire ‘il potere di imporre alle persone interpellate di collaborare’: serve un decreto legislativo
Luganese
10 ore
Preventivo 2022 a Lugano, la Gestione chiede il rinvio
Partita la richiesta agli Enti locali per prorogare l’esame del messaggio che verrà così votato l’anno prossimo, con alcune spese già effettuate
Mendrisiotto
10 ore
Corsa al Ccl in vista dell’introduzione del salario minimo
A poche ore dall’applicazione della legge un altro drappello di ditte ha seguito TiSin. Contratti firmati in zona Cesarini. I sindacati: ‘Inaccettabile’
Bellinzonese
11 ore
Nuove Officine Ffs, scocca l’ora del Piano industriale
L’atteso documento sarà presentato il 7 dicembre: indicherà l’aggiornamento dell’investimento, il numero di dipendenti, le mansioni e i convogli trattati
Ticino
11 ore
Materiali inerti, i siti di Sigirino e Monteggio da potenziare
Il Consiglio di Stato ha posto in consultazione le proposte di modifica di alcune schede del Piano direttore cantonale
Luganese
12 ore
Tesserete ancora senza Carnevale, ‘la scelta più saggia’
Municipio e Associazione Carnevale rinunciano a causa dei timori legati all’andamento della pandemia. Questione in sospeso a Bellinzona
Ticino
14 ore
Salario minimo, prevale quello del Contratto normale di lavoro
Apparecchiature elettriche, il Tf respinge il ricorso di due ditte. Fanno stato gli importi previsti dal Cnl, in linea con quelli della legge
Bellinzonese
15 ore
Lavagne che cadono a Sementina: ‘Ora tutte ricontrollate’
L’episodio del 21 ottobre si è verificato nonostante la manutenzione estiva fatta dopo il primo caso primaverile. Per il Municipio un fatto inspiegabile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile