laRegione
piste-aperte-ma-in-bilico-fra-possibili-chiusure
ti-press
17.12.20 - 12:55

Piste aperte ma in bilico fra possibili chiusure

Dopo l'inizio di stagione ‘test’ dello scorso weekend, le stazioni sciistiche si preparano a pieno regime nonostante l'ombra di un blocco

Un weekend di prova ben riuscito ma col dubbio di dover presto chiudere. Si trovano dunque in bilico le stazioni sciistiche che però restano pronte ad accogliere i clienti: «Il nostro personale sta preparando tutte le piste», ci spiega Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti turistici di Bosco Gurin. «Se poi dovremo chiudere lo faremo con la consapevolezza che riceveremo degli aiuti. L’importante è riuscire a coprire i costi fissi». La stazione sciistica ha aperto lo scorso weekend in forma ridotta e manterrà un massimo di mille avventori al giorno: «Sabato è stata l’occasione per capire la prontezza delle persone nel rispettare le regole» dice Frapolli. «La stragrande maggioranza ha compreso la gravità della situazione. In alcuni casi sono però dovuto intervenire e intimare alcuni a rispettare le distanze e indossare la mascherina».

Apertura ‘light’ anche per Airolo che, con l’accesso consentito solo ai detentori di un abbonamento stagionale, ha potuto testare la gestione della clientela con demarcazioni per le distanze e sanificazione di locali e cabine, aprendo poi a tutti da lunedì scorso: «Per il momento non abbiamo messo un limite di giornaliere, essendo ancora in bassa stagione», afferma il direttore Mauro Pini, il quale indica un possibile tetto massimo di mille persone e la riservazione dell’orario della cabina per gestire gli arrivi nelle prossime settimane. «Il weekend scorso ha permesso anche ai nostri dipendenti di familiarizzarsi con altre mansioni – aggiunge Pini –. È importante che siano in grado di coprire altre funzioni perché a causa di possibili quarantene è necessaria flessibilità». 

Negli altri cantoni

Il tema impianti sciistici tocca fortemente anche altri cantoni della Svizzera, con una spaccatura fra chi vorrebbe fermare gli sport invernali e chi autorizza le aperture. Il governo cantonale di Zurigo ha proposto ieri di chiudere immediatamente le stazioni sciistiche di tutta la Svizzera, per alleviare il carico sulla sanità dovuto all'epidemia di coronavirus. “Gli ospedali del cantone non sono quasi più in grado di assistere ulteriori pazienti per gli infortuni sulle piste da sci”, scrive l'esecutivo. Il Canton Vallese, invece, ha autorizzato l’apertura a quasi la totalità degli impianti di risalita, di tre su 51 è stato chiesto di complementare la documentazione di richiesta. Il preavviso costituisce comunque un via libera provvisorio per i gestori, che dipende dalla situazione epidemiologica. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
8 min
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
3 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
3 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica ch introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’.
Ticino
3 ore
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
11 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Grigioni
13 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
14 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
14 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
14 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
14 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
© Regiopress, All rights reserved