laRegione
13.11.20 - 15:46
Aggiornamento: 16:17

Quei 500 milioni di franchi sono promesse da mantenere

I sindacati della funzione pubblica scrivono alla Gestione per sollecitare l'evasione del messaggio sull'Istituto di previdenza cantonale a rischio congelamento

quei-500-milioni-di-franchi-sono-promesse-da-mantenere
(archivio Ti-Press)

Le tre sigle sindacali del settore pubblico (Css, Ocst e Vpod) sono preoccupate per il probabile ‘congelamento’ del messaggio relativo ai 500 milioni di franchi da attribuire all'Istituto di previdenza del cantone Ticino (Ipct) e chiedono un incontro con la Commissione della gestione del Gran Consiglio. I tre sindacati ricordano come lo scopo del messaggio nr. 7784, il cui contenuto è stato concordato con i rappresentanti del personale e dei datori di lavoro del Cda dell'Ipct, “non sia primariamente il risanamento della cassa pensioni cantonale, ma la copertura delle garanzie concesse nel 2012, al momento del cambiamento di sistema pensionistico, a tutti gli assicurati (uomini e donne) che avevano 50 anni e più al 1.1.2013”. Queste garanzie costano circa il doppio di quanto preventivato: da qui la richiesta di un contributo supplementare di 500 milioni di franchi per far fronte a queste garanzie.

Le organizzazioni sindacali, inoltre, ricordano che a finanziare queste prestazioni sia lo Stato, che ha deciso di dare le garanzie per favorire il cambiamento di sistema nel 2012. Da qui la richiesta di “non caricare questi 500 milioni di franchi sulle spalle dei circa 14mila dipendenti attivi, che non beneficiano di tali garanzie”. Questi ultimi, nel passaggio dal primato delle prestazioni al primato dei contributi, hanno già perso quasi il 20% delle rendite rispetto agli over 50 del 2013. “Un simile trasferimento di risorse dagli attivi ai pensionati - si sottolinea - sarebbe un furto e sarebbe fondamentalmente un atto contrario al sistema del secondo pilastro, foriero di potenziali conflitti intergenerazionali e sindacali”

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’
Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
3 ore
Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’
Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
5 ore
Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia
Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Ticino
5 ore
Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà
Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
6 ore
Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole
Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
6 ore
Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps
A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Ticino
8 ore
Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’
Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Luganese
8 ore
Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace
Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
9 ore
Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio
I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
10 ore
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
© Regiopress, All rights reserved