laRegione
i-ristoratori-e-il-telelavoro-a-preoccuparci
Massimo Suter (Ti-Press)
Ticino
18.10.20 - 19:590

I ristoratori: 'È il telelavoro a preoccuparci'

Massimo Suter, presidente di GastroTicino: 'Le mascherine cambiano poco, ma quel consiglio sul lavorare da casa può farci male'

Non tanto le mascherine, ma il telelavoro. A preoccupare i ristoratori ticinesi non è l'obbligo di indossare le protezioni anche da parte dei clienti sancito venerdì dal Cantone e confermato oggi a livello nazionale da parte del Consiglio federale. Il maggior timore deriva invece dal suggerimento di tornare a utilizzare il più possibile il telelavoro. «Si tratta ovviamente di una preoccupazione imprenditoriale» commenta il presidente di GastroSuisse Ticino Massimo Suter. Se la misura è comprensibile e condivisibile dal punto di vista sanitario, dovesse essere applicata in massa i ristoranti si troveranno privati «di una buona fetta del loro incasso», spiega il presidente di GastroSuisse Ticino. «È evidente – prosegue – che chi lavora da casa non pranza al ristorate e non si reca al bar per la pausa caffè», mettendo così in difficoltà quegli esercizi pubblici che «lavorano soprattutto sul mezzogiorno con clienti degli uffici». Ovvero soprattutto quelli che si trovano nei centri cittadini: gli stessi che, precisa il presidente di GastroSuisse Ticino, «dati alla mano, non hanno ancora ripreso a pieno ritmo dopo li lockdown. Prevedo situazioni difficili, e a volte drammatiche, per loro». Inoltre quello dello 'smart working' potrebbe diventare un'abitudine, con «conseguenze a medio e lungo termine».

Mascherine

Decisamente meno problematico l'obbligo per tutti, camerieri e avventori, di indossare le mascherine: «Cambia poco per noi: l'obbligo vige già per tanti altri posti e la gente si sta abituando. Se questa misura permette di lavorare in maniera ottimale, ben venga. Se tutti seguiamo le regole, si potrà tornare il più in fretta possibile a una situazione quasi normale». 

È previsto di mettere a disposizione delle mascherine? Chiediamo. «Ognuno è imprenditore di sé stesso – replica Suter – e sa cosa fare per risolvere le questioni che si pongono giornalmente. Quindi immagino che ognuno abbia delle mascherine di riserva, qualora qualche cliente non le avesse».

A dare un po' di fiato alla ristorazione ticinese, per ora, ci sta pensando il sole: «In generale in questo periodo sta andando tutto sommato bene. La meteo e le vacanze autunnali nel resto della Svizzera ci stanno aiutando, così come la difficoltà di uscire dai confini nazionali».

 

TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Ascona, una macchia sulla richiesta d'attinenza
A candidarsi per il passaporto svizzero un cittadino italiano, condannato anni fa per la vicenda degli immobili della Suva
Luganese
2 ore
Cadro, 'l'ex Masseria Reali è messa male': tutela in forse
A esprimere scetticismo sulla protezione del bene culturale sono alcuni commissari dell'Edilizia. Zanini Barzaghi: 'Metterla in discussione non si giustifica'
Ticino
11 ore
Divisione costruzioni, Diego Rodoni nuovo direttore
Il Consiglio di Stato ha designato il successore di Giovanni Pettinari, che andrà in pensione a fine giugno 2021
GALLERY
Bellinzonese
11 ore
Auto contro guardrail a Bellinzona, un ferito
Il conducente della vettura, che circolava in direzione sud, ha improvvisamente perso il controllo del veicolo
Ticino
12 ore
Pazienti Covid, da lunedì visite possibili
Durata limitata: 15 minuti ogni due giorni a partire dal quinto. E sempre la stessa persona
Ticino
12 ore
Sondaggio Plr, le risposte della ‘carica dei mille’ e il futuro
Una Svizzera aperta, attenzione all'ambiente. Tra le priorità formazione e posti di lavoro. I tre candidati alla successione di Caprara a confronto
Mendrisiotto
13 ore
AlpTransit, destinazione Chiasso: il progetto in una scheda
Recapitato ai Comuni del Distretto il Piano settoriale dei trasporti con lo sviluppo della linea ferroviaria a sud. L'orizzonte è il 2050
Bellinzonese
13 ore
Ex pretore di Riviera sconfessata dal Tribunale federale
Patrizia Gianelli aveva impugnato il ‘no’ parlamentare di non rinnovare la sua nomina, ma non era legittimata a criticare la durata del mandato
Ticino
13 ore
Sospetto riciclaggio, ma non segnalò. Multa di 10mila franchi
Il Tribunale penale federale condanna un 50enne luganese che come responsabile dei servizi compliance di due banche non comunicò all'Mros un conto in odor di candeggio
Grigioni
13 ore
Canton Grigioni e Comune di Bregaglia si scambiano le strade
Si tratta della strada per Montaccio (che diventa cantonale) e della strada per Coltura
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile