laRegione
i-comuni-serrano-i-ranghi-contro-la-corsia-per-i-tir-sull-a2
Ti-Press
Farinelli: ‘I flussi vanno gestiti in sicurezza’
23.05.22 - 07:47
Aggiornamento: 14:55

I Comuni serrano i ranghi contro la corsia per i Tir sull’A2

Coldrerio convoca i vicini per definire una strategia congiunta. Lurati, Crtm: ‘Adesso serve un’azione di protesta’

Il Basso Mendrisiotto è determinato più che mai a fare fronte comune contro il progetto di una corsia per i Tir fra l’area autostradale di Coldrerio e il viadotto di Bisio-Balerna. In effetti, Balerna, Novazzano, Coldrerio e Mendrisio, toccati sul vivo dall’opera firmata dall’Ufficio federale delle strade (Ustra), avevano già mostrato nei mesi scorsi come la pensano e quanto siano pronti a serrare i ranghi. Oggi, davanti ai picchetti e alle modine spuntate nei giorni scorsi a delimitare i confini dell’intervento - corredato lungo il tracciato da barriere foniche e impianti per il trattamento delle acque -, le resistenze verso la creazione a lato dell’A2, direzione Brogeda, di quei 1’800 metri per la sosta (pur temporanea) dei camion non hanno fatto altro che crescere. Il primo a prendere l’iniziativa, in questa occasione, è stato Coldrerio.

Preso atto della raccomandata recapitata a inizio maggio dal Datec, il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni, l’autorità locale ha scritto a sua volta ai vicini per proporre un incontro. Ormai non resta da concordare che la data, ma ci si troverà nelle prossime settimane e l’intenzione è di invitare al tavolo pure la Commissione regionale dei trasporti (Crtm). Per il suo vice presidente Davide Lurati, del resto, si sfonda una porta aperta. «Questa sera (ieri per chi legge, ndr) ho proposto al gremio della Crtm di fare un’azione di protesta - conferma a ‘laRegione’ -. L’Ustra tira dritto, il governo cantonale ci ignora, ma il Distretto quella corsia non la vuole. Forse così capiranno quanto la gente da queste parti è arrabbiata».

I quattro Comuni sono pronti a fare squadra

A breve, stando alle informazioni giunte alle Cancellerie comunali, per mano del Dipartimento del territorio Berna depositerà i piani, e i quattro Municipi mirano ad avere una strategia congiunta. Tant’è che la proposta di Coldrerio ha già trovato l’adesione degli altri tre Comuni. Ciò che ci si prefigge, ci confermano sempre da Coldrerio, è «capire come affrontare assieme la problematica, coordinandosi nelle modalità operative». Su questo dossier, di fatto la compattezza è evidente. Gli enti locali, d’altra parte, sanno di dover rendere conto anche ai loro cittadini.

Cittadini ‘allarmati’

Oltre ai Comuni a ricevere, di recente, la missiva federale sono stati, infatti, pure alcuni abitanti che affacciano sull’A2. Tutti proprietari di terreni che saranno espropriati in via temporanea per il cantiere. E c’è chi, ritrovandosi tra picchetti e sigle (quella del progetto ribattezzato N2 Ep18 Balerna), non ha dormito sonni tranquilli. Qualcuno, come a Novazzano, ha chiamato allarmato la Cancelleria comunale; qualcun altro ha composto il numero dell’Ustra in calce alla lettera per capire se davvero ci si riferisse alla corsia per i veicoli pesanti, ricevendo per tutta risposta parole di fastidio per aver colto nel segno.

Il coraggio della politica

Davide Lurati, dal canto suo, va dritto al punto: «Dopo tante promesse è giunto il momento che a livello cantonale si prenda una posizione netta a favore della popolazione locale nei confronti dell’autorità federale». E a Berna tra la deputazione ticinese alle Camere che aria tira su questo tema? «Abbiamo interpellato in tal senso tanto l’Ustra che l’Amministrazione federale delle dogane per saperne di più e non siamo indifferenti al problema - ci dice Alex Farinelli (Plr) -. Capiamo, infatti, i cittadini del Mendrisiotto, ma sarebbe opportunismo politico dire che i Tir possano sparire da lì. Si farà il possibile per introdurre tutti gli accorgimenti utili a limitare l’impatto sul territorio, ma bisogna avere il coraggio di dire le cose come stanno».

Leggi anche:

Corsia per i Tir, sull’A2 spuntano i picchetti

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alex farinelli corsia tir davide lurati
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Preonzo, residenti sotto la montagna ‘stufi degli allagamenti’
Gli abitanti della via Cadmónn sollecitano il Municipio affinché si trovi una soluzione alla discesa a valle di acqua e detriti in occasione di nubifragi
Mendrisiotto
2 ore
Operatori di prossimità, gli altri Comuni ci sono
Dopo la separazione di Mendrisio, nove enti locali sono pronti a confermare il sostegno al Servizio regionale. Se ne parlerà entro fine luglio
Locarnese
2 ore
Brione Verzasca, luce verde ai semafori
Il legislativo ha accolto il credito per la loro installazione. Permetteranno di assicurare maggior fluidità al traffico nella strettoia del paese
Luganese
8 ore
Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello
Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
10 ore
5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa
Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Ticino
13 ore
Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro
Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
13 ore
‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’
Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
14 ore
Impianti di risalita turistici, giugno positivo
L’Utpt: ‘Si assiste a un ritorno della clientela estera’
Grigioni
14 ore
Sempre più cinghiali nella Bassa Mesolcina: come contenerli
Il capo dei guardacaccia Nicola De Tann: ‘Finora causati importanti danni solo a pascoli e prati da sfalcio’
Ticino
14 ore
Posti di tirocinio: ‘La scelta ai ragazzi, non all’economia’
Aumentano i contratti già firmati, ma c’è una sensibile differenza di offerta (e richiesta) tra un settore e l’altro. ‘Per le ragazze è più difficile’
© Regiopress, All rights reserved