laRegione
rendite-vedovili-ridotte-uno-scandalo-per-la-vpod
Il segretario della Vpod Raoul Ghisletta è preoccupato (Ti-Press)
14.01.21 - 10:02

Rendite vedovili ridotte, uno scandalo per la Vpod

Dura presa di posizione da parte del sindacato che preannuncia ricorso e contesta la proposta di diminuzione dell'Istituto di Previdenza del Cantone

Il sindacato Vpod Ticino è furioso per la diminuzione delle rendite vedovili messa in atto dall'Istituto di Previdenza del Cantone Ticino (Ipct) da inizio 2021.L'associazione di categoria intende fare ricorso contro la decisione tramite casi concreti delle/degli associati vedove e vedovi a partire dal 2021. La Vpod esorta le/gli assicurati dell’Ipct a mobilitarsi per la difesa delle condizioni salariali e previdenziali!. La presa di posizione è firmata da il segretario Raoul Ghisletta e di Michela Pedersini, presidente della Vpod. La riduzione corrisponde a una conferma di quanto ha affermato il sindacato da tempo, portando avanti una campagna d’informazione capillare alle/agli affiliati: "la situazione dell’Ipct è ritenuta grave, ma i colpevoli non sono da cercare nei suoi organi direttivi, che sono vincolati da leggi cantonali e federali, contrariamente a quanto vuol fare credere qualche disinformato disinformatore". La responsabilità di questa riduzione è da attribuire alla "maggioranza parlamentare di questo Cantone, che si rifiuta di riconoscere il problema dell’Ipcte che tergiversa sul messaggio 7784 del 15 gennaio 2020 per la copertura del costo supplementare delle garanzie concesse agli over 50, aggiunge il sindacato. L’esito del rifiuto di approvare il messaggio è scaricare questi costi sulle spalle dell’Ipct e, di riflesso, su quelle delle/degli assicurati attivi più giovani", scrive la Vpod nella presa di posizione. 

 'Nessuno può dormire sonni tranquilli'

La riduzione delle nuove rendite vedovili dal 1° gennaio di quest'anno (che è del 16% per coloro che sono già in pensione o al beneficio delle garanzie del 2012, rispettivamente del 6% per gli altri) ci mostra però che nessuno delle/dei 26'000 assicurate/i all'Ipct può dormire sonni tranquilli. Infatti i rendimenti dei capitali in diminuzione e l’allungamento della speranza di vita conducono alla riduzione del tasso tecnico e del tasso di conversione, con gravissime conseguenze soprattutto per gli assicurati più giovani. Per questo il sindacato Vpod rivendica da tempo che il Cantone si assuma finalmente le sue responsabilità economiche, mettendo a disposizione le risorse finanziarie necessarie, così fatto in altri Cantoni. Il primo passo concreto da fare è la rapida accettazione da parte del Gran Consiglio del messaggio governativo 7784 per il versamento all'Ipct di 12,5 milioni di franchi annui per 40 anni a copertura unicamente del maggior costo delle garanzie. Purtroppo la maggioranza della Commissione gestione e finanze del Parlamento nicchia, tirandola per le lunghe e avanzando controproposte astruse. Addirittura la Lega dei Ticinesi minaccia il lancio di un referendum. Il primanostrismo leghista non sembra riconoscere come "nostri" i 26'000 affiliati all’IPCT: infermieri, operatori dell’assistenza e cura a domicilio, docenti, poliziotti, impiegati, guardie carcerarie, operai e altri. Se sciaguratamente e ingiustamente, continua la Vpod, il Parlamento non approverà il messaggio 7784, si finirà per ridurre sensibilmente le rendite delle/degli assicurati senza garanzie al 1.1.2012 tramite un abbassamento del tasso di conversione e/o si arriverà ad aumentare massicciamente i contributi a carico dei datori di lavoro e delle/degli assicurati attivi. Questo scenario ridurrebbe in un momento economico molto delicato il potere d’acquisto di 26'000 famiglie ticinesi, che abitano, spendono e pagano le imposte in Ticino, dando sostegno all'economia locale. Una scelta assurda anche dal profilo economico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
messaggio previdenza rendite vedovili riduzione vpod
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
4 ore
Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà
La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Luganese
5 ore
Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio
In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
Grigioni
5 ore
Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi
È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
Bellinzonese
5 ore
A Giubiasco quasi un milione per l’ex palazzo comunale
Dopo una prima fase di risanamento strutturale, è ora necessario installare la nuova caldaia e un impianto per rinfrescare
Bellinzonese
6 ore
Castellinaria, ‘Mercato coperto più accogliente e accessibile’
Per Flavia Marone (presidente del festival) la struttura di Giubiasco presenta vantaggi sia dal punto di vista logistico, sia da quello finanziario
Grigioni
7 ore
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Ticino
8 ore
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
9 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dall’aggregazione e i 600 dalla battaglia
Luganese
9 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
9 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
© Regiopress, All rights reserved