laRegione
17.12.20 - 12:55

Piste aperte ma in bilico fra possibili chiusure

Dopo l'inizio di stagione ‘test’ dello scorso weekend, le stazioni sciistiche si preparano a pieno regime nonostante l'ombra di un blocco

piste-aperte-ma-in-bilico-fra-possibili-chiusure
ti-press

Un weekend di prova ben riuscito ma col dubbio di dover presto chiudere. Si trovano dunque in bilico le stazioni sciistiche che però restano pronte ad accogliere i clienti: «Il nostro personale sta preparando tutte le piste», ci spiega Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti turistici di Bosco Gurin. «Se poi dovremo chiudere lo faremo con la consapevolezza che riceveremo degli aiuti. L’importante è riuscire a coprire i costi fissi». La stazione sciistica ha aperto lo scorso weekend in forma ridotta e manterrà un massimo di mille avventori al giorno: «Sabato è stata l’occasione per capire la prontezza delle persone nel rispettare le regole» dice Frapolli. «La stragrande maggioranza ha compreso la gravità della situazione. In alcuni casi sono però dovuto intervenire e intimare alcuni a rispettare le distanze e indossare la mascherina».

Apertura ‘light’ anche per Airolo che, con l’accesso consentito solo ai detentori di un abbonamento stagionale, ha potuto testare la gestione della clientela con demarcazioni per le distanze e sanificazione di locali e cabine, aprendo poi a tutti da lunedì scorso: «Per il momento non abbiamo messo un limite di giornaliere, essendo ancora in bassa stagione», afferma il direttore Mauro Pini, il quale indica un possibile tetto massimo di mille persone e la riservazione dell’orario della cabina per gestire gli arrivi nelle prossime settimane. «Il weekend scorso ha permesso anche ai nostri dipendenti di familiarizzarsi con altre mansioni – aggiunge Pini –. È importante che siano in grado di coprire altre funzioni perché a causa di possibili quarantene è necessaria flessibilità». 

Negli altri cantoni

Il tema impianti sciistici tocca fortemente anche altri cantoni della Svizzera, con una spaccatura fra chi vorrebbe fermare gli sport invernali e chi autorizza le aperture. Il governo cantonale di Zurigo ha proposto ieri di chiudere immediatamente le stazioni sciistiche di tutta la Svizzera, per alleviare il carico sulla sanità dovuto all'epidemia di coronavirus. “Gli ospedali del cantone non sono quasi più in grado di assistere ulteriori pazienti per gli infortuni sulle piste da sci”, scrive l'esecutivo. Il Canton Vallese, invece, ha autorizzato l’apertura a quasi la totalità degli impianti di risalita, di tre su 51 è stato chiesto di complementare la documentazione di richiesta. Il preavviso costituisce comunque un via libera provvisorio per i gestori, che dipende dalla situazione epidemiologica. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
18 min
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
3 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
Ticino
4 ore
Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati
Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
5 ore
Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo
Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Ticino
5 ore
‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’
Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
6 ore
Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’
Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
6 ore
Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia
Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
Ticino
8 ore
Il Cantone ricorre a Instagram per favorire il voto dei giovani
La campagna ‘Io faccio la mia parte’ si rivolge soprattutto alle fasce di elettori dai 18 ai 30 anni con un nuovo canale social e un sito rinnovato
Ticino
11 ore
Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie
Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
12 ore
Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche
A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
© Regiopress, All rights reserved