laRegione
laR
 
18.12.20 - 20:14

Ristoratori arrabbiati. Suter: ‘Penalizzati fin dall’inizio’

Il presidente di GaastroTicino chiede aiuti a fondo perso e una soluzione seria per gli affitti commerciali

di Generoso Chiaradonna
ristoratori-arrabbiati-suter-penalizzati-fin-dall-inizio
Massimo Suter (Ti-Press)

«La ristorazione, fin dall’inizio della pandemia, è continuamente penalizzata. Da martedì bar e ristoranti chiuderanno per un mese, mentre altri ambiti con potenziali assembramenti - penso ai centri commerciali e ai trasporti pubblici - potranno tranquillamente continuare a lavorare. Questo lo trovo ingiusto». Massimo Suter, presidente di GrasroTicino, è perentorio sul lockdown mirato al solo settore dell’intrattenimento e della cultura. Con gli esercizi pubblici, chiuderanno anche i musei, le biblioteche, le strutture e impianti sportivi, zoo e altre strutture ricreative per il tempo libero. «Sarebbe stato meglio un lockdown generalizzato come la scorsa primavera con i soli negozi alimentari e le farmacie aperte», continua Suter. «Non sono un esperto, ma se sono gli assembramenti ad aumentare il rischio dei contagi, non capisco perché dobbiamo chiudere solo noi», aggiunge il presidente di GrastroTicino. Il consiglio federale ha però promesso aiuti per i lavoratori dei settori più colpiti. «Aiuti che sono in previsione, ma non ancora deliberati. Sono stati annunciati aiuti per i lavoratori con un reddito basso, e questo va benissimo. Anche il sostegno per gli apprendisti è lodevole come pure eventuali aiuti in base alla cifra d’affari perduta». Rimane il nervo scoperto degli affitti commerciali. «Siamo dispiaciuti che la legge proposta dallo stesso parlamento sulla questione affitti sia stata bocciata. È una questione che si trascina dalla scorsa primavera. L’affitto dei locali è un costo vivo e fisso importante pari a circa il 30% della cifra d’affari. A livello nazionale l’importo in gioco è di circa 600-700 milioni di franchi al mese», precisa ancora Suter che ora chiede, a nome della categoria, sussidi pubblici a fondo perso. «Non è indebitando ulteriormente gli imprenditori che si risolvono i problemi», afferma. Sulla possibilità di riorientare momentaneamente l’attività sul cibo da asporto Suter è chiaro: «Ci saranno dei ristoratori che si ingegneranno per garantire comunque un servizio ai loro clienti, ma questo non compenserà il crollo dei ricavi».

Anche Luca Albertoni, direttore della Camera di commercio del Cantone Ticino, è scettico su una chiusura valida per un solo settore. «È però positivo che il resto dell’economia possa continuare a operare con tutte le accortezze e le misure igieniche richieste dalla situazione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
11 min
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
28 min
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
2 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
3 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
6 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
6 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
6 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
6 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
6 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
Ticino
7 ore
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
© Regiopress, All rights reserved