laRegione
09.08.22 - 18:52
Aggiornamento: 19:34

Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula

Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale

soprusi-schiaffi-e-ustioni-ai-figli-per-4-anni-il-caso-in-aula
Ti-Press
La procuratrice pubblica Valentina Tuoni

Hanno maltrattato i loro due figli, oggi di 4 e 6 anni, per quattro anni, dal 2017 al 3 settembre 2021, quando ai loro polsi sono scattate le manette e il carcere preventivo per due mesi. Da allora non è più permesso loro di vedere i bambini, collocati in affidamento. Il motivo? Una perizia, ordinata dall’Autorità regione di protezione (Arp), ha stabilito la loro incapacità genitoriale. Il caso è approdato oggi in aula penale davanti alle Assise correzionali di Lugano. Sul banco degli imputati, una coppia di origini egiziane: lui, 65 anni, passaporto svizzero, con una decina di precedenti penali per danneggiamento e furti e lei, 39 anni, cittadina egiziana, accusati di ripetuta violazione del dovere d’assistenza o educazione e di furti di capi di abbigliamento. Lui è al beneficio della invalidità; lei – per lo stupore della pubblica accusa, che ha appreso la notizia solo oggi in aula – fa la babysitter in una famiglia del Malcantone. La coppia ha iniziato le pratiche per il divorzio – l’udienza è già fissata per il prossimo 22 agosto.

Lui ammette, lei nega. Ma i figli non vogliono rientrare in quella casa ‘brutta brutta’

I due imputati, è indicato nell’atto d’accusa, in più occasioni non davano da mangiare ai figli, li picchiavano, con sberle, morsi, tirando loro i capelli e litigavano davanti a loro. Emerge persino una pratica da brividi: la donna riscaldava un cucchiaino con un accendino e quando questo raggiungeva temperature incandescenti lo appoggiava sulla pelle dei figli, procurando loro ustioni e abrasioni. Lui ammette le proprie responsabilità. Lei invece nega, salvo riferire di una sberla data al figlio e di aver alzato la voce. I maltrattamenti sono certificati dai medici dell’Ospedale regionale di Lugano: lesioni, molteplici ecchimosi, abrasioni, cicatrici su tutto il corpo, gravi traumi. Anche un rapporto del Servizio medico psicologico – letto dal giudice Marco Villa – attesta conseguenze sui minori: presenza di traumi precoci, sofferenze fisiche e psichiche e ritardi nello sviluppo del bambino per cui occorrono progetti terapeutici. Analoghe conseguenze per la bambina, che presenta fragilità cognitiva ed emozionale e un lieve ritardo nello sviluppo e viene consigliato un intervento pedagogico e psicomotorio. La prova del nove: collocati in un ambiente sano, dopo l’arresto dei loro genitori, i due piccoli hanno recuperato notevolmente il loro equilibrio psicofisico.

La madre si autoassolve: «Essendo lontani da me non possono raggiungere la sicurezza in loro. Se tornano con me vivranno meglio. Prima c’erano problemi con mio marito, ma adesso che vivo da sola i miei figli possono tornare con me. Abbiamo sbagliato, ma chiedo il perdono. Ma non ho fatto le cose riferite da mio marito, perché sono una mamma» – ha reagito la donna. Ma i bambini, sentiti dagli specialisti, non hanno mai espresso di voler tornare dai genitori, "in quella casa brutta brutta", e raccontano di essere stati maltrattati da padre e madre – ha fatto presente il giudice. «Non ci credo» – ha risposto la donna.

Gli imputati si rimpallano le accuse. La donna ha ammesso solo «di averli sgridati o di non portarli a giocare se non fanno i bravi». E i segni sul corpo? «Non più di altri bambini, giocano, litigano e cadono, anche perché i miei figli sono vivaci. Giuro di non aver mai toccato i bambini» – ha ripetuto la donna. Che ha scaricato le colpe sul coimputato, raccontando di quando prese la cintura dall’armadio, «picchiando i figli sulle spalle, la schiena e le ginocchia, dopo che avevano bisticciato fra loro».

I due imputati sono accusati anche di furti (almeno nove) di capi d’abbigliamento nei grandi magazzini, per un importo complessivo di 2mila franchi e in buona parte restituiti. La procuratrice pubblica, Valentina Tuoni, nella sua requisitoria ha evidenziato: «Li hanno cresciuti in un ambiente malsano, violento. Entrambi gli imputati sono responsabili di tradimento nei loro confronti, per averli privati di educazione. Mai un segno di pentimento è venuto dalla madre». Il magistrato ha parlato di «tossicità dell’ambiente familiare, poco igienico. Gli imputati hanno esposto i due minori a pericolo fisico e psichico». Proposte di pena: 22 mesi, di cui 11 da espiare per l’uomo «che per lo meno ha ammesso le proprie responsabilità» ma è recidivo in termini di furti e allontanamento dai figli fino alla decisione delle autorità competenti. Venti mesi di detenzione, di cui 10 da espiare, invece, per la donna, «che ha perpetrato i maggiori soprusi», interdizione da qualsiasi professione legata ai bambini per tre anni e il divieto di vedere i figli fino alla decisione delle competenti autorità, inoltre espulsione dalla Svizzera per 5 anni. L’accusatrice privata, avvocatessa Sandra Xavier, ha chiesto un risarcimento per torto morale di 5mila franchi per il bimbo e 7mila per la bimba ed esposto alla Corte un quadro raccapricciante di maltrattamenti.

L’avvocatessa Sabrina Aldi, in difesa dell’uomo, ha spiegato che l’atto d’accusa, che il suo patrocinato approva, è stato costruito in particolare grazie alle sue dichiarazioni. La vita familiare dei due coniugi è stata costellata da discussioni, liti, conflitti, interventi della polizia, l’ultimo dei quali ha dato avvio all’inchiesta. La legale ha chiesto una massiccia riduzione della pena. L’avvocato Marco Masoni e l’avvocatessa Sara Menegalli, patrocinatori della donna, hanno in particolare chiesto il proscioglimento dal reato di violazione del dovere d’assistenza o educazione e una pena sospesa. La sentenza domani alle 16.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
19 min
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
29 min
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
7 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
9 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
10 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
10 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
11 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
12 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
16 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
17 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
© Regiopress, All rights reserved