laRegione
24.06.21 - 19:33
Aggiornamento: 20:21

Parco storico in Città, comportamenti poco urbani

Il consigliere della Lista civica Tiziano Fontana richiama l'attenzione sul poco rispetto per il giardino di Villa Argentina. 'C'è un piano di gestione?'

parco-storico-in-citta-comportamenti-poco-urbani
'Più episodi e più segnalazioni dei vicini' (Ti-Press)

Non tutti godono del Parco di Villa Argentina con il rispetto dovuto a un giardino storico. A sollevare la problematica in questi giorni è il consigliere comunale della Lista civica Per Mendrisio Tiziano Fontana. In questa zona, motiva in una interrogazione, si convive con "una realtà di schiamazzi, festini e vandalismi (muretti di giardini privati vandalizzati, bottiglie e lattine gettate nelle proprietà private oltre che lasciate sui gradini di Villa Argentina e nel Parco) che si ripete da anni, fino alle prime ore del mattino". Una situazione, rincara, che si è acuita dopo la pandemia da Covid-19: non solo, spiega, sono aumentati gli episodi e il numero di partecipanti di ogni età, anche giovanissimi, ma sono cresciute pure "le segnalazioni di abitanti della zona esasperati da questa situazione". Senza trascurare, aggiunge Fontana, la presenza di adolescenti "che fanno gare di velocità con i loro ciclomotori e scooter su via Buffi".

A questo stato di cose, che appare comunque arduo mettere sullo stesso piano di quanto accaduto ormai una settimana fa al campus universitario - vicenda ancora tutta da chiarire e al vaglio della magistratura -, si sommano comportamenti poco ligi al regolamento del Parco.  All'interno dell'area di Villa Argentina, illustra Fontana, "si vedono persone con cani al guinzaglio, benché i cartelli indichino, a giusta ragione, che è proibito portarveli, o ragazzi giocare al pallone nel vasto prato, come fosse un campo da calcio, fatto che provoca l’allontanamento di giovani madri coi loro bambini perché non si sentono in sicurezza". Se è vero che Parco e Villa sono stati acquisiti dalla Città, ribadisce, per "essere messi a disposizione della popolazione di Mendrisio", l'impressione è che oggi "a prevalere siano persone con comportamenti prevaricatori". Tutto ciò in un scenario di "degrado dei manufatti e della vegetazione", su cui Fontana aveva già interrogato il Municipio a fine 2018, senza peraltro ottenere risposta.

E qui si innestano le domande del consigliere della Lista civica. Innanzitutto, chiede, "esiste un piano di gestione del Parco?". Di conseguenza, "il Parco viene perlustrato regolarmente da agenti della polizia o da impiegati di agenzie di sicurezza private?", in caso contrario per quale motivo? E ancora, "quanti interventi sono stati effettuati dalla Polizia comunale e/o cantonale nel corso del 2020 e dei primi sei mesi del 2021?" Nel merito, "non ritenete che la situazione sia degenerata a tal punto da necessitare finalmente sia controlli regolari – quotidiani –, sia l’allontanamento sistematico di chi pretende di fare festini o altre attività incompatibili con un Parco di tale valore culturale, sia l’imposizione del rispetto della quiete notturna?". Per finire, a vantaggio della sicurezza dei bambini delle scuole comunali, "non è opportuno introdurre subito su via Buffi una zona 30 chilometri orari o, meglio ancora, 20 chilometri orari?".

 

Leggi anche:

I ragazzi del campus al rettore: 'Quella notte è andata così'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Ticino
3 ore
Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’
La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
3 ore
Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio
Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Bosco Gurin
3 ore
Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’
L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
Ticino
5 ore
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
7 ore
In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
9 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
9 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
12 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
12 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
© Regiopress, All rights reserved