laRegione
corsia-per-i-tir-sull-a2-spuntano-i-picchetti
Ti-Press/D. Agosta
La corsia partirà dall’area autostradale di Coldrerio
17.05.22 - 05:10
Aggiornamento: 19:56

Corsia per i Tir, sull’A2 spuntano i picchetti

Una missiva del Datec ha annunciato ai Municipi del Basso Mendrisiotto l’avvio dell’iter verso il varo del cantiere tra Coldrerio e Balerna

Dalle parti del Basso Mendrisiotto di corsia per i Tir lungo il tratto finale dell’A2 proprio non ne vogliono sentire parlare. Il progetto dell’Ufficio federale delle strade (Ustra) non è andato giù né alle istituzioni locali, né alla politica, né ai cittadini: il fronte è compatto come non mai. Eppure queste resistenze non hanno fatto desistere l’Ustra dai suoi propositi. Anzi, semmai sembrano aver accelerato i tempi, qui come con la terza corsia autostradale fra Lugano sud e Mendrisio (anticipata di dieci anni, al 2030). Giusto ieri, lunedì, infatti, lungo il tratto che per 1’800 metri delimiterà la futura area di sosta dei mezzi pesanti sono spuntati i picchetti di rito. Aste di varia altezza, quelle posate tra l’area di servizio di Coldrerio e il viadotto di Bisio-Balerna, che traducono però un messaggio chiaro, anche agli automobilisti di passaggio: a breve lì si aprirà un nuovo cantiere. Lavori, quelli annunciati il settembre scorso dai tecnici federali ai Municipi di Balerna, Novazzano, Coldrerio e Mendrisio – toccati per territorio (come anticipato da ‘laRegione’ del 30 settembre 2021) –, che andranno ad aggiungersi a quelli varati una settimana fa alla rotonda di Pontegana e al risanamento (in corso) del viadotto Campaccio, a nord dello svincolo di Mendrisio.

Avvisati con una raccomandata

Sono bastati, insomma, dei picchetti e ancor prima – era il 9 maggio scorso – la lettera raccomandata recapitata alle Cancellerie comunali per far tornare il dossier di stringente attualità e alzare la temperatura dentro le mura dei Palazzi civici della regione. Tanto che la tematica è finita nell’agenda delle sedute settimanali dei Municipi. Poco più di un mese fa a occuparsi della corsia per i camion nel Distretto era stato il Consiglio di Stato. Ancora a digiuno (per sua stessa ammissione) di piani e dati tecnici sul progetto, si era detto in attesa della pubblicazione dell’incarto federale. Di fatto nei Comuni è giunta, invece, una missiva, mittente il Datec, il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni diretto da Simonetta Sommaruga, che informava sui passi già compiuti e su quelli imminenti. Una sorta di preavviso di quanto ieri è puntualmente accaduto.

Picchetti e aree di cantiere

In realtà, la versione definitiva del progetto esecutivo denominato ‘N2 Ep18 Balerna’ già nelle settimane precedenti è approdato sui tavoli del Datec, a Berna, per il visto finale. Nell’attesa l’Ustra si è portata avanti (sul campo) posando, come annunciato alle autorità comunali tramite raccomandata, piani e altra documentazione tecnica, picchetti e modine a segnalare altresì l’occupazione temporanea di alcune porzioni di terreno (come l’area di cantiere in zona Sant’Antonio). Un atto preparatorio (ma formale) in proiezione dell’intervento che seguirà, da qui al 2028, e porterà alla corsia per i Tir.

Tra missive e firme

L’obiettivo dei Servizi federali? Incolonnare circa una settantina di mezzi pesanti diretti verso il valico autostradale di Brogeda in nome di una maggiore sicurezza in un punto trafficato dell’asse autostradale ticinese. Vista dai Municipi locali, però, l’operazione non fa altro che ‘legalizzare’ quanto da anni succede nel tratto finale dell’A2, in particolare in coincidenza con Chiasso. Non sono state sufficienti, in effetti, le opere correlate – come le barriere foniche o i nuovi impianti per il trattamento delle acque stradali – per far digerire quella corsia in più. I quattro Comuni toccati sul vivo, non a caso hanno messo nero su bianco la loro contrarietà in uno scritto indirizzato alla filiale di Bellinzona dell’Ustra. A fare muro c’è anche una petizione promossa dal Ppd del Mendrisiotto e che ha raccolto un migliaio di firme. D’altro canto, mal si comprende come possa servire un’ulteriore corsia a fronte del centro di controllo, stoccaggio e dosaggio che entrerà in funzione a Giornico. In realtà, da Berna si è già fatto capire che non basterà per una gestione ottimale dei flussi di camion.

In ogni caso, il governo cantonale ha confermato il suo impegno a "chiedere approfondimenti e, se necessario, misure di accompagnamento al nuovo progetto federale". E i Comuni? Si aspettano di più. Preso atto della comunicazione federale, adesso si stanno domandando quale potrebbe essere la prossima mossa. Resta da capire, procedura alla mano, quale sarà il margine per opporsi alla costruzione della corsia per i Tir. E non è escluso che, come è accaduto nel passato recente, il Basso Mendrisiotto faccia squadra per mettersi di traverso a un’opera che proprio non vuole.

Leggi anche:

Corsia per i Tir, attesa la pubblicazione del progetto Ustra

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basso mendrisiotto corsia tir picchetti ustra
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
6 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
7 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
7 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
8 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
9 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
11 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
14 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Luganese
15 ore
Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia
Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
17 ore
Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova
Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
© Regiopress, All rights reserved