laRegione
24.03.21 - 18:12

Violenze e giovani, il Cantone cerca il dialogo costruttivo

Il Dipartimento delle istituzioni, tramite la polizia cantonale e le polcom, intende incentrare la strategia sulla prevenzione più che sulla repressione

violenze-e-giovani-il-cantone-cerca-il-dialogo-costruttivo
(Ti-Press)

Dopo i fatti delle ultime settimane, con i disordini di sabato sera alla Foce di Lugano con relativo lancio di bottiglie verso la polizia, e, nei giorni precedenti, le situazioni critiche sul lungolago di Muralto e in altre località, che hanno visto coinvolte bande di giovani e giovanissimi impegnati in risse e disordini vari, il Dipartimento delle istituzioni di concerto con la Polizia cantonale e le polizie comunali, "intende farsi promotore di un’iniziativa che affronti la situazione da angolazioni diverse e con una visione più ampia". Questo il contenuto del comunicato a margine della riunione, questo pomeriggio in videoconferenza, della Conferenza cantonale consultiva sulla sicurezza, che ha visto la consueta partecipazione, oltre che del Direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi, anche del Comandante della Polizia cantonale e dei Capi dicastero dei Comuni polo. Riunione nella quale si è discusso della strategia da mettere in campo nelle prossime settimane, soprattutto su giovani, assembramenti e mascherine. Il Dipartimento istituzioni, che ci tiene a sottolineare che i responsabili dei fatti in questione sono "sempre però in numero esiguo rispetto alla maggioranza dei giovani che condanna simili atteggiamenti", spinge per trasformare il contrasto fra le parti (i giovani da un lato, la polizia dall'altro) in un "dialogo costruttivo". "Non bisogna infatti dimenticare che tra i principali compiti che la legge affida alle autorità di polizia vi è quello della prevenzione", recita il comunicato. 

Prevenzione, non repressione

Durante l’incontro è stata dunque presentata una strategia su più livelli che sappia rispondere alle situazioni più immediate, ma che abbia pure "una visione a medio termine per approntare una politica di interazione solida e allargata, coinvolgendo i diversi attori presenti sul territorio".

"Per quanto riguarda le necessità immediate la strategia comporta un coordinamento delle forze in servizio, con la possibilità di mobilitare in breve tempo risorse che possano sostenere il servizio ordinario di base". Prevenzione, dunque, e non repressione, riguardo la quale il Dipartimento cita "le esperienze positive già messe in atto proprio a Lugano nella zona della Pensilina o a Muralto sul lungolago. Anche altre figure professionali potranno essere coinvolte per facilitare il dialogo con i giovani".

Il principio chiave, che costituisce uno dei tre obiettivi della strategia, è quello della "community policing", che prevede delle misure non solo di polizia, "affinché il giovane diventi un partner della sua stessa sicurezza e presenza sulla scena cantonale". Giovani le cui "energie di dissenso", ed è questo il secondo obiettivo, dovrebbero essere incanalate verso forme non violente, attraverso "operazioni mirate e coordinate regionalmente", ciò che è compreso nel terzo obiettivo, ovvero l'"uniformare i principi di intervento per necessità immediate tra le varie forze di Polizia ed enti di primo intervento".

Leggi anche:

Lugano: sabato sera di tensioni alla Foce, due fermi

Alcol, vandalismi e schiamazzi. ‘A Muralto si degenera’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
5 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
6 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
7 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
9 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
9 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
9 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
9 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
11 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
13 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
© Regiopress, All rights reserved