laRegione
02.02.21 - 20:13
Aggiornamento: 22:09

Zona gialla in Lombardia e Piemonte? Non cambia nulla

Per recarsi in Italia continua a essere obbligatorio dimostrare comprovate esigenze di lavoro, di salute o di stato di necessità

zona-gialla-in-lombardia-e-piemonte-non-cambia-nulla
Ti-Press

Da lunedì Piemonte e Lombardia sono ‘zona gialla’. Meno restrizioni all’interno di queste regioni per gli abitanti, ma per i residenti in Svizzera cosa cambia? In sostanza nulla. Per muoversi sul territorio delle ‘zone gialle’ continua a essere obbligatoria «una comprovata necessità», spiegano le forze dell’ordine lombarde da noi contattate. Non basta dunque il solo certificato di un test effettuato nelle ultime 48 ore che certifichi la negatività al coronavirus. «Se una persona residente in Svizzera non giustifica il proprio spostamento all’interno della regione, rischia una multa di 533 euro», afferma un agente della polizia locale attivo in un Comune lombardo. «Noi verifichiamo che la persona sia munita di un’autocertificazione e che il suo spostamento sia motivato da comprovate esigenze di lavoro, di salute o di stato di necessità», aggiunge.

Nei giorni scorsi il governo ticinese ha inviato una lettera al Consiglio federale chiedendo l’introduzione urgente di nuove misure per limitare gli spostamenti fra Svizzera e Italia. Nella missiva due richieste: reintrodurre il divieto di recarsi all’estero per fare la spesa o andare al ristorante – con relativa multa in caso di contravvenzione alla regola – e introdurre dei test rapidi alla frontiera per chi rientra in Svizzera oppure l’obbligo di fornire un tampone negativo effettuato nelle ultime 48 ore. Per quanto riguarda i test sarebbero esclusi coloro che si spostano per motivi professionali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Mendrisiotto
25 min
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
Ticino
1 ora
Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati
Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
1 ora
Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo
Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Ticino
2 ore
‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’
Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
2 ore
Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’
Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
3 ore
Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia
Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
Ticino
5 ore
Il Cantone ricorre a Instagram per favorire il voto dei giovani
La campagna ‘Io faccio la mia parte’ si rivolge soprattutto alle fasce di elettori dai 18 ai 30 anni con un nuovo canale social e un sito rinnovato
Ticino
8 ore
Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie
Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
8 ore
Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche
A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
9 ore
Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno
Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
© Regiopress, All rights reserved