laRegione
27.11.20 - 22:53

Covid, da domenica Lombardia e Piemonte saranno aree arancioni

Per i ticinesi non dovrebbe cambiare nulla: accesso nelle due regioni confinanti consentito solo per motivi di lavoro, salute o estrema necessità

covid-da-domenica-lombardia-e-piemonte-saranno-aree-arancioni
(Ti-Press)

Il ministro italiano della salute, Roberto Speranza, firmerà domani una nuova ordinanza Covid con cui disporrà l'area arancione per le Regioni Lombardia, Piemonte e Calabria e l'area gialla per le Regioni Liguria e Sicilia. L'ordinanza sarà in vigore da dopodomani, domenica 29 novembre. In virtù dell'appiattimento della curva dei contagi della seconda ondata pandemica, le regioni confinanti col Ticino passano dunque dal colore rosso ad aracione. Tuttavia, se nelle due regioni a noi vicine vi saranno allentamenti delle disposizioni interne pensate per ridurre il rischio di contagi, lo stesso non dovrebbe valere per i ticinesi che desiderassero recarvisi, a meno di deroghe che potrebbero materializzarsi nei prossimi giorni. Restano dunque al momento ancora valide le misure adottate a partire dal 6 novembre: spostamenti tra Ticino e Lombardia e Piemonte sono consentiti solo per motivi di lavoro, salute o estrema necessità; idem per le abitazioni secondarie, salvo che non si tratti di motivi di necessità, ad esempio per un lavoro urgente o un guasto che metta a rischio l'abitazione. Neppure è consentito l'ingresso nelle zone arancioni, tantomeno rosse, per le visite ai familiari, ai parenti e ai partner se non per estrema necessità. Chi dovesse recarsi in Italia deve dunque ancora scaricare il modulo di autodichiarazione per gli spostamenti dal sito del Ministero dell'intero italiano. Modulo da compilare e presentare alle forze dell'ordine in caso controlli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
49 sec
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Ticino
51 sec
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Locarnese
52 sec
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Luganese
5 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
7 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
9 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
10 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
10 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
10 ore
Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’
Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Mendrisiotto
11 ore
Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito
Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
© Regiopress, All rights reserved