laRegione
09.12.20 - 19:02
Aggiornamento: 21:16

'Metodologia problematica, Berna sostenga i settori colpiti'

Il Consiglio di Stato prende atto delle misure poste in consultazione contro la pandemia, ma auspica adeguato sostegno finanziari a settori colpiti

metodologia-problematica-berna-sostenga-i-settori-colpiti
(Ti-Press)

Nonostante gli obiettivi perseguiti dal Consiglio Federale con le misure poste in consultazione, il Consiglio di Stato ticinese nel suo comunicato odierno definisce "problematica" la metodologia adottata e auspica un ulteriore e concreto sostegno finanziario ai settori coinvolti nel caso le restrizioni vengano effettivamente messe in atto.

Il Consiglio di Stato ricorda di aver presentato già lunedì le disposizioni cantonali entrate in vigore oggi, sottolineando come esse siano state parzialmente riprese anche nel progetto posto in consultazione dal Consiglio federale (come, ad esempio, limitazione dei partecipanti per le manifestazioni private e la limitazione dell’orario per gli esercizi pubblici). La proposta dell’autorità federale, tuttavia, introdurrebbe restrizioni più severe rispetto alla situazione attuale in Ticino anche per altri settori (per esempio negozi e attività culturali).

Al riguardo il governo ticinese "tiene a ricordare che aveva già risposto in maniera pronta alla richiesta formulata negli scorsi giorni dal Consiglio federale di introdurre nuove misure." Il Consiglio di Stato, prosegue il comunicato, intende sottolineare che "ritiene problematica la metodologia adottata dal Consiglio federale, nella convinzione che cambiamenti normativi troppo frequenti e a diversi livelli istituzionali finiscano per generare insicurezza fra la popolazione e gli operatori economici".

Nella propria presa di posizione il Governo ticinese ha in particolare segnalato:

  • Bar e ristoranti: propone di mantenere gli orari di apertura dei bar fino alle 19.00 e dei ristoranti fino alle 22.00, di uniformare la chiusura dei commerci dediti alla vendita di cibo d’asporto alle 22.00 (e non alle 23.00), di mantenere l’orario di chiusura alle 22.00 anche per il 24 dicembre 2020 (e non alla 01.00) e di consentire l'apertura dei ristoranti anche i giorni di Natale e Capodanno.
  • Cene e feste private: saluta positivamente la limitazione a 5 persone (come già in vigore in Ticino) e l’apertura a 10 persone dal 24 al 26 ed il 31 dicembre, chiedendo di aggiungervi anche il 1° gennaio. Invita inoltre a rinunciare alla limitazione aggiuntiva a due economie domestiche in favore di una raccomandazione, come attualmente e come in vigore anche nel settore della ristorazione.
  • Aperture domenicali dei negozi prima di Natale: il Governo invita a mantenere le aperture domenicali fino a Natale come strumento per diluire su più giorni l’afflusso di persone, mentre accetta la chiusura di domenica 27 dicembre.


A mente del Governo, se la Confederazione dovesse decretare le misure più restrittive poste in consultazione dovrà anche garantire un adeguato e concreto sostegno finanziario ai settori colpiti. A questo proposito il Governo ticinese saluta positivamente l’intenzione annunciata dal Consiglio federale di introdurre nuove forme di sostegno, che però andranno concretizzate a breve per evitare conseguenze pesanti per gli operatori economici.

Al di là delle nuove misure poste in consultazione, il Consiglio di Stato segnala la crescente preoccupazione per gli affollamenti che si registrano quotidianamente sui mezzi di trasporto pubblico, in particolare treni pendolari. Il Governo ticinese coglie quindi l’occasione per invitare il Consiglio federale ad attivarsi da subito anche in questo ambito di competenza federale con misure efficaci e uniformi in tutta la Svizzera.

Si ricorda infine che la decisione del Consiglio federale sul pacchetto di misure poste in consultazione oggi è attesa per venerdì 11 dicembre.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
12 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
12 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
13 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
14 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
15 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
15 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved