laRegione
rendite-vedovili-ridotte-uno-scandalo-per-la-vpod
Il segretario della Vpod Raoul Ghisletta è preoccupato (Ti-Press)
Ticino
14.01.21 - 10:020

Rendite vedovili ridotte, uno scandalo per la Vpod

Dura presa di posizione da parte del sindacato che preannuncia ricorso e contesta la proposta di diminuzione dell'Istituto di Previdenza del Cantone

Il sindacato Vpod Ticino è furioso per la diminuzione delle rendite vedovili messa in atto dall'Istituto di Previdenza del Cantone Ticino (Ipct) da inizio 2021.L'associazione di categoria intende fare ricorso contro la decisione tramite casi concreti delle/degli associati vedove e vedovi a partire dal 2021. La Vpod esorta le/gli assicurati dell’Ipct a mobilitarsi per la difesa delle condizioni salariali e previdenziali!. La presa di posizione è firmata da il segretario Raoul Ghisletta e di Michela Pedersini, presidente della Vpod. La riduzione corrisponde a una conferma di quanto ha affermato il sindacato da tempo, portando avanti una campagna d’informazione capillare alle/agli affiliati: "la situazione dell’Ipct è ritenuta grave, ma i colpevoli non sono da cercare nei suoi organi direttivi, che sono vincolati da leggi cantonali e federali, contrariamente a quanto vuol fare credere qualche disinformato disinformatore". La responsabilità di questa riduzione è da attribuire alla "maggioranza parlamentare di questo Cantone, che si rifiuta di riconoscere il problema dell’Ipcte che tergiversa sul messaggio 7784 del 15 gennaio 2020 per la copertura del costo supplementare delle garanzie concesse agli over 50, aggiunge il sindacato. L’esito del rifiuto di approvare il messaggio è scaricare questi costi sulle spalle dell’Ipct e, di riflesso, su quelle delle/degli assicurati attivi più giovani", scrive la Vpod nella presa di posizione. 

 'Nessuno può dormire sonni tranquilli'

La riduzione delle nuove rendite vedovili dal 1° gennaio di quest'anno (che è del 16% per coloro che sono già in pensione o al beneficio delle garanzie del 2012, rispettivamente del 6% per gli altri) ci mostra però che nessuno delle/dei 26'000 assicurate/i all'Ipct può dormire sonni tranquilli. Infatti i rendimenti dei capitali in diminuzione e l’allungamento della speranza di vita conducono alla riduzione del tasso tecnico e del tasso di conversione, con gravissime conseguenze soprattutto per gli assicurati più giovani. Per questo il sindacato Vpod rivendica da tempo che il Cantone si assuma finalmente le sue responsabilità economiche, mettendo a disposizione le risorse finanziarie necessarie, così fatto in altri Cantoni. Il primo passo concreto da fare è la rapida accettazione da parte del Gran Consiglio del messaggio governativo 7784 per il versamento all'Ipct di 12,5 milioni di franchi annui per 40 anni a copertura unicamente del maggior costo delle garanzie. Purtroppo la maggioranza della Commissione gestione e finanze del Parlamento nicchia, tirandola per le lunghe e avanzando controproposte astruse. Addirittura la Lega dei Ticinesi minaccia il lancio di un referendum. Il primanostrismo leghista non sembra riconoscere come "nostri" i 26'000 affiliati all’IPCT: infermieri, operatori dell’assistenza e cura a domicilio, docenti, poliziotti, impiegati, guardie carcerarie, operai e altri. Se sciaguratamente e ingiustamente, continua la Vpod, il Parlamento non approverà il messaggio 7784, si finirà per ridurre sensibilmente le rendite delle/degli assicurati senza garanzie al 1.1.2012 tramite un abbassamento del tasso di conversione e/o si arriverà ad aumentare massicciamente i contributi a carico dei datori di lavoro e delle/degli assicurati attivi. Questo scenario ridurrebbe in un momento economico molto delicato il potere d’acquisto di 26'000 famiglie ticinesi, che abitano, spendono e pagano le imposte in Ticino, dando sostegno all'economia locale. Una scelta assurda anche dal profilo economico.

TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
3 ore
Cadenazzo, intossicati tre dipendenti del centro della Posta
In corso le verifiche per accertare la cause dei malori accusati da tre persone nel frattempo trasportate all'ospedale. Lo stabile è stato evacuato.
Bellinzonese
3 ore
A Bellinzona due ore in più il sabato per tagliare l'erba
In pubblicazione, con alcune modifiche, la nuova Ordinanza comunale sulla repressione dei rumori molesti: cosa cambia dal giardinaggio ai cantieri edili
Ticino
6 ore
Altre dieci persone perdono la vita per il Covid
Sono 108 i nuovi casi nelle ultime 24 ore, mentre altri 14 pazienti sono stati ricoverati, per un totale di 291 degenti
Ticino
10 ore
Come sardine sui mezzi pubblici
Ogni mattina su alcune linee di bus e treni le persone viaggiano ammassate. Autopostale: ‘Non ci risulta’
Bellinzonese
10 ore
Trattative avviate per una piscina pubblica ad Acquarossa
Il sindaco Odis De Leoni: ‘Sarebbe sufficiente dai tre Comuni di valle un contributo totale di 1,5 milioni’. Serravalle e Blenio chiedono però dettagli
Luganese
17 ore
Lugano, Berna promuove il Polo sociale
Molino Nuovo, la Fondazione Vanoni ridimensiona il progetto del 2012: il costo stimato cala da 64 a 53 milioni. Atteso il messaggio governativo
Ticino
18 ore
Quadranti (Plr): 'Divisione giustizia, perché questo concorso?'
Viene contestato il bando apparso sul Foglio ufficiale, a un anno di distanza da una procedura tortuosa per un altro posto. Ma il discorso è molto più ampio
Ticino
20 ore
Magistratura, corsa a tre per il dopo Siro Quadri
Pretura di Vallemaggia, tre i candidati: Manuel Bergamelli, Brenno Martignoni Polti e Petra Vanoni. La 'Giustizia e diritti' li ha sentiti di recente
Bellinzonese
20 ore
L'azzardo si sposta online, sempre più giovani
L’allarme dal gruppo di prevenzione con sede a Bellinzona. Scende l’età dei giocatori.
Mendrisiotto
21 ore
Riva San Vitale, un altro anno all'insegna della stabilità
Il Municipio presenta il preventivo con un disavanzo contenuto e propone di confermare, per il 23esimo anno, il moltiplicatore all'85 per cento
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile