laRegione
05.11.20 - 11:20
Aggiornamento: 15:16

Lombardia e Piemonte zona rossa, cosa cambia al confine

Stop a spesa, turismo e visite a parenti e amici. Le risposte alle domande più importanti sulle nuove disposizioni circa le zone di confine

lombardia-e-piemonte-zona-rossa-cosa-cambia-al-confine
(Ti-Press)

Da domani, Lombardia e Piemonte, insieme alla Valle d'Aosta (anch'essa confinante con la Svizzera romanda) e la Calabria, sono inserite nella cosiddetta "fascia rossa", quella che comprende le regioni più a rischio secondo i parametri del Ministero della Salute italiano riguardo la situazione Covid-19. Questo comporta il divieto di entrare e uscire dalle suddette regioni se non per motivi lavorativi (il che autorizza il transito dei frontalieri, in quanto anche il rientro a domicilio è concesso), di salute, o di urgenza e necessità. Tale divieto, nei fatti, vale anche nei confronti degli ingressi in Lombardia e Piemonte dal Ticino, sebbene non si tratti ufficialmente di una vera e propria chiusura delle frontiere da parte italiana: venisse mai a qualcuno, per esempio, l'idea di andare in Italia passando dai Grigioni verso l'Alto Adige, per esempio, sarebbe possibile farlo finchè la provincia autonoma di Bolzano non è in fascia rossa o arancione, per la quale vale lo stesso divieto. Tuttavia, come detto, la decisione italiana ha dei riflessi importanti anche per il Ticino e suscita ovviamente alcune domande.

Posso andare a fare la spesa, o al ristorante in Italia?

No, l'ingresso in Lombardia e Piemonte, attualmente zona rossa, è consentito solo per motivi di lavoro, salute o estrema necessità. 

Sono residente in Ticino ma mi trovo in Italia in una regione dichiarata zona rossa o arancione: posso tornare a casa?

Si, il rientro al proprio domicilio rientra fra i motivi per cui è permesso il movimento nelle regioni in zona rossa o arancione.

Ho dei parenti o un/una partner in una delle regioni in zona rossa o arancione: posso andare a trovarli? Ed essi possono venire a trovare me?

No, al momento non è consentito l'ingresso nelle zone rosse o arancioni per le visite ai familiari, ai parenti e ai partner se non per estrema necessità. Non è certo se prossimamente verrà presa una decisione in merito come avvenne in primavera con l'apertura alle visite ai "congiunti". Allo stesso modo è vietata l'uscita dalle zone rosse o arancioni, dunque non è possibile per chi risiede in Lombardia o Piemonte far visita a parenti, partner o amici in Ticino o in Svizzera.

Ho una seconda casa in una delle regioni in zona rossa o arancione: posso andarci?

No, salvo che non si tratti di motivi di necessità, ad esempio per un lavoro urgente o un guasto che metta a rischio l'abitazione.

Se mi reco in Italia per uno dei motivi ammessi, devo osservare una quarantena in Italia o al ritorno?

No, al momento non è prevista alcuna quarantena per chi entra in Italia dalla Svizzera, al contrario della scorsa primavera. Questo finchè la Svizzera non è nella lista dei Paesi considerati a rischio dall'Italia. Tuttavia è richiesto di avere con sè un'autocertificazione, scaricabile dal sito del ministero degli Esteri italiano, in cui si dichiara la provenienza e in quali Paesi si è soggiornato negli ultimi 14 giorni. Anche per il rientro in Svizzera dall'Italia non è prevista nessuna quarantena, finchè l'Italia o alcune regioni di esse non sono nella lista dei Paesi a rischio per la Svizzera.

Devo recarmi in una regione non in zona rossa o arancione: posso passare dalla Lombardia o dal Piemonte?

Si, è consentito il transito attraverso una zona rossa o arancione verso una zona "gialla", ovvero non a rischio (ad esempio, andare dal Ticino all'Emilia Romagna o Veneto).

Nell'ambito dei motivi ammessi, posso circolare liberamente in Italia?

Dipende: in Italia è stato imposto un divieto di circolare su tutto il territorio nazionale dalle 22 alle 5, salvo per le suddette ragioni lavorative, di salute o di urgenza. È bene dunque evitare di trovarsi in giro dopo delle 22 e fino alle 5 se non per i motivi sopra citati, per i quali è richiesta un'autocertificazione, per evitare di incorrere in una multa come in casi già avvenuti.

Per quanto sarà in vigore il divieto?

Il decreto italiano è in vigore fino al 3 dicembre. La situazione delle Regioni viene adeguata settimanalmente, se una Regione viene inserita in fascia rossa o arancione i divieti valgono per un minimo di 15 giorni e comunque non oltre la scadenza del decreto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche:

È ufficiale: Lombardia e Piemonte nella 'zona rossa'

P. Tresa, multata perché voleva rientrare dal lavoro

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Mendrisiotto
1 ora
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
Ticino
2 ore
Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati
Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
2 ore
Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo
Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Ticino
3 ore
‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’
Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
3 ore
Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’
Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
3 ore
Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia
Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
Ticino
6 ore
Il Cantone ricorre a Instagram per favorire il voto dei giovani
La campagna ‘Io faccio la mia parte’ si rivolge soprattutto alle fasce di elettori dai 18 ai 30 anni con un nuovo canale social e un sito rinnovato
Ticino
9 ore
Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie
Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
9 ore
Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche
A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
10 ore
Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno
Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
© Regiopress, All rights reserved