laRegione
laR
 
10.08.22 - 21:56
Aggiornamento: 11.08.22 - 13:52

In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore

A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici

in-valle-di-muggio-gioielli-del-territorio-a-tutte-le-ore
Ti-Press/Benedetto Galli
Alcuni prodotti presenti nel distributore automatico

In frigo manca un prodotto fresco e non è possibile preparare la specialità della casa? È una domenica di caldo torrido e l’unica cosa che vorreste mangiare è un formaggino? Nessun problema: in Valle di Muggio sono arrivati due distributori automatici di prodotti freschi e locali. L’iniziativa è stata voluta dalla Dispensa e ha trovato il sostegno dell’Ente regionale per lo sviluppo del Mendrisiotto e Basso Ceresio e del Centro di competenze agroalimentari Ticino. I primi due distributori – abbelliti da casette realizzate dall’Azienda forestale della Valle di Muggio – si trovano a Caneggio e a Muggio, all’esterno dei due negozi di alimentari. «Questi due distributori ci permettono di colmare gli orari di chiusura e il fine settimana – commenta la presidente della Dispensa Anna Ceracchini –. All’interno ci sono prodotti tipici della regione, come i formaggini o i biscotti del Mulino di Bruzella, e molto altro». Attualmente il pagamento può essere effettuato solo in contanti, ma nelle prossime settimane saranno implementati tutti i sistemi di pagamento. Così come verrà posata la cartellonistica ufficiale. «Ci stavamo pensando da qualche anno – ammette la presidente –. I commenti ottenuti sono al momento tutti positivi». I due automatici non saranno soli. Altri due saranno infatti prossimamente posati all’esterno del negozio di Monte e vicino alla panetteria di Arogno.

Il Ccat: ‘Diamo una mano ai piccoli negozietti’

Come detto, a fare da coordinatore, oltre che co-finanziatore con la richiesta di vendere prodotti del territorio e di fare parte della rete ‘Ticino a te’, c’è il Centro di competenze agroalimentari Ticino (Ccat), che sta sviluppando il progetto a livello cantonale. «L’idea è quella di dare una mano ai piccoli negozietti che hanno un ampio assortimento di prodotti locali e che altrimenti farebbero fatica perché non riescono a tenere aperto negli orari che forse più si adattano alle nuove esigenze dei turisti e dei residenti, che rientrano in valle solo la sera – commenta la direttrice Sibilla Quadri –. Quasi tutti i negozi di paese sono confrontati con problematiche ormai note: gli acquisti online, nei centri commerciali e spesso anche oltre confine». Il progetto è in divenire. «Sosteniamo chi ha bisogno, anche in termini di promozione, ma devono essere anche gli interlocutori a chiedere il nostro aiuto, perché sono loro che conoscono la (futura) clientela e il territorio e che poi in concreto saranno responsabili per la gestione stessa del negozio». I distributori automatici sono una novità a livello di Mendrisiotto ma non a livello ticinese. «Ce ne sono diversi nelle aziende agricole, negli alpeggi o lungo percorsi turistici – conferma Sibilla Quadri –. La novità è che non si tratta dell’azione di un singolo ma dell’azione di una Valle, di una Regione, che vende i suoi prodotti. Una situazione che richiede una certa coordinazione e che necessita l’appoggio di una bottega o un ristorante che ha già diversi fornitori. Nel caso di Acquarossa, per esempio, è stato il gruppo Donne Contadine della Valle di Blenio a farsi avanti per questo lavoro di coordinamento». Nello specifico, aggiunge ancora Quadri, «ogni regione avrà i suoi prodotti tipici, ma potrebbero esserci anche determinati prodotti che possono essere un’attrazione anche per un’altra regione. Per noi è importante che ci siano anche prodotti certificati Ticino regio.garantie, che sono un marchio di garanzia».

Il Ccat sta attualmente collaborando anche con diverse mense scolastiche per un maggiore utilizzo dei prodotti locali. «Un tema che potrebbe essere scontato ma che non lo è perché, per esempio per le mense delle scuole dell’infanzia ed elementari, ogni comune è autonomo nella scelta dei fornitori». Per arrivare al cambiamento, ognuno è chiamato a fare la sua parte. «È un percorso molto lungo perché quando a essere toccato è il singolo, si finisce per preferire quello che costa meno – conclude Sibilla Quadri –. Lo capisco, ma forse bisogna guardare un po’ oltre, pensare al collettivo e rendersi conto che se si acquista qui, la ricaduta è sul territorio e si genera del valore aggiunto garantendo occupazione anche alle generazioni future».

Vendite in calo nel primo semestre 2022

Quello che attende la Dispensa "è un futuro al momento molto difficile". Le parole sono state utilizzate da Anna Ceracchini nel corso dell’ultima assemblea. I conti del 2021 hanno chiuso con un risultato positivo di 4’495 franchi. Nel primo semestre del 2022 è però stato riscontrato un calo delle vendite di oltre il 15 per cento. "Mi dispiace che tante persone della Valle, da noi aiutate durante i mesi della pandemia, ora la Dispensa l’hanno completamente scordata – aveva detto Anna Ceracchini, alla sua prima relazione presidenziale dopo essere subentrata a Guerino Piffaretti –. Solo se rimaniamo forti e con delle iniziative un po’ accattivanti riusciamo a soddisfare anche quegli abitanti della nostra Valle che rimangono un po’ scettici nei nostri confronti". Oltre ai citati distributori automatici, nel punto vendita di Caneggio è stata introdotta la ricevitoria del Lotto. Guardando al futuro, Anna Ceracchini ha lanciato un appello ai soci, invitandoli, oltre alla "quotidianità negli acquisti" a fornire "input e suggerimenti" al comitato. "Qualche consiglio, qualche richiesta speciale ci motiva a proseguire con passione il nostro incarico".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
4 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
4 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
4 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Mendrisiotto
6 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla Ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
8 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
8 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
10 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino in zona diga del Lucendro
Ticino
10 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
19 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved