laRegione
07.05.20 - 13:15

Suter: 'Un ristorante su dieci getterà la spugna, prima o dopo'

Lunedì si riapre, ma il lockdown ha pesato e le misure di protezione complicano la situazione. Quadro preoccupante per il presidente di GastroTicino

suter-un-ristorante-su-dieci-gettera-la-spugna-prima-o-dopo
In attesa di riaprire (Ti-Press)

Esercizi pubblici e i paletti per la loro riapertura (distanziamento sociale di due metri, massimo quattro persone al tavolo...), le regole stabilite dal Piano di protezione, frutto delle 'trattative' tra le associazioni di categoria e gli uffici federali della sanità pubblica e della sicurezza alimentare, «non agevoleranno il lavoro di una parte della ristorazione: per esempio la misura della tracciabilità del cliente ci è stata imposta unilateralmente - afferma il presidente di GastroTicino Massimo Suter -. Temo che nel nostro cantone un dieci per cento circa non riaprirà. Se non getta la spugna subito, lo farà in corso d’opera».

A rischio per via degli effetti economici nefasti di questa pandemia, ma per via anche dell'impatto delle restrizioni contemplate dal Piano «potrebbero essere esercizi pubblici talmente piccoli e ora costretti a lavorare al venti per cento della loro potenzialità, locali che facevano già fatica ed esercizi gestiti da persone in età avanzata, che fatti due calcoli potrebbero decidere di smettere, ma anche grandi strutture con costi di gestione elevati che a seguito delle restrizioni potrebbero accusare una riduzione significativa delle entrate». A livello nazionale, rammenta Suter, sono «260mila i posti di lavoro legati al settore, nel quale sono attivi circa 28'500 esercizi pubblici. Stando alle stime di GastroSuisse, ci potrebbero essere un 25/30 per cento di chiusure, che corrisponderebbero grossomodo a 60mila posti di lavoro in meno». In Ticino «sono 16mila i posti di lavoro e intorno alle duemila le aziende gastronomiche: penso purtroppo che le chiusure saranno tra le centocinquanta e le duecento. Vedremo». Osserva Suter: «Dopo questa chiusura forzata dovremo rinascere dalle nostre ceneri, nella speranza che ciò non si trasformi in un volo pindarico».

Ma cosa succederà, in termini di indennità, per quegli esercizi che sceglieranno di non riaprire? «Dall’11 maggio decade il diritto all’indennità di lavoro ridotto speciale, ci sarà solo quella di base, normale, che non è così vantaggiosa», risponde. E aggiunge: «Mi sembra corretto: ci hanno fatto chiudere perché c’era un’emergenza sanitaria, adesso a detta delle autorità sanitarie la situazione è migliorata e si può riaprire. Se un esercente decide di non riaprire perché teme di guadagnare poco, a mio avviso non è lo Stato che deve pensarci».

Leggi anche:

Al ristorante bisognerà dare nome, cognome e numero di telefono

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
6 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
7 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
11 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
13 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
2 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
2 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
© Regiopress, All rights reserved