laRegione
13.09.22 - 11:13
Aggiornamento: 19:25

Truffa del falso operatore sanitario: un arresto nel Luganese

L’uomo si spacciava per un operatore sanitario chiedendo alle vittime del raggiro del denaro per le cure a un parente presunto vittima di un incidente

truffa-del-falso-operatore-sanitario-un-arresto-nel-luganese
Ti-Press

C’è un arresto nell’ambito delle indagini della Polizia cantonale sulla recrudescenza del fenomeno delle truffe telefoniche, nella versione "riveduta e corretta" del falso incidente e del presunto operatore sanitario. Il 9 settembre a Lugano è stato arrestato, in flagranza di reato, un 27enne cittadino polacco residente in Polonia. L’arresto è stato possibile grazie all’intensa attività investigativa avviata dalla Polizia cantonale (con il supporto tecnico della Polizia Città di Lugano) subito dopo la nuova ondata di tentativi di raggiro. Fondamentale è stata anche la segnalazione/collaborazione di una cittadina, avvenuta a seguito delle comunicazioni mediatiche effettuate nei giorni scorsi.

L’uomo è sospettato d’aver preso parte a una truffa del "falso operatore sanitario". In base alle ricostruzioni, il modus operandi ricalca quello evidenziato a più riprese in passato nelle truffe del falso nipote e del falso poliziotto ai danni soprattutto di anziani. Gli autori, spacciandosi in questo caso per una persona attiva in campo medico, chiedono con insistenza un’importante somma di denaro necessaria a coprire le cure di un parente incorso in un incidente della circolazione, in un infortunio di altra natura o in una grave malattia. Facendo leva sullo scarso tempo a disposizione (poche ore vista la gravità della situazione), mettono pressione sulla vittima e la spronano a immediatamente effettuare il prelevamento. Diverse decine di migliaia di franchi che una terza persona passerà poi a ritirare. La polizia precisa che le telefonate giungono in prevalenza su telefoni fissi e, laddove è presente un display sull’apparecchio, il numero chiamante appare come "sconosciuto". L’ipotesi di reato nei confronti del 27enne è di ripetuta truffa aggravata consumata e tentata. L’inchiesta è coordinata dal procuratore pubblico Roberto Ruggeri.

La polizia ribadisce i consigli per non incappare in questo genere di truffe:

  • Essere sempre diffidenti quando si ricevono chiamate con richieste di denaro.
  • Non citare mai il nome dei parenti al telefono. Specificare che in casi d’emergenza bisogna dapprima consultarsi con qualcun altro e interrompere subito la conversazione telefonica. Poi contattare un parente che si conosce bene e di fiducia con cui verificare le informazioni.
  • Non consegnare mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti.
  • Non dare a nessuno informazioni sui propri averi, né su quelli che si hanno in casa o in banca.
  • Se una chiamata sembra sospetta informare subito la polizia, telefonando al 117 (numero d’emergenza).
  • Informare parenti e conoscenti sensibilizzandoli dell’esistenza di questo tipo di truffa.

Leggi anche:

Torna (riveduta e corretta) la truffa del falso incidente

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
16 min
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
20 ore
La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa
Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
20 ore
I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’
Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
1 gior
Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore
Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
1 gior
Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’
Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
1 gior
Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”
Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Mendrisiotto
1 gior
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
1 gior
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
1 gior
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
1 gior
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
© Regiopress, All rights reserved