laRegione
il-governo-basta-con-le-punizioni-corporali-sui-bambini
Ti-Press
Ticino
23.09.21 - 15:470
Aggiornamento : 16:40

Il governo: ‘Basta con le punizioni corporali sui bambini’

Il Consiglio di Stato passa dagli impegni ai fatti e, dando seguito alla mozione Dadò/Imelli, scrive al Consiglio federale: ‘Sottoscrivere l’Appello di Berna’

Dall’impegno, preso dal governo nel mese di maggio e ratificato dal Gran Consiglio in giugno, ai fatti. Il Consiglio di Stato prende carta e penna e scrive al Consiglio federale. Oggetto: la Svizzera sottoscriva l’Appello di Berna che, vergato nel 2018, ritiene urgente iscrivere nel Codice civile delle norme che proibiscano in maniera assoluta tutte le punizioni corporali e altre forme di violenza nei confronti dei bambini. L’esecutivo cantonale dà quindi seguito alla mozione firmata dai popolari democratici Fiorenzo Dadò e Sara Imelli che chiedeva di agire tempestivamente in tal senso.

“A oltre trent’anni dall’approvazione della Convenzione sui diritti del fanciullo da parte dell’Assemblea generale dell’Onu – scrive il Consiglio di Stato – nel suo pieno rispetto intendiamo così lanciare un segnale inequivocabile contro ogni forma di punizione corporale, confermando la volontà di profilarsi come Cantone particolarmente attento al tema dei diritti del bambino”. Un passo, questo, che da noi raggiunto Dadò descrive come «doveroso» e che lo lascia «particolarmente soddisfatto». Ma, puntualizza, «è scandaloso e vergognoso che oggi nel nostro Paese, così attento ai diritti umani, una cosa così importante non sia scritta ancora nella legge. Auspichiamo che venga fatto in fretta».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
2 ore
‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso
Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
3 ore
Risanamento Ipct, i sindacati non esultano
Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
3 ore
Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista
Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
4 ore
Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa
Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Luganese
4 ore
Ha truffato il principe di Genova, condannato a 24 mesi
La sentenza è stata emessa dalla Corte delle Assise criminali di Lugano nei confronti di un 66enne che gli ha sottratto 817mila franchi
Grigioni
6 ore
Santa Maria nel Parco Val Calanca? ‘Un valore aggiunto’
Stando al direttore Henrik Bang e a uno studio di fattibilità, l’estensione del perimetro valorizzerebbe il patrimonio naturale e culturale
Locarnese
6 ore
Gambarogno, per quel terreno vecchi accordi troppo vaghi
Di proprietà del Comune, ospita stabili patriziali e in futuro forse sarà usato per l’ampliamento della discarica di inerti. Pronta una Convenzione
Bellinzonese
7 ore
Liceo di Bellinzona, 548 allievi contro la sede provvisoria
Consegnata la petizione che chiede al Gran Consiglio di rivalutare il progetto. Preoccupano i tre anni di ‘transizione’ nei prefabbricati
Grigioni
7 ore
Mesocco, più sicurezza nelle gallerie del gruppo Brusei
Lungo l’A13 conclusi i lavori che includono undici nuove uscite, un locale tecnico e un cunicolo
Ticino
7 ore
L’Uss invita a scendere in piazza per chiedere aumenti salariali
L’organizzazione sindacale denuncia il latente peggioramento delle condizioni di lavoro e il mancato rispetto dei vincoli legali sul salario minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile