laRegione
24.03.21 - 19:53
Aggiornamento: 25.03.21 - 00:01

Assembramenti, Bertini: importante l'aiuto fattivo del Cantone

Il vicesindaco di Lugano: 'Si è capito che le città da sole non possono farcela'. Galli (polcom): 'Valida l'idea del Dipartimento, pronti a fare la nostra parte'

assembramenti-bertini-importante-l-aiuto-fattivo-del-cantone
Ti-Press

«L’obiettivo era fare il punto della situazione e presentare la strategia dal punto di vista della Polizia cantonale», spiega il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. Una strategia che «si focalizza molto sulla prevenzione e sul far comprendere che non si tratta di un tema solo locale, considerata l’alta mobilità dei giovani e della popolazione in generale», sottolinea il presidente del Consiglio di Stato, raggiunto dalla 'Regione' al termine della seduta della Conferenza cantonale consultiva sulla sicurezza in cui il Dipartimento ha illustrato la strategia per scongiurare in Ticino il ripetersi di tensioni e scontri, come quelli avvenuti sabato sera alla Foce di Lugano, tra giovani e forze dell'ordine. Una strategia basata soprattutto sulla prevenzione e sul "dialogo costruttivo" per informare e sensibilizzare al rispetto delle regole per arginare la diffusione della pandemia, scongiurando fra l'altro gli assembramenti. Nell’ambito della prevenzione, riprende Gobbi, «l’obiettivo è evitare che certe situazioni che abbiamo visto si ripresentino. Marcando presenza, presidiando ma anche, in caso di necessità, nell’avere un dispositivo di intervento che possa essere messo in piedi in tempi brevi». Chiaro, se si parla di prevenzione «non si parla solo di un compito di polizia. Ci vuole dialogo e quindi occorre che collaborino anche tutti gli altri attori coinvolti, per far comprendere ai giovani che in questo momento nel quale si chiedono sforzi e limitazioni a tutti è importante rispettare le regole per continuare a godere delle libertà che comunque ci sono ancora». L’obiettivo finale, assicura il capo del Dipartimento istituzioni, «non è reprimere, ma evitare appunto che certe situazioni si ripresentino».

Si dichiara «soddisfatto» il vicesindaco di Lugano e responsabile del Dicastero sicurezza Michele Bertini, tra i partecipanti alla seduta della Conferenza. «Il Cantone ha preso coscienza, non soltanto a parole ma anche con i fatti, che le città, al momento quelle maggiormente toccate dal problema, non possono farcela da sole a fronteggiare il fenomeno degli assembramenti e le tensioni che ne possono derivare - dice Bertini alla 'Regione' -. Questo aiuto fattivo da parte del Cantone è dunque molto importante. E mi rallegra che si sia capito che sarebbe stato sbagliato focalizzarsi sulla Foce e i giovani di Lugano. Non è infatti un fenomeno locale. Un fenomeno che va affrontato non solo in termini repressivi ma anche in termini di prevenzione, dialogando e agendo sulle sue cause».   

«È senz'altro una buona idea quella del Dipartimento istituzioni - sostiene, da noi interpellato, il presidente dell'Associazione delle polizie comunali Orio Galli, vicecomandante della Polcom di Torre di Redde, reduce dalla riunione della Conferenza -.  E siamo pronti a fare la nostra parte, collaborando attivamente a questo progetto». Del resto, rileva Galli, «quello che si è chiamati ad assolvere è un compito di prossimità: con il supporto di associazioni e di altri partner cantonali e comunali si vuole dialogare con i giovani in un'ottica preventiva, per scongiurare tensioni e scontri, per evitare che si ripeta quanto accaduto lo scorso fine settimana a Lugano». Si tratterà, aggiunge il responsabile dell'Apcti, «di spiegare, di sensibilizzare al rispetto delle disposizioni anti-Covid allo scopo di contenere i casi di contagio. Non si vuole fare di tutta un'erba un fascio, molti adolescenti sono infatti consapevoli della necessità di queste norme. È che in questo particolare momento dobbiamo tutti, ripeto tutti, attenerci alle disposizioni». Il piano d'azione promosso dal Dipartimento interessa l'intero territorio cantonale. «Oggi il problema degli assembramenti riguarda soprattutto le città - riprende Galli -. Le persone, giovani e non, però si spostano e il problema potrebbe pertanto manifestarsi anche nelle zone periferiche. Occorre allora agire preventivamente, dialogando, spiegando e convincendo. Come polizie comunali e come è stato durante la prima ondata pandemica, collaboreremo con la Polizia cantonale. Attendiamo ora di conoscere i dettagli operativi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
2 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
2 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Ticino
10 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
10 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
11 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
11 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
11 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
12 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
12 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
© Regiopress, All rights reserved